La Juventus s’inchina all’Ajax e dice addio alla Champions League. Il goal di Ronaldo, siglato attorno alla mezz’ora, illude i bianconeri che vengono raggiunti sei minuti dopo da Van de Beek. Nella ripresa, non c’è partita. La Juve si spegne, i lancieri dominano legittimando il successo con De Light che spegne definitivamenti i sogni degli uomini di Allegri.

La Partita:

Fuori Chiellini e Mandzukic, Allegri conferma il 4-3-3 con Szczesny in porta, De Sciglio a destra, Alex Sandro a sinistra, con Rugani e Bonucci al centro. A centrocampo, Pjanic, Matuidi ed Emre Can. In attacco, Dybala, Bernardeschi e Ronaldo.

4-2-3-4-2-3-1 per l’Ajax di Ten Hag: Onana tra i pali, Blind e De Light in mezzo, con Veltman e Mazaroui sulle corsie esterne. A centrocampo, De Jong e Schone. In attacco, Van De Beek, Tadic e Zjech a supporto di Neres.

Primo tempo:

Dopo otto minuti, l’Ajax perde Mazaroui per un infortunio alla caviglia. Al suo posto entra Sinkgrave. Al 14′, Ronaldo calcia una punizione sul secondo palo dove però è appostato De Light che respinge. I ritmi si alzano e pian piano il match è sempre più intenso, anche se le occasioni scarseggiano. Al 21′, Van de Beek manda fuori da buona posizione. Al 23′, risponde Dybala con un tiro dalla distanza che Onana blocca in tuffo. Al 29′, la Juve passa con Ronaldo che di testa insacca su corner di Pjanic. Al 32′, ancora il portoghese è protagonista di una conclusione che termina di poco sul fondo. Un minuto dopo, l’Ajax pareggia con Van de Beek, che corregge in porta un tiro sbilenco di Tadic. La Juve prova a rialzarsi subito con Emre Can, che termina dopo una cavalcata di 50 metri, viene atterrato regolarmente in area. Dopo cinque minuti di recupero si chiude il primo tempo.

Secondo tempo:

Subito un cambio nella Juve ad inizio ripresa: Dybala, a causa di un pestone subìto nel primo tempo, viene sostituito da Kean. L’Ajax inizia ad imporre il suo gioco creando parecchi grattacapi alla difesa bianconera.Szczesny compie due miracoli in dieci minuti, prima su Ziech, poi su Van de Beek.La reazione della Juve sta tutto in un tiro di Kean smarcato da Ronaldo. Pjanic, poco dopo, evita in scivolata un goal praticamente già fatto. Il goal dei lancieri è nell’aria e si materializza al 68′ grazie al colpo di testa di De Light.Servirebbero due reti alla Juve per passare il turno, ma quello che riesce a produrre è solo un innocuo colpo di testa di Kean. A fine gara è festa Ajax. Delusione invece tra i padroni di casa a cui non basterà l’ottavo scudetto consecutivo per consolarsi.

Il Tabellino:

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny, De Sciglio (64’st Cancelo), Rugani, Bonucci, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Matuidi, Bernardeschi (80’st Bentancur), Dybala ( 46’st Kean), Ronaldo. A disp: Barzagli, Bentancur, Cancelo, Kean, Khedira, Pinsoglio, Spinazzola. All. Massimiliano Allegri

AJAX (4-2-3-1): Onana, Veltman, De Light, Blind, Mazaroui( 82’st Sinkgrave), Schone, De Jong, Zjech (88’st Huntelaar), Neres, Tadic. A disposizione: De Wit, Dolberg, Ekkenkamp, Huntelaar, Magallan, Sinkgrave, Varela. All. Erik Ten Hag

Arbitro: Clement Turpin

Marcatori: 28′ pt, Ronaldo (J), 34′ st, Van de Beek, 67’st, De Light

Angoli: 4-5

Recuperi: 5’pt, 2’st

Ammoniti: Emre Can, Ronaldo

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.