Il periodo più sacro per i musulmani, il Ramadan, ha ripercussioni in vari ambiti della vita sportiva. Gli atleti devoti a Maometto sono impegnati in un mese, nel 2021 dal 12 aprile al 12 maggio, a rispettare i canoni classici della tradizione islamica, tra cui ovviamente il digiuno. Queste limitazioni hanno ripercussioni anche sul campo, molti giocatori infatti dovendo seguire queste regole non hanno le energie necessarie per iniziare o proseguire le partite. Se questo problema in alcune realtà è degno di nota, in Premier League invece è tutto diverso. O meglio, è diverso perchè la federazione ha intercettato i bisogni degli atleti e ha istruito i propri arbitri a rispettare il mese di digiuno.

Premier League, come viene rispettato il Ramadan?

In Inghilterra sembra che si stia regolamentando ciò che bisogna fare e non fare durante questa parentesi di un mese. Lo abbiamo visto nell’ultimo Monday Night tra Crystal Palace e Leicester. Qui, i due unici giocatori musulmani, Wesley Fofana e Cheikhou Kouyate, hanno potuto fermarsi al 60° minuto ed assumere energetici per recuperare le forze. L’arbitro della gara ha infatti concordato prima del fischio d’inizio che i calciatori avrebbero potuto fermarsi e rifocillarsi. Questa scelta, concordata prima dell’incontro, non era però stata decisa dalla Football Association, ma era stata indicata dall’arbitro Scott. Ma invece di andare incontro alle irregolarità del caso, Scott ha visto la compiacenza dei vertici della Premier, che d’ora in poi l’applicherano regolarmente.

In questo mese e nelle partite in cui sono giocatori musulmani, le squadre potranno dunque concordare qualche minuto di pausa per consentire ai propri atleti di recuperare le forze. Questo episodio, sebbene sia stato solo un caso, dimostra che la strada da intraprendere debba essere quella del rispetto del diverso. Strada che la Premier League sta percorrendo con la solita accortezza e che speriamo possa essere seguita dalle altre federazione continentali.

Il ringraziamento di Fofana

Volevo ringraziare la Premier League così come il Crystal Palace, Vicente Guaita, e tutte le Foxes per avermi permesso di fare questo break nel mezzo della partita. Queste cose sono quelle che rendono il calcio meraviglioso”. Questo il messaggio di Wesley Fofana dopo la partita contro il Crystal Palace.


Premier League Haters: l’odio social sarà punito

Il Watford torna in Premier League dopo un anno

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20