Carlos Sainz Jr è nato il 1° settembre 1994.

Il prossimo anno festeggerà il compleanno in Ferrari, essendo ormai ufficiale che dalla stagione 2021 sarà al volante della rossa di Maranello al posto di Sebastian Vettel. Carlos Sainz Jr è nato a Madrid il 1° settembre 1994 e, una volta terminata la sua esperienza in McLaren, potrà affiancare a tutti gli effetti Charles Leclerc nei panni di portacolori del cavallino rampante. Quest’anno le due vetture italiane stanno faticando non poco in Formula 1, raccogliendo risultati deludenti con prestazioni decisamente lontane dalle imprendibili Mercedes e anche dalla Red Bull (soprattutto quella di Verstappen).

In una recente intervista rilasciata a The Race, il pilota spagnolo non ha nascosto un pizzico di preoccupazione per il periodo buio in cui versa attualmente la Ferrari, soprattutto in previsione del suo approdo a Maranello a partire dal 2021. Il driver iberico ha dichiarato che è palese la sofferenza di tutto il team di fronte a questi risultati modesti, sottolineando che le monoposto hanno evidentemente dei problemi di potenza al motore e anche di aderenza in pista. Secondo lui i vertici della scuderia italiana dovranno lavorare soprattutto sul propulsore e, anche se non è facile, è fiducioso che i tecnici e gli ingegneri del cavallino rampante possano farcela.

Carlos Sainz Jr dal 2021 correrà in Ferrari.

Parlando del suo imminente futuro in Ferrari, Carlos Sainz Jr non ha nascosto che si augura che al più presto le rosse possano trovare maggiore potenza. Quindi ha aggiunto che quando sarà a tutti gli effetti a Maranello sarà in prima linea nel sostenere la squadra a portare avanti degli sviluppi concreti e significativi del motore. Ha ricordato che l’azienda italiana ha tutti i mezzi economici e tecnici a disposizione per uscire dalla crisi attuale, anche se comunque ha ammesso che si tratta di una «strada lunga».

Sainz avvisa la Ferrari: non ho firmato per fare il secondo

A questo punto, in attesa che salga a bordo della Ferrari a partire dalla stagione 2021 di Formula 1, andiamo a scoprire 10 curiosità su Carlos Sainz Jr.

Carlos Sainz: 10 cose da sapere sull’erede di Vettel in Ferrari

Quando la Ferrari ha annunciato che al posto di Sebastian Vettel sarebbe arrivato Carlos Sainz Jr dal 2021, alcuni tifosi hanno palesato una leggera delusione. I supporter del cavallino rampante avrebbero forse preferito dei nomi più altisonanti come quelli di Hamilton o Ricciardo, oppure gli sarebbe piaciuto vedere un italiano come Giovinazzi con indosso la tuta rossa del team di Maranello. Il driver spagnolo però finora ha dimostrato di avere talento e grinta, e chissà che non possa presto convincere gli scettici sulla bontà della scelta effettuata dai vertici dell’azienda italiana. Intanto andiamo a conoscere meglio Sainz Jr.

