La lista dei 10 migliori ciclisti di quest’anno include stelle di tutti i ceti sociali inclusi i vincitori del Grand Tour, i vincitori del Monumento, i velocisti e un ciclista con solo una singola vittoria a suo nome. L’anno è stato pesante per via della pandemia, ma il sogno e il fascino non si sono affievoliti per nulla. Tracciando un bilancio si può dire che il ciclismo non è da sottovalutare visto l’interesse crescente. Per il Ciclismo-2020 è ora di bilanci.

Ciclismo-2020: chi sono i dieci migliori corridori?

Controverso l’Ecuadoriano Richard Carapaz mantiene il suo posto nella nostra top 10 dopo una prima stagione per Ineos Grenadiers che ha visto l’ex campione del Giro d’Italia raccogliere solo la vittoria solitaria. Quel trionfo, stranamente, è arrivato in uno sprint nella terza tappa del Tour de Pologne, prima di un incidente che avrebbe fatto deragliare la sua stagione fino a metà della sua selezione a sorpresa per il Tour de France. Accelerato nel team del Tour per supportare un Egan Bernal altrettanto stanco, Carapaz non ha potuto offrire molto supporto al suo collega sudamericano. Ma una volta che Bernal si è ritirato, il 27enne si è trovato in fuga in tre fasi successive, e avrebbe ottenuto una prima vittoria se non avesse offerto il bottino al suo compagno di squadra Ineos Michal Kwiatkowski (e preso una consolatoria maglia a pois) anziché.

Alla Vuelta, Carapaz ha avuto la possibilità di guidare da solo e per due volte ha preso il comando della gara da Primož Roglič e avrebbe effettivamente portato la maglia rossa a Madrid se non fosse stato per i secondi bonus raccolti dal suo combattivo rivale sloveno. Tuttavia, in una campagna difficile troncata da infortuni e pandemia globale, Carapaz ha dimostrato il suo pedigree Grand Tour e chiaramente ha fatto abbastanza per mantenere il vincitore del Lombardia Jakob Fuglsang fuori dalla top 10.

Arnaud Démare

Con quattordici vittorie a suo nome, il francese è stato il velocista di maggior successo del 2020 eppure ha saltato la disastrosa campagna del Tour de France di Groupama-FDJ dopo che il manager Marc Madiot ha insistito nel mettere tutte le sue uova nel cesto fragile di Thibaut Pinot. Le prove e le tribolazioni di quest’ultimo – insieme al superbo Giro di Démare significheranno sicuramente che Groupama non commetterà lo stesso errore due volte. Nonostante zero vittorie prima del blocco, Démare alla fine ha preso vita; quando ha rotto il sigillo, stava asciugando a sinistra, a destra e al centro. Dopo essere diventato campione nazionale per la terza volta, il 29enne ha messo in mostra le sue credenziali di uomo su due ruote più veloce con un quadruplo in Italia, in rotta per battere Peter Sagan alla maglia ciclamino. I fan del prossimo anno meritano di vedere una battaglia in maglia verde a luglio tra lui e Sagan.

Sam Bennett

Solo sette vittorie nella sua prima stagione al Deceuninck Quick-Step sono state inferiori alle ultime vittorie a Bora-Hansgrohe, ma è stato il significato di quelle vittorie a fare la differenza. Perdendo di poco la prima vittoria di tappa del Tour nella Fase 3, il terzo posto di Bennett lo ha messo in verde e lo ha visto diventare il primo irlandese da Sean Kelly nel 1989 a guidare una delle classifiche della maglia del Tour. Il meglio doveva ancora venire. Un’emozionante vittoria del Tour nella tappa 10 ha visto Bennett diventare solo il secondo pilota irlandese ad aver ottenuto vittorie in tutti e tre i Grand Tour del ciclismo, qualcosa che nemmeno King Kelly ha mai ottenuto. Ha anche rivendicato la maglia verde di Sagan, la cui serie stellare di sette vittorie in classifica in otto anni è stata risolutamente conclusa 11 giorni dopo, dopo il trionfo del suo ex compagno di squadra sugli Champs-Elysees.

