fbpx
Dicembre1 , 2021

Chip Ganassi Racing conferma il raddoppio nella DPi

Related

NFL, Week 13 – La preview di Cowboys – Saints

La tredicesima settimana di Regular season 2021 si apre...

Everton vs Liverpool: pronostico e possibili formazioni

Due rivali del Merseyside in forme molto diverse rinnovano...

-Torino: Belotti ko, idea Pellegri?

Il grave infortunio di cui è stato vittima Andrea...

Wolverhampton Wanderers vs Burnley: pronostico e formazioni

Il Wolverhampton Wanderers ospiterà domani mercoledì 1 dicembre il...

Share

Il Chip Ganassi Racing conferma le voci che girano da settimane, annunciando l’ampliamento del programma DPi. Nel 2022, ultimo anno di questa formula prima del passaggio alla LMDh, la scuderia fresca di titolo IndyCar schiera due Cadillac con equipaggi di livello internazionale. Renger Van Der Zande è confermato, ed al suo fianco arriverà Sebastien Bourdais. Matt Lynn è il secondo nuovo approdo del team, a cui segue il veterano Earl Bamber. Lascia invece la formazione Kevin Magnussen, il quale ha firmato con Peugeot per il mondiale WEC.


Ganassi: obiettivo espansione in IMSA


Chip Ganassi Racing: stagione al top nella DPi?

Per la prossima stagione nella serie IMSA, Ganassi alza l’asticella e anche di parecchio. Bourdais è un pilota che nelle gare di durata ha tanta esperienza, come dimostra il suo palmares fatto di tante partecipazioni alla 24 ore di Le Mans. Il francese ha deciso di chiudere, almeno in parte, la carriera in IndyCar, accontentandosi di disputare solo alcune gare con la squadra di AJ Foyt. “Sono entusiasta di tornare in Chip Ganassi Racing“, ha detto Bourdais a Motorsport.com. “Abbiamo già ottenuto successi in passato e sono impaziente di cominciare a lavorare con Renger, Earl ed Alex. Questo è ovviamente un punto di svolta nella mia carriera, che mi vedrà passare la maggior parte del tempo con queste auto, ma con la famiglia GM. Non potrò mai ringraziare abbastanza tutte le persone coinvolte per la loro fiducia e il continuo sostegno“.


Alex Lynn: dalla Formula E all’IMSA con Ganassi


Come Bourdais, anche Bamber ha esperienza nel mondo endurance. Ricordiamo che il neozelandese ha vinto la 24 ore di Le Mans nel 2015, con la Porsche 919 e Nico Hulkenberg. Alla casa di Weissach Bamber è rimasto legato fino ad oggi, ma problemi giudiziari lo hanno costretto a fermarsi (è stato accusato e poi assolto per violenza domestica). Il 2022 sarà una buona occasione per lui per ricominciare. Alex Lynn, infine, lascia la Formula E per imbarcarsi in una nuova avventura, a stelle e strisce. Nei prossimi giorni verranno annunciati gli accoppiamenti, per un team che ambisce al titolo di categoria la prossima stagione.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20