Basaksehir-PSG

Tra Basaksehir-PSG a spuntarla sono gli ospiti. Dopo un primo tempo di difficoltà, i parigini trovano la rete del vantaggio nella seconda frazione grazie a Kean. I turchi provano a reagire, ma i francesi chiudono i conti con la seconda rete dell’ex Juventus. primi tre punti per i francesi, che “salvano” anche la panchina di Tuchel. I turchi restano a bocca asciutta ancora una volta.

Quali sono state le formazioni ufficiali?

Okan Buruk disegna i suoi col 4-3-3. Gunok tra i pali e linea difensiva composta da Rafael, Škrtel, Epureanu e Bolingoli. Topal, Kahveci e Ozkan formano il pacchetto di centrocampo, mentre in attacco spazio a Turuc, Visca e Crivelli.
Tuchel conferma il 4-4-2. Navas in porta e pacchetto difensivo formato da Kurzawa, Kimpembe, Danilo e Florenzi. Marquinhos e Herrera giocano in mediana, con Mbappè e Di Maria esterni di centrocampo. In avanti spazio a Neymar e Kean.
Arbitra questo Basaksehir-PSG il direttore di gara Ekberg.

Primo tempo di Basaksehir-PSG non esaltante

Il canovaccio della gara è chiaro fin dai primi secondi, col PSG che prova a fare la partita e turchi che chiudono gli spazi. Ci vuole molto poco per assistere alla prima ammonizione del match: al 4′ Crivelli viene ammonito per un’entrata in ritardo. I francesi arrivano alla conclusione con Marquinhos e Mbappè rispettivamente al 6′ e al 9′, ma in entrambi i casi il pallone non termina in rete. I truchi giocano di contropiede e al 16′ approfittano di una ripartenza di Crivelli per pungere la retroguardia francese. L’attaccante conclude a lato di un soffio. Non perfetto il pacchetto difensivo dei parigini in questa occasione. Il PSG risponde on una bella conclusione a giro di Di Maria, la sfera termina a lato di pochissimo. La squadra di Tuchel però deve fare a mano di Neymar. L’asso brasiliano chiede il cambio per un problema fisico e al 26′ Sarabia lo sostituisce.

Pochi spazi, gli ospiti ci provano con i tiri dalla distanza

Il risultato non si sblocca, il PSG tiene palla, ma non riesce a sfondare la difesa della squadra padrona di casa. I francesi quindi si affidano alle conclusioni dalla distanza, ad esempio come quella di Di Maria al 34′ con esito uguale al tentativo precedente. Gli opsiti provano ad alzare i giri del motore, al 38′ Kean serve Mbappe e il francese non inquadra la porta. Le soluzioni offensive dei turchi sono nei piedi di Visca. La punta bosniaca prova nuovamente la fortuna al 39′ e ancora una volta non trova la porta. Negli ultimi minuti della prima frazione il risultato non si sblocca e l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi. Un primo tempo non esaltante quello di Basaksehir-PSG. I francesi hanno tenuto il pallino del gioco, ma non sono riusciti a sfondare la perfetta organizzazione dei turchi. Da segnalare inoltre la sostituzione di Neymar al 26′ a causa di un infortunio.

Kean decide Basaksehir-PSG

Nessun cambio da ambo le parti in questo intervallo. Subito pericolosa la squadra francese al 47′ con una conclusione alta di Sarabia all’interno dell’area di rigore turca. Due minuti dopo finisce sul taccuino dei cattivi anche Epureanu e la stessa sorte capita anche a Topal. Il Basaksehir comunque è sempre molto pericoloso in contopiede e ci vuole un ottimo intervento di Navas su Visca al 58′ per salvare i parigini da un clamoroso svantaggio.

Kean sale in cattedra

Nonostante la buona partita tattica dei turchi, il PSG torva la rete del vantaggio al 65′: sugli sviluppi di un corner battuto da Mbappè, Gunok esce completamente a caso dalla porta e Kean, lasciato incredibilmente solo, può segnare la rete del vantaggio ospite. Doccia gelata per i turchi, che fino alla rete dei parigini avevano giocato davvero bene. Nelle file dei padroni di casa esce Bolingoli, sostituito da Hasan e poco dopo fa il suo ingresso in campo anche Ba al posto di Topal.

I turchi però non ci stanno e Turuc impegna severamente Navas al 72′. Tuchel opera un doppio cambio al 74′: Keher e Rafinha al posto di Florenzi e Di Maria. Qualche minuto dopo i cambi il PSG trova la rete del raddoppio al 79′. Ancora una volta è Kean a timbrare il cartellino. Dopo la doppietta in Ligue 1 l’attaccante si ripete anche in Champions League. Prova a smuovere qualcosa Okan Buruk con gli ingressi di Giuliano e Aleksin per Crivelli e Turuc, ma la gara non ha più molto da dire. All’84’ Keher viene ammonito per un duro intervento in mezzo al campo. Nei minuti finali di gara Tuchel regala qualche minuto anche a Bakker e Gueye. I quattro minuti di recupero assegnati non regalano emozioni.

Con qualche difficoltà in più del previsto il PSG porta a casa tre punti fondamentali. Tuchel così tira anche una boccata d’aria visto che la sua permanenza sulla panchina dei francesi non sembrava più così stabile. Il Basaksehir gioca una buonissima partita, ma viene punito alla prima disattenzione.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20