Bennett ha colpito di nuovo alla Vuelta e dopo che in una controversa gara lo abbia visto spogliato (giustamente) di un secondo successo in Spagna, il 2020 è stato l’anno in cui Bennett, 30 anni, è finalmente emerso dall’ombra di Sagan e ha mostrato cosa era capace di ottenere una volta dato il pieno supporto di una squadra forte alle sue spalle. Visto come è stato costretto a lasciare a Bora, il colpo di maglia verde di Bennett al Tour sarebbe stato ancora più dolce.

Tao Geoghegan Hart

Un pilota con così poche vittorie professionali (due) è mai entrato in un Grand Tour ed è uscito vittorioso? Quello che Tadej Pogačar ha ottenuto nel Tour è stato qualcosa di speciale, ma sapevamo tutti quanto talento fosse lo sloveno. Prima del Giro, Geoghegan Hart era ancora tra i forse di prossima generazione di Ineos – alla pari di Pavel Sivakov, Ivan Sosa, forse anche Eddie Dunbar – con solo due vittorie di tappa dal Tour of the Alps a suo nome. Tutto è cambiato e velocemente. Non che avresti previsto qualcosa del genere quando Geraint Thomas si è schiantato davanti all’Etna, lasciando gli Ineos Grenadiers a brandelli. Ma l’affascinante vittoria di Filippo Ganna nella quinta tappa ha aperto le porte alla squadra britannica e ha infuso nuove speranze nell’uomo che, fino a poco tempo fa, era considerato meno un vero e proprio piano B che un semplice domestique di montagna.

L’assenza della maggior parte dei big della classifica generale così come la forma traballante del veterano doppio campione Vincenzo Nibali e il ritiro forzato di Simon Yates e Steven Kruijswijk – tutto questo ha cospirato per aprire le porte al 25enne di Hackney. E non ha esitato a saltarci dentro. La vittoria nelle Dolomiti ha visto Geoghegan Hart salire al terzo posto in vista dell’ultima settimana e grazie ad un lavoro di squadra esperto dell’australiano Rohan Dennis sullo Stelvio ea Sestriere, il britannico dai capelli fiammeggianti ha ottenuto una seconda vittoria ed è entrato nella fase finale proprio secondi dalla vetta rosa. Il resto, come si suol dire, era storia. Un raggiungimento della maggiore età per l’uomo che i commentatori italiani chiamavano “Googanga”.

Marc Hirschi

Niente nelle esibizioni immediate post-lockdown del tyro svizzero alla Strade Bianche o al Critérium du Dauphiné suggeriva che stesse bussando alla porta della grandezza. Ma alla fine del Tour, ogni appassionato di ciclismo era consapevole del vantaggio d’attacco mai detto di Hirschi e dell’elegante eleganza del 22enne su una bici. Tutto è iniziato nella seconda tappa a Nizza, dove Hirschi è arrivato a un soffio dalla vittoria di una tappa del Tour inaugurale che avrebbe potuto vederlo indossare il giallo negato solo da Julian Alaphilippe, un pisello quasi uguale nello stesso baccello.

Una settimana dopo, nella tappa 9 a Laruns, Hirschi è uscito in solitaria dalla testa della corsa per quella che sembrava un’eternità, solo per essere catturato dai favoriti della classifica generale vicino al traguardo. Invece di gettare la spugna, il corridore della Sunweb ha preso l’iniziativa nello sprint, per poi essere superato alla morte dal duo sloveno che avrebbe poi definito l’intera gara.

