Direttamente da Kallang in Singapore e live su DAZN dalle ore 14.00 di Sabato 26 Ottobre, la UFC Fight Night 162 presenta nella sua main card, lo scontro tra due maestri del grappling. Demian Maia (27-9) sfida Ben Askren (19-1) in un incontro che potrebbe essere appassionante. In particolare, per coloro che amano il lato più tecnico e strategico delle MMA.

Stavolta la UFC non si è impegnata molto nel costruire una card rilevante intorno al main event – come successo invece nell’evento FN 158 o in quello FN 160. L’unico nome di una certa rilevanza è, lo spesso sottovalutato, Michael Johnson (19-14) che affronta Steven Ray (22-9) nel co main event. Altri nomi che potrebbero regalare qualche colpo a sorpresa sono sicuramente l’atteso Ciryl Gane (4-0) e Movsar Evloev (11-0).

UFC Fight Night 162 - Ben Askren
Ben Askren dopo la sua vittoria all’esordio contro Robbie Lawler

Tutti gli occhi su Ben Askren…

Dopo aver subito il KO più rapido nella storia della UFC, nel suo ultimo combattimento contro Jorge Masvidal, Ben Askren deve recuperare credibilità. Avendo dominato senza nessuna sconfitta, in altre importanti organizzazioni delle MMA come Bellator e ONE, il suo arrivo in UFC è stato dir poco tormentato. Il suo esordio, contro Robbie Lawler, è stato deciso da una discutibile decisione dell’arbitro, anche rischiando più volte di essere messo KO dalle combinazioni di Lawler. Contro Masvidal sappiamo tutti com’è andata a finire. La sua prima cocente e umiliante sconfitta in carriera.

Il suo straordinario wrestling forse non è abbastanza nella UFC. La sua monodimensionalità, forse lo rende troppo prevedibile. Demian Maia, all’opposto, è l’esempio di uno dei più grandi maestri di BJJ e grappling che ha saputo adattare il suo stile durante il suo lungo curriculum. Nonostante quasi più della metà delle sue 27 vittorie in carriera sia arrivata attraverso una sottomissione. Maia ha rafforzato la sua kick boxing rendendosi sempre più completo e decisamente imprevedibile.

Sarà un incontro in cui la resistenza e il cardio faranno la differenza. Ben Askren ha già dimostrato più volte di poter fare wrestling senza soluzione di continuità per cinque round. Per questo, Demian Maia con i suoi 41 anni potrebbe ritrovarsi a corto di ossigeno dopo il terzo round. Ma se riuscirà a mantenere le distanze, difendere la maggior parte delle proiezioni di Askren, potrebbe trovarsi in una situazione di ipotetico dominio. Soprattutto con la latente possibilità di chiudere l’incontro con una sottomissione, al primo eccesso di foga di Ben Askren.

Potenzialmente potrebbe essere un incontro entusiasmante. Ma con ogni probabilità risulterà uno show di tecnica, grappling e fasi a terra che finirà per deliziare solo gli esperti e gli addetti ai lavori.

UFC Fight Night 162 - Michael Johnson open workout
Michael Johnson in una sessione di allenamento aperta al pubblico

UFC Fight Night 162 – Gli altri incontri

Ci sono molti nomi sconosciuti ai più nel resto della card. Forse la curiosità maggiore sarà nel vedere se Movsar Evloev riuscirà ad abbattere un duro ed esperto fighter come Enrique Barzola (16-4-1) e mantenere così la sua imbattibilità. Speriamo che in una card così spoglia di nomi di livello, ci possano essere molte sorprese e nuovi eccitanti prospects.

Qua l’elenco completo di tutti gli incontri:

UFC Fight Night 162 – Main Card

  • Demian Maia Vs Ben Askren
  • Michael Johnson Vs Stevie Ray
  • Frank Camacho Vs Beneil Dariush
  • Ciryl Gane Vs Don’Tale Mayes
  • Muslim Salikhov Vs Laureano Staropoli

UFC Fight Night 162 – Preliminari

  • Randa Markos Vs Ashley Yoder
  • Alex White Vs Rafael Fiziev
  • Enrique Barzola Vs Movsar Evloev
  • Maurice Green Vs Sergei Pavlovich
  • Loma Lookboonmee Vs Alexandra Albu
  • Raphael Pessoa Nunes Vs Jeff Hughes
Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.