Fernando Alonso sarà tra i protagonisti del nuovo WEC.

Fernando Alonso non ha alcuna intenzione di archiviare la sua esperienza nel World Endurance Championship, e dalle pagine di AS comunica che certamente nei prossimi anni tornerà a gareggiare in questa disciplina del motorsport. Il pilota spagnolo, infatti, è rimasto positivamente colpito dalla riforma attuata dalla FIA che, a partire dalla stagione 2020/2021, punta a sostituire gli attuali prototipi di categoria con delle performanti derivate dalle hypercar stradali.

Una novità che fin da subito ha catturato le attenzioni degli addetti ai lavori e così, dopo l’annuncio della Aston Martin, pronta a debuttare dal prossimo anno con due Valkyrie, è arrivata anche la pronta adesione del due volte campione del mondo di Formula 1. Alonso, infatti, non ha nascosto che è molto incuriosito all’idea di misurarsi nel WEC alla guida di una hypercar, aggiungendo che la rivoluzione varata dalla FIA sta già dando i suoi frutti, con l’impegno già comunicato ufficialmente da Aston Martin e Toyota, ai quali quasi sicuramente si affiancheranno altri marchi di prestigio che renderanno la competizione più spettacolare e affascinante.

Il campione asturiano, del resto, ha ricordato che già in precedenza aveva affermato che sarebbe tornato a gareggiare in Endurance, ed ora ha rilanciato la sua sfida dicendo che sarà certamente a bordo di una hypercar nei prossimi anni, non anticipando però se il suo ritorno avverrà già nella stagione 2020/2021 o nelle annate successive.

Alonso non ha dubbi: tornerà a correre in Endurance.

In attesa del rientro dell’ex pilota della Ferrari, la Toyota ha scelto come suo erede per la prossima stagione (che sarà l’ultima con le vecchie regole) il neozelandese Brendon Hartley, reduce da un’esperienza poco felice in Formula 1 alla guida della Toro Rosso. La casa automobilistica giapponese, al contempo, guarda già al futuro, avendo rivelato di essere già al lavoro per la nuova WEC, quando si presenterà con un’automobile basata su una GR Super Sport con motore ibrido.

Aston Martin in WEC dal 2020/2021

Le novità annunciate dalla FIA per ridare lustro al campionato mondiale Endurance stanno raccogliendo diverse adesioni da piloti e aziende automobilistiche. Tra le più entusiaste del nuovo progetto c’è sicuramente l’Aston Martin, che ha già anticipato che a partire dalla stagione 2020/2021 scenderà in pista con due Valkyrie che monteranno propulsori aspirati V12 e che saranno sicuramente tra le protagoniste della 24 Ore di Le Mans.

L’importante annuncio è stato dato in una data piuttosto particolare per la società britannica, poiché esattamente 60 anni fa otteneva il suo primo e unico trionfo nella classifica assoluta grazie alla coppia Roy Salvadoir-Carrol Shelby. Inoltre proprio nel 2021 (quando sarà ufficialmente tra i marchi iscritti al WEC) cadrà il 100° anniversario della prima corsa a cui ha preso parte una Aston Martin sul Circuit de la Sarthe.

Aston Martin in WEC dal 2020/2021.

Intervistato dalla Reuters, l’amministratore delegato della società britannica, Andy Palmer, non ha nascosto che l’azienda ha ancora molto da lavorare, essendo pienamente consapevole di quanto sia arduo l’obiettivo di un trionfo a Le Mans, e ben sapendo della competitività e delle risorse di cui dispone la Toyota. Ad ogni modo, il dirigente ha ribadito che l’Aston Martin non ha alcuna intenzione di sbarcare in Endurance solo per fare numero, augurandosi che nei prossimi mesi possano arrivare anche le adesioni di Ferrari e McLaren per rendere ancor più combattuto e spettacolare il nuovo WEC.

Se vuoi leggere altre news della sezione Motori, puoi cliccare al seguente link: https://sport.periodicodaily.com/category/motori/

Please follow and like us:

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.