La prima vittoria in assoluto in assoluto è arrivata finalmente nella tappa 12 a Sarran, con uno sfortunato incidente che ha messo fine alle sue possibilità di raddoppiare pochi giorni dopo, il giorno in cui Kwiatkowski e Carapaz hanno ottenuto l’uno-due di Ineos. Incoronato il corridore più combattivo del Tour, Hirschi ha conquistato il bronzo ai Mondiali prima di diventare il nuovo re del Mur de Huy a La Flèche Walloone. Avrebbe potuto coronare tutto questo con una vittoria monumentale a Liegi se non fosse stato tagliato da un francese predatore a pochi metri dal traguardo. Qualcosa ci dice che Hirschi è un pilota di cui vedremo moltissimo nel prossimo decennio.

Mathieu Van Der Poel

Una stagione relativamente tranquilla per i suoi alti standard, tuttavia, ha visto il robusto olandese fare la storia seguendo le tracce di pneumatici di suo nonno (Raymond Poulidor) e padre (Adri van der Poel) come vincitore della Ronde van Vlaanderen. Per vincere, van der Poel aveva bisogno di avere la meglio sul suo vecchio nemico e amico Wout van Aert in un’emozionante battaglia a doppio senso dopo il drammatico schianto della terza ruota francese. Guidare per una squadra di secondo livello significa che dobbiamo ancora vedere van der Poel scatenato in un Grand Tour, un fatto che lo tiene dietro a van Aert nell’attuale ordine gerarchico del ciclismo. Entrambi hanno concluso la stagione con un Monumento al loro nome, con van der Poel che ha aggiunto al suo palmares anche un titolo nazionale olandese, una tappa in Tirreno-Adriatico e la BinckBank.

Segnato a Liegi, van der Poel ha quasi approfittato di un altro errore celebrativo precoce di Alaphilippe a De Brabantse Pijl. Anche se avrebbe voluto di più da una stagione impegnativa, la simbolica vittoria della Ronde ha tenuto sotto controllo il rivale van Aert mantenendo la sua progressione in corso, preparando le cose bene per le classiche del prossimo anno e, si spera, una resa dei conti sui ciottoli infernali del nord della Francia.

Julian Alaphilippe

C’è stato un periodo nella stagione in cui non si riusciva a tenere il francese fuori dalle notizie, a torto oa ragione. Non si può negare che Alaphilippe sia sembrato un po ‘sottomesso al Tour, un anno dopo essere arrivato inaspettatamente così vicino a porre fine alla lunga attesa della Francia per un vincitore. Una vittoria emozionante su Hirschi a Nizza nella Fase 2 lo ha visto prendere la maglia gialla, che ha concesso ad Adam Yates giorni dopo dopo aver preso una penalità di tempo per un feed illegale.

Sono seguite due settimane di lusinghe per ingannare, il jack-in-the-box Quick-Step spesso si muoveva prima di far saltare una guarnizione sulle grandi salite. Non è andato vicino alla vittoria di nuovo e sembrava che la sua stagione si stesse dipanando. Ma poi è arrivato l’attacco decisivo alla carriera sull’ultima salita di Mazzolano nei Campionati del Mondo, che ha visto Alaphilippe cavalcare fino a Imola e diventare il primo francese a prendere l’arc-en-ciel da Laurent Brochard nel 1997. Questa vittoria ha dato il via a un periodo intensità per il livewire francese, anche se ha tenuto il suo solito sfogo sul Mur de Huy.

A Liegi, e forse vinto dalla sua stessa campagna pubblicitaria e dalla prospettiva di vincere La Doyenne alla sua prima uscita nelle strisce arcobaleno, Alaphilippe ha percorso l’ultimo chilometro come Manuel da Fawlty Towers. Non contento di aver quasi eliminato Hirschi all’ultima curva, ha interrotto le possibilità sia dello svizzero che del campione del Tour Tadej Pogačar tagliandoli prima del traguardo, solo per alzare le braccia troppo presto e perdere una gara (che gli sarebbe stato comunque tolto) a Primož Roglič.

