atleti russi sanzionati

Gli atleti russi sanzionati non potranno esibirsi sotto la bandiera nazionale e utilizzare l’inno nazionale nelle competizioni internazionali fino al 16 dicembre 2022. Il Tribunale Arbitrale dello Sport ha esaminato la controversia tra l’Agenzia Mondiale Antidoping (AMA) e l’Agenzia Russa Antidoping (RUSADA). Alla fine, le sanzioni dell’AMA contro lo sport russo sono state ridotte da 4 a 2 anni.

Quali sono i provvedimenti per gli atleti russi sanzionati?

Le sanzioni riguarderanno i Campionati del Mondo, così come le Olimpiadi e le Paralimpiadi. Contemporaneamente, San Pietroburgo potrà ospitare Euro 2020, la finale di Champions League-2021/22 e il Campionato del Mondo di Hockey del 2023. Kazan – la Supercoppa UEFA-2023. Si fa notare che RUSADA deve pagare a WADA una commissione di 1.270.000 dollari a titolo di rimborso. Rimborso per le spese sostenute dall’agenzia dal gennaio 2019 alla data della decisione. Inoltre è vietato ai funzionari russi e ai membri del Comitato Olimpico russo di partecipare ai Giochi Olimpici e Paralimpici per due anni.

Per quale motivo gli atleti russi sono sanzionati?

Ricordiamo che il 9 dicembre 2019 il comitato esecutivo dell’AMA ha tolto all’agenzia russa lo status di compliance. Questo verdetto si basava sulla conclusione della commissione sulla presenza di manipolazioni nel laboratorio di Mosca. Azione fatta nel periodo successivo alla decisione di reintegrare RUSADA nel 2018. All’epoca si decise di sospendere per quattro anni gli atleti russi dalla partecipazione alle principali competizioni internazionali. Ossia, i Giochi Olimpici e Paralimpici, sotto la bandiera russa. RUSADA non era d’accordo con la decisione del comitato esecutivo dell’AMA, il caso era stato rinviato. L’udienza si è svolta dal 2 al 5 novembre a Losanna.

Sanzioni che colpiscono anche sport come il Curling

La Federazione russa di curling, è particolarmente colpita dal verdetto di colpevolezza del TAS. La federazione del Curling ha in programma di organizzare un campionato del mondo. A Mosca è stato costruito uno stadio costato decine di milioni di dollari. Adesso non si può tenere il torneo perché c’è una posizione aperta di TAS e WADA. Allo stesso tempo, non ci sono violazioni nel curling. L’unico caso degli ultimi anni si è verificato alle Olimpiadi del 2018 in Corea, quando hanno trovato positivo al doping Alexander Krushelnitsky. A parte questo episodio, non ci sono rivendicazioni da parte della federazione internazionale. Invece in questo caso applicano una punizione collettiva. Nessuno ha il diritto di applicare sanzioni all’intero Paese. WADA deve colpire chi ha sbagliato, i funzionari sportivi non dovevano essere sanzionati.


Atleti russi ascoltati dalla TAS sulle olimpiadi di Tokyo 2021


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20