incompleta

Mastica amaro l’allenatore dell’ Inter, Antonio Conte, che vede sfumare la possibilità di conquistare il suo primo trofeo internazionale cedendo in finale di Europa League contro il Siviglia. Ai microfoni di Sky Sport, l’ex ct della Nazionale ha analizzato ogni aspetto partendo proprio dal match: “La partita è stata dura e equilibrata, nel secondo tempo l’episodio poteva spostare la partita.Ne abbiamo avuto noi un paio a favore, poi c’è stato quell’episodio sfortunato da parts di Lukaku e da lì diventa tutto più difficile. Il Siviglia stava abbassando la qualità del palleggio, il rimpianto arriva fino ad un certo punto, i giocatori hanno dato tutto contro una squadra abituata a questo tipo di finali, con giocatori che l’hanno giocata e vinta diverse volte. Questo ha spostato l’ago della bilancia alla fine”.

Conte parla poi del suo futuro ritornando sulle dichiarazioni polemiche di qualche tempo fa: “Confronto con il Presidente? Ora ci prendiamo qualche giorno di vacanza e poi a mente fredda ci incontreremo ed è giusto cosi, si analizzerà la stagione e un po’ tutto in maniera serena, cercheremo di pianificare il futuro dell’Inter, con o.senza di me. Ringrazio tutti per questa esperienza, ne è valsa la pena”.

Siviglia – Inter: 3 – 2, Diego Carlos regala la vittoria

L’impressione è che il tecnico sia vicino al passo di addio: “Questioni di punti di.vista, di situazioni affrontate e che non mi sono piaciute. Io ho una famiglia, devo capire se la priorità diventa il calcio. Se alcune situazioni devono influire sulla famiglia non va più bene. È giusto cercare di, ma a tutto c’è un limite. Sarò sempre grato alle persone che mi hanno dato questa opportunità, per fare un’annata bella e un percorso bello. Ma al tempo stesso è stata tosta. Ho già detto quello che pensavo, io non faccio marcia indietro, se si potrà migliorare si farà. Qualcosa è successo, inutile girarci intorno, bisogna capire se c’è la volontà da parte di tutti di non ripetere un altro anno per quanto riguarda il sottoscritto”.

L’ allenatore salentino precisa ciò che non ha funzionato con la dirigenza: “A prescindere da tutto per me ne è valsa la pena. Il che non vuol dire niente di particolare, solo ringrazio l’ ambiente a cui ho dato tanto. Non c’è nessun rancore , non penso che nella dirigenza ne abbiano nei miei confronti. La questione è nei punti di vista e di alcune situazioni che ho affrontato quest’anno e non mi sono piaciute. Ci sono tante situazioni che dovranno essere valutate, da me e dal Presidente. Anche Marotta e Ausilio li ringrazierò perché mi hanno scelto loro. Poi è giusto capire cosa è successo. Ci sono dei risvolti di vita privata che sono stati intaccati e non va bene”.

Conte conclude smentendo qualsiasi rapporto negativo con il Presidente Steven Zhang: “Voglio chiarire questa importante situazione, mi ha dato fastidio leggere certe cose sui giornali: è passato il concetto che tra me e Steven il rapporto non fosse buono o che suo padre fosse stizzito. Evidentemente qualcuno aveva intenzione a far passare una notizia del genere. Il rapporto con la proprietà e il Presidente rimarrà molto forte, posso solo ringraziarli per avermi concesso questa opportunità. Devo fare delle riflessioni e capire, c’è anche una vita privata”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20