Alaphilippe chiaramente non aveva imparato la lezione perché ha quasi fatto la stessa identica cosa pochi giorni dopo, quando ha battuto van der Poel in un fotofinish a De Brabantse Pijl. Ma possiamo perdonare qualcuno di tale divertimento che apprezza queste debolezze.

Undici giorni dopo, ha forzato la mossa vincente al Giro delle Fiandre, solo per vedere la sua stagione finire in modo drammatico quando si è messo in sella a una moto mentre parlava alla sua radio. I due corridori che stava seguendo hanno continuato a contestare la vittoria, ma l’uomo del momento prolungato aveva fatto abbastanza per dimostrare che era in grado di cenare fuori al tavolo della Ronde. Altri monumenti sono sicuramente nel menu.

Wout Van Aert

Salita, cronometro, sprint, appoggio, pavé, fango, caldo, pioggia, salita, discesa, giallo, verde… c’è qualcosa che il belga non può fare? Van Aert sarebbe entrato nella top 10 dello scorso anno se non fosse stato per l’infortunio di fine stagione che ha subito mentre volava a tutti i cilindri nel Tour. Ogni dubbio che non sarebbe tornato allo stesso livello è stato messo a tacere quando van Aert ha vinto in solitaria sulla Strade Bianche e ha vinto una gara in cui era arrivato due volte terzo. Quel trionfo enfatico sulle polverose strade sterrate toscane ha dato il via a un periodo di dominio post-lockdown in cui l’allora 25enne era praticamente invincibile. Giorni dopo si è mischiato con i velocisti più veloci dello sport nella Milano-Torino prima di negare ad Alaphilippe di prendere un primo Monumento a Milano-Sanremo.

La vittoria nella tappa di apertura del Dauphiné è stata coronata dalla maglia verde, poi due tappe del Tour – tutte a sostegno del suo team leader Jumbo-Visma (per il quale ha tirato instancabilmente in montagna). Sebbene non sia riuscito ad aumentare il suo conteggio delle vittorie, van Aert è rimasto competitivo oltre il Tour, finendo secondo tre volte, anche in entrambe le discipline del Campionato del Mondo. Il terzo di quei traguardi da damigella d’onore – nella Ronde – lo ha visto dolorosamente mancare a van der Poel dopo aver ritardato il suo sprint. Le cose sono preparate bene per una continuazione della loro grande rivalità l’anno prossimo; e attualmente, nonostante quella dolorosa perdita in patria, van Aert è in vantaggio. Ha anche fatto abbastanza per suggerire che un passaggio alla guida in GC non è insondabile.

Tadej Pogacar

Il giovane sloveno merita un posto nella top 10 per la sua cronometro su La Planche des Belles Filles da solo quell’unico momento di brillantezza sostenuto, che lo ha spinto in una maglia gialla dell’undicesima ora, essendo entrambi il culmine di tre settimane di guida combattiva, e l’inizio di quella che sarà sicuramente una lunghissima storia d’amore con Le Tour. La coerenza è stata la chiave per Pogačar, che è finito tra i primi 10 in 20 dei 43 giorni di gara su entrambi i lati del blocco, raccogliendo nove vittorie (inclusa la leggendaria maglia gialla) e altri sei podi.

Entrando nel suo primo Tour come co-leader con il compagno di squadra degli Emirati Arabi Uniti Fabio Aru, è diventato subito chiaro – attraverso le loro prestazioni polarizzate – che Pogačar aveva lo status di cane di prim’ordine. Ma quanto lontano poteva arrivare? La vittoria di una tappa di apertura nei Pirenei il giorno in cui il suo connazionale Roglič ha preso il giallo è stata seguita da uno scalpo in cima alle montagne delle Alpi. Ormai, Pogačar era salito al secondo posto in classifica generale dopo aver eccelso nel Massiccio Centrale – il suo gusto ancora più impressionante data la sua relativa mancanza di supporto di squadra.

