fbpx

Classifica dei piloti di Formula 1: Max Verstappen e George Russell sono i protagonisti

Date:

Max Verstappen ha conquistato il titolo piloti, mentre George Russell ha battuto Lewis Hamilton nella sua prima stagione alla Mercedes. Con 22 gare disputate e un campione del mondo già incoronato da tempo, è arrivato il momento di valutare i piloti per le loro prestazioni nella stagione di Formula 1 2022. Tenendo conto di tutte le qualifiche e di tutte le gare, abbiamo assegnato un punteggio di 10 alla griglia di partenza dei 20 piloti, ordinando i voti dal più basso al più alto. Chi ha ottenuto il massimo dei voti?

Nicholas Latifi: 5

Posizione in campionato: 20°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 2-19
Fine della carriera in Formula 1 per Nicholas Latifi, che in verità ha fatto bene a resistere per tre stagioni. Il 2022 è stato probabilmente il più deludente, con l’ex campione di Formula 2 che non è mai riuscito a prendere confidenza con le nuove vetture. Il fatto di vedere Latifi nelle retrovie è diventato un evento regolare, anche se almeno ha avuto un bel commiato dalla F1 con alcuni punti in Giappone. Prima di allora, era dietro ai sostituti Nyck de Vries e Nico Hulkenberg in classifica…

Daniel Ricciardo: 5

Posizione in campionato: 11°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 2-19
Daniel Ricciardo è arrivato al 2022 pieno di ottimismo, sperando che una vettura tutta nuova lo aiutasse a ritrovare la fiducia che gli era tanto mancata l’anno precedente. Termina il 2022 con un contratto risolto in anticipo e torna al suo ex team come terzo pilota. È stato un declino inaspettato e difficile da osservare per Ricciardo, che in qualche modo è riuscito ad avere un 2022 ancora peggiore del 2021. L’australiano non ha mai trovato fiducia e forma quest’anno, con solo sette piazzamenti a punti rispetto ai 18 del suo compagno di squadra e un record di qualifiche spaventoso. Alla luce di ciò, la McLaren aveva davvero poche alternative se non quella di guardare altrove. Vedremo Ricciardo correre ancora in F1?

Lance Stroll: 5.5

Posizione in campionato: 15°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 7-13
È stato un altro anno deludente per Lance Stroll, con il suo più basso numero di punti da quando ha lasciato la Williams quattro anni fa e una continua, preoccupante, striscia di qualifiche inferiori a quelle del suo compagno di squadra in tutte le sue sei stagioni di F1. Stroll, anche se non è stato certo aiutato da una vettura Aston Martin poco performante, ha aspettato fino al 17° round di Singapore per finire più in alto del 10° posto in gara e, con solo due ritiri, un bilancio finale di 18 punti non è per niente buono. Si prospetta una stagione difficile contro Fernando Alonso.

Zhou Guanyu: 6

Posizione in campionato: 18°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 8-14
La stagione da rookie di Zhou Guanyu non è stata affatto la peggiore, anche se il fatto di essere stato battuto dal suo compagno di squadra e di aver ottenuto punti in sole tre gare non ci convince che si tratti di una futura star. Il miglior risultato e la miglior guida di Zhou sono arrivati in Canada, con l’ottavo posto, e si ha l’impressione che gliene servano molti altri per convincere l’Alfa Romeo, che presto diventerà Audi, che è un candidato a lungo termine.

Mick Schumacher: 6

Posizione in campionato: 16°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 6-16§
Il 2022 ha regalato a Mick Schumacher i primi punti in Formula 1 a Silverstone, dando il via a una serie di piazzamenti nei primi dieci posti. Purtroppo, quelle furono le sue uniche gare a punti e il 2022 gli diede anche l’enorme svantaggio di perdere il suo posto in F1. Anche da giovane, Schumacher è stato più costante che veloce come un fulmine e la mancanza di ritmo assoluto ha afflitto la sua carriera in F1, mentre questa stagione ha visto il tedesco protagonista di numerosi e costosi incidenti. Quest’ultimo, alla fine, gli è probabilmente costato più del primo.

Yuki Tsunoda: 6

Posizione in campionato: 17°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 9-13
L’inizio del 2022 di Yuki Tsunoda – con piazzamenti tra i primi dieci in metà dei primi sei appuntamenti – lasciava presagire che potesse essere pronto a fare il salto in F1. In seguito, però, ha faticato e l’unica cosa che gli è valsa una terza stagione all’AlphaTauri è che le sue sconfitte con Pierre Gasly non sono state così pesanti come in precedenza. Non solo si è assicurato un nuovo contratto, ma sarà anche alla guida della squadra, almeno in un primo momento, con l’esperto debuttante Nyck de Vries.

