― Advertisement ―

spot_img

Valencia – Girona – probabili formazioni

La battaglia del Girona per arrivare sopra il Barcellona al secondo posto della classifica della Liga continuerà domenica 19 maggio sera, quando si recherà...
HomeMotoriFormula Uno"Audace e aggressiva": l'auto di F1 2023 di Aston Martin influenzata dalla...

“Audace e aggressiva”: l’auto di F1 2023 di Aston Martin influenzata dalla Red Bull

Il direttore tecnico della Aston Martin F1, Dan Fallows, ha definito la nuova AMR23 “audace e aggressiva”, sottolineando che i sidepods sono una “grande area di differenza”. Come molti team che hanno presentato le loro vetture di F1 2023, i sidepods sono stati un’area chiave di attenzione.

Aston Martin mostra la sua nuova F1 2023

Come prevedibile, i team hanno guardato alla Ferrari, e in particolare alla Red Bull, l’anno scorso e si sono ispirati alle loro vetture 2022. Visivamente, la zona del sidepod della nuova AMR23 è simile a quella della RB18 della Red Bull, anche se Fallows ha tenuto a precisare che non è stata l’unica area di interesse per il team durante l’inverno. “Siamo partiti quest’anno con l’intenzione di essere audaci e aggressivi, per cercare di fare tesoro delle lezioni dell’anno scorso”, ha dichiarato Fallows ai media. “Vogliamo risalire la griglia e iniziare a sfidare le squadre davanti, e non possiamo farlo stando seduti e conservativi. Le pedane laterali sono una grande area di differenza. “Non direi che questo è stato il nostro obiettivo principale, ma credo che ci siano miglioramenti e cambiamenti in tutta la vettura. “Ovviamente ci sono molte cose che non si vedono, ma sotto la pelle ci sono miglioramenti ingegneristici sostanziali a molti componenti meccanici e all’aerodinamica. Ovviamente ci sono molti altri aspetti dell’aerodinamica che spero non si vedano, per ora”. Quindi, anche se i sidepods sono un elemento ovvio dal punto di vista visivo, è una delle aree su cui abbiamo lavorato. “Ma credo che dimostri l’approccio piuttosto aggressivo che abbiamo adottato nello sviluppo di questa vettura”. Pur essendo stata influenzata dalla RB18 della Red Bull, vincitrice del titolo, l’Aston Martin continua a utilizzare la scatola del cambio della Mercedes. Fallows ha negato che l’uso di parti Mercedes sia un “handicap” per loro. “Siamo molto fortunati ad avere una partnership con Mercedes e a poter utilizzare la loro esperienza nella nostra auto”, ha detto Fallows. Un’altra frecciatina ad Alpine da parte di Alonso? “Se fossimo arrivati settimi avremmo festeggiato”. “Onestamente non è stato affatto un handicap per noi avere i loro componenti. È stata una grande spinta per noi. “È chiaro che si sviluppano da soli. Dobbiamo essere in grado di mettere le nostre superfici aerodinamiche anche sulle loro sospensioni posteriori, quindi non sono completamente loro da un punto di vista aerodinamico. “Quindi no, onestamente non credo che sia un handicap per noi”.