Mentre Roglič faceva affidamento sul suo esercito Jumbo, Pogačar continuava a tagliare. E dopo una leggera oscillazione sul Col de la Loze, ha cambiato le carte in tavola nel penultimo giorno. Dopo la vetta gialla di 57 secondi prima della cronometro, Pogačar, con una corsa da secoli, ha messo la parte migliore di due minuti nel suo connazionale per assicurarsi il Tour al suo primo tentativo più le maglie bianche e a pois giorni prima del suo 22esimo compleanno.

Il secondo più giovane vincitore del Tour nella storia avrebbe potuto coronare la sua stagione con un monumento in cui non sarebbe stato per il kamikaze di Alaphilippe sul rettilineo di casa di Liegi-Bastogne-Liegi. L’anno scorso stavamo parlando di Egan Bernal che forse ha dominato il Tour per un decennio; quanto velocemente cambiano le cose. Il colombiano sembra una violetta che si rimpicciolisce rispetto al fiorente brio del suo successore.

Primoz Roglic

Avrebbe dato una magra consolazione al 31enne sloveno, visto che il suo casco giallo è caduto da un lato e ha pedalato su piazze su La Planche des Belles Filles in rotta verso la perdita del Tour, che sarebbe comunque finito in cima alla lista dei migliori di Eurosport 10 corridori per il secondo anno consecutivo. Anche la prospettiva di difendere la sua corona Vuelta non avrebbe certo attenuato il dolore mentre mesi di preparazione venivano scartati mentre i suoi fedeli compagni di squadra guardavano con orrore e il mondo sentiva il suo dolore.

Ma nel corso di una lunga stagione durante la quale Roglič è finito tra i primi 10 in tutti tranne 21 dei suoi 50 giorni di gara, l’ex sci si è dimostrato il miglior corridore a tutto tondo del gruppo, raccogliendo un Grand Vince il tour, ne perde un altro per un soffio, vince un monumento, gareggia per le medaglie ai mondiali, conquista un titolo nazionale e conquista tappe sia in sprint, in salita o contro il tempo. Una cosa è essere i preferiti per il Tour, ma continuare a rendere giustizia al supporto della tua squadra e non cadere in un ostacolo precoce fa parte della sfida. Che Roglič alla fine si sia disfatto il penultimo giorno è stata una pillola amara da ingoiare per lui e Jumbo-Visma e, francamente, difficile da digerire come spettatore, per tutta l’eccellenza di Pogačar.

Ma lo sloveno non ha mai nascosto né inventato scuse. Nella sconfitta, ha mostrato il suo lato umano, così spesso mascherato da una patina robotica di ritmo. Si è congratulato con il connazionale, lo ha preso sul mento e, anche se solo a metà della sua stagione ribaltata, ha preso il via ai Mondiali, dove, esausto, è riuscito ancora al sesto posto. La vittoria dalle fauci della sconfitta a La Doyenne – a rete il suo primo Monumento – ha sottolineato lo spirito combattivo di Roglič. Il meglio doveva ancora venire.

Imparando dai suoi errori, Roglič ha guidato La Vuelta in modo aggressivo e, in una gara serrata con Richard Carapaz, ha assicurato che ogni secondo fosse importante. Raccogliendo quattro vittorie di tappa e secondi bonus regolari, Roglič ha vinto una corona Vuelta consecutiva – nonostante abbia scambiato la maglia rossa in due occasioni con il suo rivale ecuadoriano. La ciliegina sulla torta è stata una vittoria in una cronometro non del tutto dissimile dal percorso che ha posto fine alle sue speranze del Tour, con Roglič che seppelliva i suoi demoni per chiudere il cerchio dell’anno.

Vittoria nel prestigioso premio Vélo d’Or seguita per un pilota che sicuramente non rinuncerà in fretta al suo sogno giallo. Nemmeno lui dovrebbe. Ci aspetta una battaglia infernale il prossimo luglio.

Ciclismo-2020: quali sono I corridori peggiori?

