― Advertisement ―

spot_img

Max Verstappen tiene a bada la sfida di Lando Norris e vince a Imola

Max Verstappen della Red Bull ha tenuto a bada una sfida tardiva di Lando Norris della McLaren per vincere il Gran Premio dell'Emilia Romagna...
HomeCalcio InternazionaleChampions LeagueBayern Monaco vs Arsenal - probabili formazioni

Bayern Monaco vs Arsenal – probabili formazioni

Tornando sulla scena di molte capitolazioni in Champions League, l’Arsenal calcherà il manto erboso dell’Allianz Arena mercoledì 17 aprile sera per il secondo turno dei quarti di finale con il Bayern Monaco.

L’esordio della scorsa settimana all’Emirates è stato sicuramente all’altezza delle aspettative, ma gli uomini di Mikel Arteta hanno dovuto rimpiangere errori inusuali nel pareggio per 2-2 con gli ex campioni della Bundesliga, che hanno ottenuto un combattuto pareggio nonostante l’assenza di un gol in trasferta. Il calcio di inizio di Bayern Monaco vs Arsenal è previsto alle 21

Anteprima della partita Bayern Monaco vs Arsenal a che punto sono le due squadre

Bayern Monaco

Né Serge Gnabry né Harry Kane hanno fatto faville con i colori dell’Arsenal durante i loro trascorsi nell’accademia dei Gunners, ma il duo del Bayern ha certamente lasciato il segno sul terreno dell’Emirates durante un thriller di quattro gol, che ha preso vita grazie alla bella conclusione di Bukayo Saka.

Tuttavia, mentre la grandezza dell’occasione pesava sulle spalle inesperte dell’Arsenal, la qualità individuale del Bayern è venuta alla ribalta: Gnabry e Kane sono tornati a Londra Nord con il botto per risollevare le sorti della squadra di Thomas Tuchel, a cui è stata negata una vittoria fondamentale solo dal super subentrato Leandro Trossard.

I bavaresi sono sopravvissuti a un momento pietrificante proprio all’ultimo respiro, quando lo scontro tra Manuel Neuer e Saka non è stato considerato degno di un rigore – con grande rabbia di quest’ultimo – ma lo stallo dell’Emirates è sicuramente a vantaggio del Bayern, anche se la regola dei gol in trasferta appartiene ormai al passato.

Quando il Bayern è sceso sul terreno del nord di Londra, ha mantenuto una debole presa sul titolo della massima serie tedesca e ha fatto tutto il possibile per ritardare l’incoronazione del Bayer Leverkusen con un 2-0 sul Koln sabato, ma la batosta a cinque stelle del Die Werkself sul Werder Bremen il giorno successivo significa che il regno di 11 anni dei padroni di casa di supremazia nella Bundesliga è ora storia.

L’eliminazione dei dubbi domestici può dare nuova linfa a un Bayern che ora ha solo da lottare per il successo europeo da qui alla fine della stagione. I bavaresi sono avanzati in 17 delle ultime 18 gare a eliminazione diretta di Champions League evitando la sconfitta all’andata, oltre a essere rimasti imbattuti nelle ultime 14 partite casalinghe nel massimo torneo europeo.

Arsenal

Tuttavia, l’unica eliminazione del Bayern in questa sequenza di 18 partite è arrivata per mano di un’avversaria inglese nella stagione 2018-19, il Liverpool, il cui scivolone in Premier League contro il Crystal Palace ha offerto all’Arsenal l’opportunità principale di creare un po’ di spazio nella corsa al titolo.

L’aspettativa si è però trasformata in imbarazzo per i fedeli dei Gunners: dopo non essere riusciti a far valere il loro dominio nel primo tempo contro l’Aston Villa, i colpi di Leon Bailey e Ollie Watkins hanno fatto sì che Unai Emery si prendesse l’ultima rivincita contro i suoi ex datori di lavoro.

Una manciata di tifosi dell’Arsenal, con il bicchiere mezzo vuoto, si sono già rassegnati a un altro fallimento per il titolo: gli uomini di Mikel Arteta sono infatti a due punti dal Manchester City dopo la prima sconfitta in Premier League del 2024, che ha visto il Villa resistere a una tempesta nel primo tempo prima di essere premiato per il suo dominio nei secondi 45 minuti.

Arteta e compagni non possono però soffermarsi a lungo sul risultato negativo di domenica, e il pubblico in trasferta può trarre incoraggiamento dallo spettacolare record difensivo dell’Arsenal in territorio avversario, che ha visto i Gunners subire un solo gol nelle ultime sei trasferte e mantenere la porta inviolata in ognuna delle ultime tre.

Non c’è bisogno di ricordare le precedenti umiliazioni degli ospiti sul manto erboso dell’Allianz Arena: l’Arsenal torna a Monaco di Baviera dopo le sconfitte consecutive per 5-1 contro il Bayern nel 2015 e nel 2017, e solo una delle sei trasferte contro i bavaresi ha visto i Gunners prevalere. Anche in questo caso, il successo per 2-0 negli ottavi di finale del marzo 2013 è stato irrilevante a causa dell’abolizione della regola dei gol in trasferta, su cui il Bayern non può contare per superare la linea.

Notizie dalle squadre

Dopo aver ricevuto un quintuplo infortunio prima di recarsi all’Emirates, un’altra crisi di assenze potrebbe colpire il capo del Bayern Tuchel, che sarà sicuramente privo del terzino sinistro di prima scelta Alphonso Davies a causa della sospensione; il canadese è stato ammonito per la terza volta nel torneo nella gara di andata.

Anche il compagno Gnabry, Leroy Sane e Kingsley Coman sono entrati in sala operatoria con infortuni di varia gravità: il primo per un problema al bicipite femorale e Coman per un problema all’inguine li renderanno indisponibili, mentre un punto interrogativo pende sulla testa di Sane a causa di una botta.

Restano in infermeria anche Sacha Boey (anca), Bouna Sarr (crociato anteriore), Tarek Buchmann (bicipite femorale) e Gabriel Marusic (crociato anteriore), ma Manuel Neuer – che ha riposato per precauzione nella sconfitta del fine settimana contro il Koln – dovrebbe essere a posto per presidiare i pali.

Tuchel e Arteta possono condividere il dolore per le nuove preoccupazioni in attacco: il capitano Martin Odegaard non è riuscito a completare tutti i 90 minuti nella sconfitta contro il Villa a causa di un problema non specificato, lasciando i Gooners in apprensione per la sua forma fisica per la seconda tappa.

Jurrien Timber è un assente garantito, in quanto continua il suo recupero dal devastante infortunio al crociato anteriore, ma c’è la speranza che l’olandese faccia il suo tanto atteso ritorno a maggio, e Arteta potrebbe comunque optare per un cambio nella zona dei terzini.

La prestazione di Oleksandr Zinchenko contro il Villa ha lasciato molto a desiderare e, visto che anche Jakub Kiwior la scorsa settimana ha faticato a fronteggiare l’effervescenza delle ali del Bayern, Takehiro Tomiyasu potrebbe essere schierato dall’inizio.

Probabili formazioni Bayern Monaco vs Arsenal

Possibile formazione iniziale del Bayern Monaco:
Neuer; Kimmich, Dier, De Ligt, Guerreiro; Laimer, Goretzka; Muller, Musiala, Sane; Kane

Possibile formazione iniziale dell’Arsenal:
Raya; White, Saliba, Gabriel, Tomiyasu; Odegaard, Jorginho, Rice; Saka, Havertz, Martinelli