Hamilton terzo e Bottas vince il GP di Russia. Una penalità per un’infrazione prima dell’inizio della gara è costata al campione del mondo Lewis Hamilton la possibilità di eguagliare il record di tutti i tempi di Michael Schumacher per le vittorie in F1.

Le penalità di Hamilton

C’era stato una sorta di dramma prima che la gara iniziasse all’Autodromo di Sochi, e Hamilton è stato indagato per essere nella posizione sbagliata per l’inizio delle prove. Una volta che la corsa è iniziata, Hamilton è partito bene e ha guidato davanti al compagno di squadra Mercedes Valtteri Bottas, ma ha presto appreso che le sue possibilità di vittoria erano in grave pericolo poiché gli sono state assegnate due penalità di cinque secondi per il suo errore pre-gara. “Dov’è questo nel libro delle regole”, ha risposto un Hamilton perplesso quando ha sentito la notizia dalla sua squadra, ma è stato costretto a eseguire la penalità al 17 ° giro, rientrando in gara al 10 ° posto. Purtroppo il suo commento ‘Ridicolo ragazzi, ridicolo’ non è piaciuto ai giudici di gara che gli hanno tolto due punti dalla licenza, avvicinando pericolosamente il pilota alla sospensione.

Il recupero e il podio

Il britannico si è fatto strada attraverso il gruppo ed è salito al terzo posto al 30 ° giro, anche se era a più di 20 secondi dalla stella finlandese Bottas e non è riuscito a prendere il secondo posto, andato al pilota Red Bull Max Verstappen.

Le posizioni sono rimaste così per il resto dei 53 giri, con Bottas che ha ottenuto la sua seconda vittoria della stagione e la prima dalla vittoria del weekend di apertura in Austria a luglio.

Questa vittoria del finlandese ha aumentato la notevole imbattibilità della Mercedes in Russia: sette gare vinte da quando la F1 è arrivata nella località del Mar Nero nel 2014.

Bottas ha ora due vittorie nel GP di Russia a suo nome, con quella del 2017, mentre a Hamilton è stata negata la possibilità di aggiungere una nuova tacca alle sue precedenti quattro vittorie. L’ex compagno di squadra Mercedes Nico Rosberg ha vinto sul circuito di Sochi nel 2016.

Arrivando terzo questa volta, Hamilton è stato costretto ad aspettare l’opportunità di eguagliare il record di 91 vittorie in F1 della leggenda delle corse Michael Schumacher, ma potrebbe raggiungere il traguardo nella patria del tedesco al GP di Nurburgring tra due settimane.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20