Una seconda vittoria in carriera al Monument non è bastata a vedere Jakob Fuglsang (4) mantenere il suo posto nella top 10, la vittoria del veterano danese a Il Lombardia l’unico vero successo della sua stagione. Quinto nella Strade Bianche e secondo al Tour de Pologne, la campagna del Giro di Fuglsang sarà ricordata più per il suo battibecco con il collega veterano Vincenzo Nibali piuttosto che per qualsiasi cosa abbia fatto in sella.

Caleb Ewan (10) ha ottenuto vittorie in tutte le sue gare a tappe – tranne Parigi-Nizza – ma non ha eguagliato il suo bottino dal suo primo anno al Lotto-Soudal, nonostante abbia impressionato con due tappe del Tour. Il compagno di squadra Philippe Gilbert (5) non è mai entrato in campo nel suo primo anno al Lotto, il 38enne belga alla sua prima stagione senza vittorie in 16 sorprendenti anni nel gioco.

Un’ulteriore prova, forse, che la vecchia generazione ha lottato con la natura start-stop della stagione ridotta da Covid, l’ex campione del mondo spagnolo Alejandro Valverde (9) sembrava in gran parte fuori forma, un anno infruttuoso costringendo il 40enne a un ripensamento firmando per altri 12 mesi a Movistar.

Il campione del Tour dello scorso anno Egan Bernal (3) ha visto il suo stock – e quello della sua squadra Ineos Grenadiers – precipitare dopo essere stato messo in ombra da Jumbo-Visma dopo la ripresa. Una caduta nel Dauphiné ha effettivamente messo fine alle speranze di Bernal, una schiena dolorosa che lo ha ostacolato durante il Tour, con conseguente implosione sul Grand Colombier e conseguente ritiro.

Soffocato dagli attacchi dei fili che lo circondano, Bernal sembrava una telecamera analogica nell’era digitale, il colombiano incapace di competere per le vittorie di tappa e nemmeno di tenere il passo con i suoi rivali sulle cose ripide. Se vuole realizzare il suo pieno potenziale, il 23enne deve guidare in modo più aggressivo e vincere di più. Dopo tre giri, deve ancora assaporare una vittoria di tappa; Pogačar ne ha raccolti tre nella sua prima apparizione.

Ciclismo-2020: quali sono i potenziali campioni che non si sono espressi al meglio?

Con quattro vittorie di tappa nel suo primo Giro, più il titolo World TT, il potente italiano Filippo Ganna ha avuto un anno da ricordare e avrebbe potuto – forse avrebbe dovuto, a pensarci bene – essere entrato nella top 10 a spese dei suoi compagni Ineos Granatiere, Richard Carapaz. Un altro corridore della squadra britannica che è diventato maggiorenne in un ruolo domestique è stato l’australiano Rohan Dennis, che quasi da solo ha aiutato Tao Geoghegan Hart a tirare sul Jai Hindley del Team Sunweb al Giro.

Prima che il compagno di squadra di Hindley, Wilco Kelderman, prendesse la maglia rosa, João Almeida di Deceuninck Quick-Step l’ha indossata per una corsa record di 15 giorni per il Portogallo. Il 22enne si è goduto un superbo Giro in assenza del compagno di squadra infortunato Remco Evenepoel, che lui stesso – con quattro vittorie in gare a tappe (due su entrambi i lati del blocco) – ha buone ragioni per un posto tra i primi 10.

La pandemia globale ha privato l’ex campione del mondo Mads Pedersen della possibilità di indossare le fasce arcobaleno in molte delle sue gare preferite, ma il danese alla fine ha brillato a Gent-Wevelgem – due settimane dopo aver concesso il suo titolo mondiale ad Alaphilippe. Il compatriota Søren Kragh Andersen ha ottenuto due vittorie al Tour e faceva parte di un entusiasmante team Sunweb che ha illuminato numerose gare.

Leggi anche: La NTT trova nuovi sponsor e sogna Aru

Pagina Twitter FederCiclismo: https://twitter.com/federciclismo

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20