Atalanta-Napoli
I giocatori dell'Atalanta esultano per la rete del 2-0: Credit by [email protected]

Atalanta-Napoli | 29.esima giornata Serie A Tim 2019/2020

Nella penultima gara della 29.esima giornata di Serie A, l’Atalanta batte anche il Napoli e blinda il quarto posto che vale la qualificazione alla prossima Champions League. Questa settima vittoria consecutiva in campionato vale il +12 sulla Roma in classifica. Difficile che una squadra collaudata e ormai esperta come la Dea getti tutto alle ortiche nelle ultima nove giornate.

Dopo un primo tempo a tratti noioso, la sfida del Gewiss Stadium si decide nella ripresa grazie al terrificante uno-due firmato Pasalic-Gosens. Nonostante 45′ minuti giocati ad ottimi livelli, il Napoli deve alzare bandiera bianca e dire addio alle velleità Champions.

Come già detto, la prima frazione di questa super sfida con vista Europa si rivela a tratti soporifera, complice soprattutto l’atteggiamento guardingo di entrambe le compagini. Nel complesso meglio gli ospiti, che giocando molto corti sono riusciti ad annullare l’intensità e la verve offensiva dell’Atalanta per poi proporsi in contropiede.

L’unica azione saliente è l’infortunio capitato al portiere campano David Ospina intorno al 20′ (bravo su Gomez in precedenza). Il colombiano sugli sviluppi di un calcio di punizione vede franarsi addosso sia Caldara che Mario Rui. Inizialmente si pensava solo ad un taglio sopraccigliare, ma ben presto si è capito che il guaio fosse più serio.

Il numero uno azzurro è uscito in barella accompagnato dai sanitari. Per fortuna nel secondo tempo si è regolarmente seduto in panchina con i suoi compagni. Al suo posto dentro Meret.

Imbrigliata nel primo tempo, l’Atalanta cambia ritmo nella ripresa, straripando fin da subito su entrambe le corsie. Il pressing forsennato dei nerazzurri torna a funzionare e in 8′ il Napoli va ko: l’assist numero 15 in campionato del Papu Gomez (migliore in campo) trova il perfetto colpo di testa del jolly Pasalic (47′), poi un tiro sbilenco di Toloi diventa il passaggio vincente per l’accorrente Robin Gosens (55′).

Nono centro in campionato per il tedesco: niente male per un calciatore che di professione fa il terzino. Accusato il colpo, il Napoli prova a rientrare in partita anche grazie agli ingressi in campo di Milik e Lozano.

Quest’ultimo ha subito la palla del 2-1, ma Gollini è bravo in uscita. Poco dopo tocca a Fabian Ruiz sfiorare il gol della speranza, ma la sua conclusione mancina termina a lato.

In maniera molto generosa i partenopei continuano a provarci, ma l’Atalanta è attenta in difesa fino all’ultimo.

Dopo 4′ di recupero il signor Doveri indica la fine dell’incontro: Atalanta-Napoli termina 2-0.

Atalanta-Napoli 2-0 | Tabellino

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi (44′ st Sutalo), Caldara (27′ st Palomino), Djimsiti (36′ st Hateboer); Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez, Pasalic (44′ st Tameze); Zapata. A disposizione: Rossi, Sportiello, Bellanova, Czyborra, Da Riva, Ilicic, Colley, Muriel. Allenatore: Gasperini

NAPOLI (4-3-3): Ospina (30′ pt Meret); Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Demme (28′ st Lobotka), Ruiz, Zielinski; Politano (28′ st Callejòn), Mertens (12′ st Lozano), Insigne (13′ Milik). A disposizione: Karnezis, Luperto, Ghoulam, Manolas, Hysaj, Elmas, Younes. Allenatore: Gattuso

ARBITRO: Doveri di Roma

MARCATORI: 2′ st Pasalic (A), 13′ st Gosens (A)

NOTE: Ammoniti: Toloi (A); Mario Rui (N). Recupero: 4′ pt, 4′ st.

Leggi anche: https://sport.periodicodaily.com/liga-il-real-madrid-batte-il-getafe-1-0-e-mette-una-mano-sul-titolo/

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20