bmw sim media challenge

BMW Italia accende i motori “virtuali” della Sim Media Challenge, nel pittoresco contesto dell’Autodromo Nazionale di Monza. Anche per quest’anno, la filiale nostrana della casa bavarese ha lanciato ed organizzato un torneo di corse simulate, dedicate ad una platea selezionate. Sulla replica del circuito brianzolo, i piloti virtuali si sono dati battaglia al volante delle M4 GT4, riproduzioni delle vetture che rappresentano l’ala italica dell’Elica nel campionato GT. In questo articolo andremo ad esplorare più da vicino questo curioso esperimento.


BMW M2 CS Cup: secondo round a Misano


Cos’è la BMW Sim Media Challenge?

La Sim Media Challenge è qualcosa di più di una semplice corsa al simulatore. È un vero e proprio campionato di esports, aperto ad una lista di piloti selezionati. Per partecipare alle gare occorre essere parte di un team che rappresenti una testata giornalistica del settore del motorsport, dell’automotive o del digitale. Il format prevede una sessione di prove libere, una qualifica e due gare. Le prove ufficiali stabiliscono la griglia di partenza per gara 1, mentre per gara 2 si adotta l’ordine di arrivo della manche precedente, ma invertito. La vettura è uguale per tutti, la BMW M4 GT4. La piattaforma adottata è Assetto Corsa Competizione, il gioco di simulazione ufficiale dei campionati World Challenge organizzati dalla SRO di Stephane Ratel. Il campionato 2021 si articola su quattro appuntamenti: dopo Monza, la serie sarà impegnata a Spa Francorchamps, il 22 giugno. Seguiranno Imola, il 6 luglio, ed il Nürburgring, il 20 luglio.

Com’è andata a Monza

La doppia prova di Monza ha visto due vincitori diversi. Corrado Ciriello, pilota della Gazzetta Squadra Corse, ha trionfato in gara 1, davanti al sim racer Igor Sicuro di Motorsport.com Italia e Ivan Nesta, rappresentante di Sky. Ciriello ha poi completato l’opera con il secondo posto di gara 2, battuto dal pilota di Infomotori Racing Team, Michele Faccin. Il podio è completato da Salvo Sardina, della Scuderia Motorbox. Presente anche Alberto Sabbatini, storico direttore di Autosprint e in corsa come rappresentante della rivista Auto. Il romano, figlio del direttore storico Marcello Sabbatini e vicepresidente della giuria del premio “Auto dell’Anno”, ha completato il weekend “virtuale” con un settimo ed un ottavo posto. Per chi se le fosse perse, le gare sono disponibili in streaming sul canale Twitch di BMW Italia, con il commento “d’eccezione” di Giovanni Di Pillo.


Link del canale


Immagine in evidenza (o sarebbe meglio dire screenshot) di BMW Italia, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20