Arabia Saudita Formula 1
Arabia Saudita formula 1: critiche alla new entry

Pioggia di critiche sull’Arabia Saudita che dal prossimo anno entrerà a far parte del calendario di Formula 1, anche quest’ultimo motivo di discussioni e per molti addiriuttura da cambiare.

Quando entrerà nel calendario di Formula 1 l’Arabia Saudita

L’entrata del paese arabo nella Formula 1 avverrà con una gara notturna a Gedda per passare poi nella struttura che sarà costruita a Quaddiya. Tuttavia, la novità della corsa che costeggerà le rive del Mar Rosso ha suscitato non poche critiche. Sono infatti molte le accuse che ritengono la scelta inappropriata specialmente per quanto riguarda la carenza di diritti umani nel paese.

Le critiche di Amnesty International

L’organizzazione internazionale per la difesa dei diritti umani, spiega come questa decisione sia solo un tentativo per coprire gli abusi compiuti in quel territorio. Felix Jakens responsabile dell’associazione del Regno Unito ha dichiarato:” La Formula 1 dovrebbe rendersi conto che un Gran Premio nell’Arabia Saudita farebbe parte del meccanismo per coprire l’attuale record di carenza di diritti umani”. La FIA, organo di governo della Formula 1 si è sempre definita un’organizzazione non politica. I vertici si sono infatti giustificati ricordando la loro neutralità in merito alle situazioni interne dei paesi scelti per le gare.

La risposta del Principe Khalid

Il Principe Khalid Bin Sultan Al Faisal, responsabile del motorsport ha dichiarato:” Non sono entusiasti a causa di alcuni problemi con i diritti umani: non conoscono il paese. Aprirci agli altri sarebbe un modo per cambiare opinione su di noi”. Il principe ha inoltre spiegato come la questione sui diritti umani sia già stata discussa con la FIA aggiungendo di aspettarsi comprensione per un paese con storia e cultura diverse che cerca unione e solidarietà tramite lo sport.

Formula e 2021: prima gara serale in Arabia Saudita

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20