GP Silverstone Vettel: “Oggi ero troppo lento

La presentazione di ieri dell’Aston Martin AMR21 è un evento, anche per la presenza di Sebastian Vettel. Il quattro volte iridato riparte della scuderia anglo canadese, dopo aver chiuso la parentesi Ferrari. E’ un Seb che sembra rigenerato, lontano dal pilota stanco e demotivato che è apparso fino all’anno scorso. Nel corso dell’unveiling della sua nuova vettura, non ha mancato di dire la sua su una stagione dove la parola d’ordine è: riscatto.


Aston Martin inaugura l’era della F1


Aston Martin, cos’ha detto Sebastian Vettel?

Ho ancora tanta fame di vittoria“. Con questa frase, Vettel ha voluto ribadire che la sua motivazione è la stessa di sempre, e che gli anni difficili con la Ferrari non lo hanno fatto disamorare delle corse. “Vincere è molto ambizioso forse, ma andiamo in pista e vediamo cosa riusciamo a fare“. Con questa frase, invece, l’ex ragazzo di Heppenheim ha voluto mantenere i piedi per terra, conscio del fatto che l’Aston Martin non è (quasi) una Mercedes, e che ci vorrà tempo prima di poter lottare contro le Silberpfeil.

Sia io che il team siamo molto ambiziosi, sappiamo dove vogliamo arrivare, ma siamo solo all’inizio e sono fiero di farne parte sin dal primo passo“, ha detto ancora Vettel. “Ho molta esperienza e posso aiutare questo team. Darò dei feedback per rendere la macchina ancora più veloce, ma questo team è già grande. Sono contento di essere qui, non vedo l’ora di andare al volante e scendere in pista con questa vettura“.

Uno sguardo al passato per guardare al futuro

Sebastian Vettel crede molto nel potenziale dell’Aston Martin, che come sappiamo nasce dalle ceneri della Racing Point. Sotto la vecchia denominazione, ha spesso lottato per il podio ed ha vinto persino un GP, con il neo acquisto Red Bull Sergio Perez. “Il team è stato molto competitivo in passato, è molto talentuoso e ha grande spirito“, ha proseguito Seb, “Spero di poter contribuire a migliorarlo, è difficile fare promesse adesso sui risultati. Lo sport è sempre difficile, ma guardiamo con fiducia alla stagione. Aston Martin è la storia dell’automobilismo, molto elegante. L’obiettivo è andare in pista, ottenere buoni risultati e rilanciare questo brand nel mondo. Giovedì sarò sulla vettura per la prima volta, non vedo l’ora: dopo potrò capire meglio alcune specifiche tecniche. Non ho avuto una grande stagione nel 2020, ma sono già concentrato per il futuro. Dal primo gennaio ero già operativo con Aston Martin“.


Gp Sakhir: Perez ottiene la sua prima vittoria


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20