Sei Nazioni
Novità azzurre per il Sei Nazioni

L’ Inghilterra invoca l’estromissione dell’ Italia dal Sei Nazioni, il torneo di rugby piu antico al mondo. È quanto si legge nelle pagine dell’ editoriale del piu celebre quotidiano londinese, Il Times: “È tempo che l’ Italia venga buttata fuori dal Sei Nazioni. A beneficio della reputazione e del torneo e, paradossalmente, dell’Italia”. Comincia cosi l’attacco nei confronti della nazionale azzurra per poi continuare: “In 20 stagioni piu un ‘altra tronca, l’Italia ha ottenuto 12 vittorie in 103 partite, alla media di una quasi ogni nove match. Inoltre quest’anno l’Italia non è stata capace di segnare un singolo punto contro Galles e Scozia, perdendo 42-0 a Cardiff e 17-0 a Roma. È un chiaro segnale che il torneo ha bisogno di un sostanziale ribaltone”

Viene poi sottolineato come sia stata la Francia ad aver avuto il privilegio di sfidare britannici e irlandesi: “Sono entrati nel 1910, e prima di essere esclusi nel 1931 per la violenza del loro gioco e perché a livello di club pagavano i giocatori, avevano fatto 12 vittorie in 17 edizioni della competizione: la media era dunque di un successo ogni cinque partite, superiore a quella di ora degli italiani. Poi la Francia ha avuto bisogno di tempo, ma a metà degli anni’ 50 è emersa come potenza, vincendo dei titoli. Ha dovuto attenderr il 1968 per fare il Grande Slam, ma ne è valsa la pena. I Blues hanno aggiunto brio e originalial gioco del rugby”.

In sostanza, secondo l’editoriale, l’ Italia non mostrerebbe segnali di progresso e quindi farebbe meglio a misurarsi in un torneo in cui”siano favoriti e non vengano sovrastati e battuti pesantemente. Romania e Georgia rappresentano il livello di competitività dei loro standard“. Da qui l’ auspicio a ritornare al Cinque Nazioni, ribadendo che “espellere gentilmente l’Italia dal torneo, per la reputazione dello sport e dell’Italia stessa”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20