Pierre Gasly: 6.5

Posizione in campionato: 14°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 13-9
Dopo due anni impressionanti nel team junior della Red Bull, il 2022 ha rappresentato un calo significativo per Pierre Gasly. Ciò è avvenuto soprattutto perché l’AlphaTauri è passata dall’essere probabilmente la quarta vettura più veloce alla nona, e il suo pilota principale è passato da 15 piazzamenti nella top-10 ad appena sei. Gasly ha comunque guidato la squadra e ha battuto comodamente il compagno di squadra Yuki Tsunoda, ed è il momento giusto per lui per volare nel nido Red Bull. Sarà interessante vedere chi vincerà lo schieramento tutto francese tra lui ed Esteban Ocon ad Alpine.

Alex Albon: 7,5

Posizione in campionato: 11°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 19-2
Con il solo compagno di squadra dietro di lui nella classifica piloti a tempo pieno, si potrebbe pensare che Alex Albon abbia avuto un primo anno difficile alla Williams. Ma la sua posizione e il suo bottino di punti (quattro) sono molto più un problema per la Williams che per l’ex pilota della Red Bull, che ha riempito in modo eccellente il vuoto lasciato da George Russell. La stagione di Albon ha incluso tre top-10 con una vettura scadente e persino una Q3 in Belgio. La Williams è in mani sicure con Albon al timone, che guiderà la squadra anche l’anno prossimo con l’arrivo del debuttante Logan Sargeant.

Kevin Magnussen: 7,5

Posizione in campionato: 13°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 16-6
Un 2022 da montagne russe per Kevin Magnussen, passato dall’assenza di un sedile in F1 a febbraio alla pole position a novembre. Magnussen è stato sostituito da Nikita Mazepin poco prima dell’inizio della stagione e ha concluso al quinto posto la sua prima gara dopo due anni. Dopo tre piazzamenti tra i primi dieci nei primi quattro appuntamenti con una Haas più veloce del previsto, l’anno è diventato molto più difficile per il danese – con un buon numero di collisioni – anche se ha concluso la stagione con una pole da favola in Brasile, mentre il suo ritmo era abbastanza forte da far sì che Mick Schumacher fosse il capro espiatorio quando la Haas ha preso in considerazione le opzioni per i piloti del 2023.

Sebastian Vettel: 7,5

Posizione in campionato: 12°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 13-7
Sebastian Vettel ha avuto un inizio difficile nel 2022, saltando le prime due gare a causa della Covid-19 e tornando poi su una vettura Aston Martin terribilmente lenta, con la quale è riuscito comunque a ottenere punti in quattro delle prime otto gare della stagione. Una volta che la squadra ha trovato il ritmo, Seb ha ottenuto risultati e questa è stata probabilmente la sua stagione di F1 più competitiva dal 2018, anche se alla fine l’Aston Martin non ha mostrato abbastanza promesse per convincere il quattro volte campione a rimanere. Il momento del suo ritiro sembra giusto.

Valtteri Bottas: 7,5

Posizione in campionato: 10°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 14-8
Valtteri Bottas è stato più o meno come annunciato all’Alfa Romeo nel suo primo anno, e questo è un grande vantaggio. Arrivato dalla Mercedes, Bottas ha guidato il team Alfa Romeo – che nella prima metà della stagione era regolarmente nella top-10 – e ha battuto costantemente il suo compagno di squadra esordiente. Dopo aver conquistato punti in sei dei primi otto appuntamenti, la corsa ai punti di Bottas è rallentata, così come quella dell’Alfa Romeo in pista, anche se ha mantenuto gli standard a cui ci siamo abituati con Lewis Hamilton.

Carlos Sainz: 7.5

Posizione in campionato: 5°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 7-15
Considerata l’ottima stagione di debutto in Ferrari, il 2022 è stato un po’ deludente per Carlos Sainz. I suoi occhi si sono illuminati all’inizio della stagione quando sembrava che la Ferrari avesse un pacchetto degno di una candidatura al campionato, anche se due DNF e nessuna vittoria nelle prime nove gare hanno fatto sì che non fosse mai in gioco per il titolo. Una stagione altalenante che ha visto la sua prima vittoria, ottenuta a Silverstone, anche se dopo quel trionfo non è andato oltre il terzo posto per il resto della stagione. Peccato, e spera di tornare in sintonia con Leclerc e la Ferrari con la Red Bull nel 2023.