Carlos Sainz Jr ai tempi della Renault.
  • Carlos Sainz Jr ha debuttato in Formula 1 con la Toro Rosso: Carlos Sainz dimostra fin da bambino di avere un certo talento per le corse automobilistiche. Non a caso, dopo essersi imposto in diverse categorie minori, già nel 2015 fa il suo esordio in Formula 1 con la scuderia Toro Rosso, avendo come compagno di squadra Max Verstappen. In diverse occasioni riesce anche a tenere testa all’arrembante astro nascente del Circus, anche se però non ha la concretezza di tramutare in punti effettivi le sue ottime prestazioni. Nel 2017 Verstappen è promosso in Red Bull, mentre lui prosegue con la scuderia di Faenza chiudendo la sua ultima stagione con un ottimo nono posto nel mondiale. Si trasferisce alla Renault dove – seppur senza sfigurare – non si segnala per prestazioni di rilievo, anche a causa di diversi problemi della macchina. Dal 2019 è in McLaren al posto di Alonso e qui si mette in mostra, concludendo l’annata in sesta posizione in classifica generale.
  • La sua squadra del cuore è il Real Madrid: Carlos Sainz Jr ha una grande passione per il calcio. È un tifoso del Real Madrid e ha rivelato di aver voluto inserire il simbolo dei blancos sul suo casco. Il 1° marzo 2020, prima della super-sfida tra Real Madrid e Barcellona, ha replicato a Hamilton che aveva affermato di nutrire una simpatia per i catalani, dicendogli ironicamente che avrebbe dovuto parlare con lui di calcio.
  • La gioia del Brasile: Carlos Sainz nonostante la giovane età ha già superato la soglia dei 100 Gran Premi disputati in Formula 1. Solo in un’occasione però ha potuto festeggiare la conquista del podio, anche se ciò è accaduto in una circostanza particolare. Al termine del Gran Premio del Brasile la vittoria è andata a Verstappen seguito da Gasly (secondo) e Hamilton (terzo). Tuttavia, dopo la penalità inflitta al campione britannico, è stato proprio il driver madrileno ad ottenere la terza piazza. Per l’occasione, la McLaren è salita sul podio (ormai vuoto) per festeggiare insieme a lui.
  • Un figlio d’arte a tutti gli effetti: se si parla di figli d’arte, Carlos Sainz Jr lo è nel vero senso del termine. Il padre (che ha il suo stesso nome) è ormai una leggenda della categoria delle corse automobilistiche, infatti in carriera si è laureato per due volte campione del mondo di rally ed è riuscito a trionfare in tre occasioni alla Dakar. Buon sangue non mente.
  • Il suo idolo è Fernando Alonso: da spagnolo a… spagnolo. Quando si tratta di miti della Formula 1, Carlos Sainz ha sempre affermato che il suo punto di riferimento fin da bambino è Alonso, con il quale ha avuto anche modo di confrontarsi in pista (e potrà farlo nuovamente quando il due volte iridato tornerà ad essere protagonista del Circus). Per lui è stato un onore sostituire il suo idolo in McLaren.
  • Carlos Sainz terzo spagnolo nella storia della Ferrari: nel 2021 il pilota di Madrid sarà appena il terzo spagnolo a guidare una Ferrari durante la sua lunga e leggendaria storia. L’ultimo è stato – manco a dirlo – Fernando Alonso dal 2010 al 2014, mentre il primo in assoluto è stato Alfonso De Portago nel 1956 e 1957.
  • I colori del casco: ogni pilota, quando deve scegliere il proprio casco, opta per i colori che più gli appartengono o gli portano fortuna. Nel caso di Sainz, soprattutto quando è passato alla McLaren ha voluto optare per delle tonalità simili a quelle usate dal suo idolo Alonso. Il colore di base è il blu, arricchito dal giallo e rosso della Spagna.
  • Molto riservato nella vita privata: il prossimo pilota della Ferrari è molto riservato per quanto riguarda il suo privato. Si tiene costantemente lontano dal gossip, infatti si sa soltanto che è fidanzato con Isabel Hernaez Fuster, una giovane che studia per diventare giornalista e che lavora come speaker radiofonica.
  • Rafa Nadal un altro mito: oltre a Fernando Alonso, Sainz nutre una passione sportiva per il campione di tennis Rafa Nadal. Quando è libero da altri impegni, il pilota iberico cerca di seguire dal vivo i match del suo connazionale e in un’occasione gli ha anche regalato il suo casco.
  • Il numero 55: Carlos Sainz Jr quando è approdato in Formula 1 ha deciso che il numero che lo avrebbe rappresentato sarebbe stato il 55. Ha spiegato che da ragazzino, in realtà, gareggiava con il numero 5, ma questo ormai era già stato occupato da Vettel. Dunque, siccome il 5 graficamente somiglia alla lettera S, una sera gli è venuta un’illuminazione: optando per il 55 avrebbe avuto una cifra che avrebbe ricordato molto da vicino le S che compongo la fine del suo nome (Carlos) e l’inizio del suo cognome (Sainz).
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20