Anche il mondo delle corse dei cavalli si sta muovendo, sopratutto in Inghilterra.

Il Governo potrebbe dare il via libera per le gare, a patto però che tutto sia fatto in sicurezza.

La BHA, British Horseracing authority potrebbe iniziare il 1 Giugno, a dirlo è stato Brant Dunshea, il Direttore Generale della BHA.

Ma il Governo Inglese non ha ancora deciso ufficialmente cosa fare, anche se l’ottimismo cresce, infatti Brant è quasi certo che la competizione alla fine si farà.

Le parole di Brant Dunshea

Durante la trasmissione Luck On Sunday di RacingTV, Brant Dunshea ha rilasciato delle dichiarazioni molto importanti.

“Sono incredibilmente fiducioso che gareggeremo il 1 giugno”, ha risposto. 

“Non possiamo controllare quali decisioni prendano il governo.

Ma siamo incredibilmente fiduciosi e stiamo lavorando duramente e stiamo pianificando che il 1 giugno sia la nostra data di ripresa e ne siamo tutti molto entusiasti.”

La sua fiducia non è stata scossa quando è stato sottolineato che il segretario alla cultura, Oliver Dowden, si era recentemente riferito a una ripresa di metà giugno.

Un obiettivo definito giusto per gli sport d’élite che avrebbero ripreso a porte chiuse.

Leggi anche: Varenne: Il Capitano a quattro zampe più forte di tutti i tempi.

Brant Dunshea parla della ripresa anticipata delle corse dei cavalli

Dunshea insiste sul fatto che le corse sono in una posizione migliore per fare un ritorno anticipato rispetto ad altri sport che richiedono il contatto umano o l’allenamento di squadra.

“Il governo ha riconosciuto che siamo diversi dagli altri sport a cui si fa riferimento”, ha affermato. 

“Siamo in gran parte uno sport di tipo rurale, sia il nostro allenamento che i nostri ambienti di gara sono all’aperto.

Il che comporta livelli di rischio più bassi e ci colloca come un tipo di sport molto diverso dal calcio, dal rugby, dove abbiamo molti contatti stretti.

“Sono molto, molto a mio agio nel vedere il nostro sport diverso dal contatto con gli sport da parte del governo. 

È stato riconosciuto dal governo a diversi livelli che siamo diversi e lo apprezziamo perché abbiamo sostenuto fino in fondo che abbiamo le nostre circostanze uniche ”.

Brant Dunshea riconosce che il tempo sarà l’unico nemico della ripresa

Dunshea ha riconosciuto che i tempi saranno serrati, con la guida del governo sugli sport che tornano a porte chiuse dovrebbe essere pubblicata alla fine di questa settimana. 

A quel punto, le iscrizioni finali potrebbero essere già state fatte per il primo incontro in programma a Newcastle.

“La nostra comprensione è che il governo darà due o tre giorni di preavviso per la comunità.

Per quanto riguarda il passaggio a quella fase successiva”, ha detto Dunshea durante una successiva apparizione su Sky Sports Racing.

Visto che gli era stato chiesto quando le corse avrebbero avuto una risposta finale sulla ripresa.

“Siamo costantemente impegnati con il governo su base giornaliera a vari livelli.

E in questa fase non abbiamo avuto indicazioni per suggerire che la nostra pianificazione non sia coerente con ciò che prevediamo accada”.

Brunt Dunshea parla dei protocolli di sicurezza che verranno adottati

I protocolli di sicurezza da osservare al momento della ripresa sono stati pubblicati sabato sera.

Come rivelato la scorsa settimana nel Guardian, i partecipanti all’ippodromo non saranno sottoposti a un regime di test Covid-19.

Ma avranno le loro temperature misurate all’arrivo e verrà rifiutato l’ingresso se supera i 37,8 ° C.

Alla domanda sul perché i test non vengano utilizzati, Dunshea ha dichiarato: “Stiamo adottando un approccio basato sul rischio. 

Attualmente, il governo non sta istruendo che le persone che non hanno sintomi siano testate.

“Avere un approccio a più livelli, che include un programma di sorveglianza in background, integrato da un modulo di formazione e istruzione.

Oltre che avere un processo di screening basato sulla salute.

E integrarlo da altri controlli che avverranno in un giorno quando arriva un individuo, crediamo quell’approccio basato sul rischio è più appropriato per il nostro sport. “

Tuttavia, un portavoce del BHA ha aggiunto che alcuni test selettivi potrebbero aver luogo in comunità di corse come Newmarket, Lambourn o Malton.

“Se i dati di sorveglianza mostrassero un aumento dei casi in una determinata area e Public Health England avvertisse che questo sarebbe stato utile”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20