Sergio Perez: 7,5

Posizione in campionato: 3º
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 4-18
In definitiva, è stata una stagione di successo per Sergio Perez – con più vittorie, podi e una posizione in campionato più alta che mai – anche se non tale da sfatare la percezione di essere il secondo pilota della Red Bull. Perez ha iniziato bene la stagione, con un ritmo molto simile a quello di Verstappen, e la vittoria nel GP di Monaco lo ha messo in gioco per il titolo, facendogli guadagnare un nuovo contratto pluriennale. Ma la sua unica vittoria nel 2022 è arrivata a Singapore (grazie a un’altra bella gara su strada), e in realtà ha concluso davanti a Verstappen solo in un’altra occasione, a Silverstone, quando il suo compagno di squadra ha avuto un problema alla vettura. Considerato il vantaggio di ritmo della Red Bull, il terzo posto è un risultato deludente, anche se la Red Bull sembra avere un numero due molto solido, che è tutto ciò di cui ha bisogno per i titoli, visto il successo di Verstappen.

Esteban Ocon: 8

Posizione in campionato: 8°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 10-12
Sebbene battere Fernando Alonso nell’arco di una stagione abbia lusingato un po’ Esteban Ocon nel 2022 – ha avuto molti meno problemi di affidabilità – il francese è stato una macchina da top-10 per Alpine, ottenendo punti in tutte le gare disputate, tranne quattro, nella sua migliore campagna di F1 di sempre. I suoi risultati migliori sono arrivati in Austria e in Giappone, dove ha tenuto a bada un Lewis Hamilton in condizioni difficili, mentre nel 2023 arriverà una nuova sfida. Per la prima volta avrà il compito di guidare il team Alpine di proprietà della Renault, con l’arrivo di Pierre Gasly. Battendo Gasly, la reputazione di Ocon crescerà ulteriormente.

Fernando Alonso: 8

\Posizione in campionato: 9°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 12-10
C’è ancora vita nel vecchio cane. Nella sua stagione a 41 anni, Fernando Alonso ha messo a segno diversi colpi di scena – in particolare la rimonta a San Paolo – e il suo bottino di punti non è aumentato solo a causa della sfortuna. Alonso ha avuto sei ritiri nel 2022, e in quattro di questi si è trovato in una posizione favorevole per ottenere più punti in gara rispetto al compagno di squadra Esteban Ocon. L’anno prossimo Alonso avrà una nuova sfida con l’Aston Martin con un contratto pluriennale e, anche se avrà per le mani una vettura difficile e forse non competitiva, non stupitevi di vederlo di nuovo protagonista.

Lewis Hamilton: 8,5

Posizione in campionato: 6°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 13-9
Per Lewis Hamilton è stata la prima stagione di Formula 1 senza vittorie o pole position, e gli ha regalato il peggior piazzamento di sempre in campionato. Ma se con questi dati ci si aspettava una sorta di declino nella forma di Hamilton, il sette volte campione ha dimostrato di avere ancora molto da vendere. Hamilton ha avuto un inizio difficile nel 2022, dovendo fare i conti con l’emozione dello spareggio per il titolo del 2021 e con le scarse prestazioni della Mercedes. Ma molte delle sconfitte subite da Russell all’inizio sono state dovute all’esplorazione di assetti e alla semplice sfortuna con i tempi della Safety Car e simili. Nelle 14 gare finali della stagione, Hamilton ha battuto Russell in nove occasioni – sfortunatamente non una di queste era il Brasile – e lo ha comunque superato in termini di qualifiche nel corso dell’anno. Si sono visti anche sprazzi dell’Hamilton di un tempo, con prestazioni in Francia, Paesi Bassi e Stati Uniti probabilmente degne di nota. Considerando che alcuni piloti si sono ritirati per mancanza di motivazione (vedi Sebastian Vettel e persino Daniel Ricciardo), la perseveranza di Hamilton è credibile e lui insiste che quest’anno lo ha solo spronato per il futuro. Non stupitevi di vedere un ritorno di Lewis.

