Tra trofei e polemiche volge al termine la carriera nei blancos, Bale e Navas dicono addio

(di Marco Tulli) – Lo scorso anno, fu un certo Cristiano Ronaldo a dare l’addio al Real Madrid, oggi, un’altra parte di quella squadra che ha scritto le ultime pagine della storia del calcio europeo e mondiale, chiude il proprio capitolo nella storia del Real. Oggi è il giorno dell’addio per Gareth Bale, attaccante gallese di 29 anni in forza al Real Madrid dalla stagione 2013/2014 e Keylor Navas, 32 anni costaricano, portiere dei “blancos” dalla stagione 2014/2015.

Un abbraccio tra i due compagni di squadra. Bale e Navas addio al Real
Navas e Bale

Con il loro addio, al Real, ci si avvia verso il tramonto di un’era vittoriosa. Un’era fatta di successi, meno a livello nazionale di quanto questi “eroi” abbiano fatto a livello internazionale, con diverse Champions League conquistate e altrettante Coppe del mondo per Club.

Quella contro il Betis di Siviglia, oggi alle 12, sarà la loro ultima apparizione al Santiago Bernabeu che nonostante diversi dissapori dell’ultima stagione, li saluterà a fine gara nella maniera più onorevole possibile. Un addio amaro al termine di una stagione deludente sotto ogni punto di vista, una clamorosa eliminazione in Champions agli ottavi di finale ai danni dell’Ajax ed un clamoroso terzo posto distante 18 punti dagli eterni rivali del Barcellona primi con 86 punti.

l’addio di Keylor Navas

Navas festeggia il titolo di miglior portiere della Champions League
Navas festeggia il titolo di miglior portiere della Champions League

Per Navas una stagione assai complicata, dettata da l’arrivo ad inizio stagione di Courtois che è riuscito a mettere da parte il portiere delle ultime tre Champions League. Un Navas che ritrova un pò di serenità con il ritorno di Zidane sulla panchina delle “merengues”, un ritorno che però comunque non è riuscito a far cambiare idea a Navas che, ha deciso di lasciare la corte di Florentino Perez per dare libero sfogo al portiere di nazionalità belga.

l’addio di Gareth Bale

Bale sorride con la medaglia d'oro tra i denti per festeggiare la vittoria della Champions League del 2016
Bale sorride con la medaglia d’oro tra i denti per festeggiare la vittoria della Champions League del 2016

Diverso è per quanto riguarda l’attaccante gallese che ha deluso le aspettative della società. Il Real aveva deciso di puntare su di lui per guidare l’attacco dopo l’addio di Ronaldo. Una decisione che si è rivelata del tutto errata visti gli otto gol personali realizzati in meno e i trentuno complessivi. Un Bale molto polemico che non è riuscito ad evitare gli scontri sia con Solari che con Zidane il quale, non lo ha nemmeno convocato per le ultime due partite di campionato. Un Bale che dopo il K.O. in tutte le competizioni è stato preso di mira dal Bernabeu per mostrare tutto il suo dissenso per la stagione effettuata. Forse troppo polemico e “cattivo” il popolo madridista per un giocatore che con indosso la maglia bianca ha vinto tutto.

Navas festeggia la vittoria della Champions League. Bale e Navas addio al Real
Navas festeggia la vittoria della Champions League
Bale con in mano la Champions del 2017. Bale e Navas addio al Real
Bale con in mano la Champions del 2017

Palmarès

Quello che è sicuro è che, con l’addio di questi due grandi campioni oggi e, di Ronaldo ieri, si sta ufficialmente chiudendo un capitolo lungo:

  • 1 Campionato spagnolo 2016/2017
  • 1 Supercoppa di Spagna 2017
  • 4 Coppe del Mondo per club 2014, 2016, 2017, 2018
  • 4 UEFA Champions League 2014/15, 2015/16, 2016/17, 2017/18 (tre per Navas che nella stagione 2013/14 militava nel Levante)
  • 3 Supercoppa UEFA

Per leggere altri articoli di sport clicca qui.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20