Charles Leclerc: 9

Posizione in campionato: 2°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 15-7
Forse la sfida per il titolo non è stata sostenuta, ma Charles Leclerc dovrebbe trarre molti vantaggi dalla migliore stagione della sua carriera in F1. Leclerc è arrivato a questa stagione dopo essere stato battuto, un po’ a sorpresa, dal nuovo compagno di squadra Carlos Sainz nel 2021, ma nel 2022 c’era solo un pilota Ferrari in lizza per il campionato: il monegasco, che è ancora capace di velocità incredibili al sabato e ha affrontato Verstappen in molte gare – la sua vittoria più impressionante è arrivata in Austria. La sua candidatura al titolo ha vacillato più che altro per il calo di ritmo della Ferrari e per i guasti strategici e meccanici contro la Red Bull, anche se non sono mancati alcuni errori di Leclerc, che sono emersi spesso nella sua carriera. L’incidente del GP di Francia dalla testa della corsa, ad esempio, è stato un colpo durissimo e inevitabile. Tuttavia, Leclerc si è affermato come leader in buona fede della squadra più grande e piena di pressioni della F1 e ha dimostrato di poter lottare per il titolo nella prossima stagione.

Lando Norris: 9,5

Posizione in campionato: 7°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 19-2
La rinascita della Ferrari e la velocità delle prime sei vetture hanno fatto sì che nel 2022 Lando Norris ottenesse meno risultati rispetto all’anno precedente, ma non lasciatevi ingannare: questa è stata la migliore stagione della sua carriera. Continua a migliorare. Norris riesce a ottenere il massimo dalla sua McLaren, battendo entrambi i piloti Alpine nonostante le loro vetture più veloci, mentre i suoi settimi posti – cinque in sei gare in estate – sono stati essenzialmente l’equivalente di vittorie consecutive. La sua stagione ha incluso anche un podio a Imola e un meraviglioso quarto posto a Singapore e, ancora una volta, ha battuto il compagno di squadra Daniel Ricciardo, tanto che il suo contratto è stato annullato. Norris merita questo punteggio e, evidentemente, merita una macchina da corsa.

George Russell: 9,5

Posizione in campionato: 4°
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 9-13
Il 2022 è sempre stato una vittoria per George Russell. Perdere contro il pilota di maggior successo della F1 sarebbe stato del tutto comprensibile nel suo anno di esordio alla Mercedes, mentre batterlo sarebbe stato leggendario. Russell, che ha mostrato la stoffa del futuro campione, ha ottenuto quest’ultimo risultato. Russell è passato da Mr Saturday alla Williams a Mr Consistent alla Mercedes, con piazzamenti nei primi cinque posti in ognuna delle prime nove gare della stagione, e mentre dopo il GP di Gran Bretagna – quando la Mercedes ha trovato un ritmo più sostenuto – Hamilton ha iniziato a battere il giovane, Russell è stato comunque il pilota a conquistare l’unica vittoria stagionale delle Frecce d’Argento con una prestazione superba e composta in Brasile. L’unica nota negativa per Russell è stato il fatto che la Mercedes non era neanche lontanamente vicina al ritmo di gara di un tempo. Se lo avessero fatto, forse avremmo avuto di fronte il nuovo campione britannico.

Max Verstappen: 10

Posizione in campionato: 1º
Testa a testa in qualifica contro il compagno di squadra: 18-4
È difficile ottenere un risultato più perfetto della stagione di Formula 1 più dominante di tutti i tempi. Il 2022 è stato il primo anno in cui Max Verstappen ha avuto davvero la macchina più veloce sulla griglia di partenza e l’olandese ha schiacciato i suoi rivali – con un margine di vittoria del titolo superiore a quello mai ottenuto da Lewis Hamilton – e ha ottenuto un record di 15 vittorie, tutte mostrando diversi strumenti del suo arsenale in continua crescita. Verstappen ha ottenuto vittorie dominanti dalla pole alla bandiera (come in Canada, Messico e Abu Dhabi), vittorie che hanno richiesto un’immensa abilità nel ruota a ruota (come in Arabia Saudita, Imola e Miami) e vittorie in rimonta (come in Ungheria, Belgio e Italia). Osiamo dire che questo Verstappen è stato simile a Schumacher e Hamilton, e la cosa ancora più impressionante è che è arrivato dopo un inizio terribile, con due DNF nelle prime tre gare e difficoltà di adattamento con le nuove vetture. La sua prima corona può essere stata controversa, ma questa ha fugato ogni dubbio sulle qualità di Verstappen. F1, attenzione, questa versione di Max avrà bisogno di essere fermata.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

I migliori giochi di volley: molti di più di quanti ne conoscevi

Il mondo dei giochi on line è estremamente vario....

SMI evento solidale per uno sport inclusivo

Arriva SMI, progetto solidale per uno sport inclusivo con...

Milan vs Inter 0-3 i rossoneri ne escono demoliti

Termina il match delle ore 20.45 tra Milan vs...

I migliori tennisti degli Australian Open all time e favoriti del 2023

Sono pronte le quote Australian Open 2023 per il...