La tennista Americana Cori Gauff è un talento puro e speciale nel tennis mondiale.

Già in tenerà età cominciava a mostrare tutte le sue abilità, una predestinata.

Un anno fa vinceva a Wimbledon, data che non potrà mai cancellare, visto che ha battuto Venus Williams, super favorita alla vittoria.

Nella battaglia dei giocatori più giovani e più vecchi nel sorteggio, la 15enne sensazione Cori Gauff ha battuto la cinque volte campione di Wimbledon Venus Williams 6-4, 6-4 in un’ora e 18 minuti.

L’americana di grande talento nata nel 2004 ha raccolto risultati significativi sin da quando ha scelto per la prima volta la racchetta.

Competendo come la giocatrice più giovane in quasi tutti i sorteggi finora e lasciando un segno su eventi junior e pro in così giovane età.

A 13 anni, Cori era il finalista junior degli US Open, vinceva la corona al Roland Garros un anno dopo aver compiuto appena 14 anni.

Gli organizzatori le hanno dato un jolly per il sorteggio di qualificazione a Wimbledon e il giovane ha abbracciato l’occasione con entrambe le mani.

Superando tre round per diventare la più giovane qualificatrice di sempre a Wimbledon e impostando in modo perfetto l’incredibile scontro con Venus.

Cori Gauff vince a Wimbledon

Senza alcun segno di nervosismo nella parte più importante della partita, Cori ha battuto la rivale che aveva quattro corone Major prima della sua nascita.

Ha battuto 18 tenniste e facendo solo otto errori non forzati lasciando Venus su un rapporto di 16-25, non abbastanza per un risultato positivo.

Gauff ha convertito tutte le possibilità di interruzione della vittoria contro uno dei suoi idoli.

Così è arrivata la storica vittoria e ha avanzato nel secondo round come il più giovane vincitore della storia.

Prima di lei la più giovane tennista vincente era stata Jennifer Capriati nel 1991.

La giovane tennista ha lasciato cadere solo quattro punti dietro il suo servizio già in forte espansione.

Servendo per il set al 5-4, Cori ha ottenuto la vittoria grazie al suo stile energico, apparendo sicura e determinata per lo stesso nel set numero due.

Venus ha commesso un doppio fallo per poi subire una lunga pausa nel quinto set.

Con Gauff che ha cementato il vantaggio come vincitore del servizio che ha spinto il suo 4-2 in alto e più vicino al traguardo.

Williams ha fatto un’ultima spinta per rientrare nel gioco e livellare il punteggio a 4-4 prima di perdere due punti di gioco nel successivo.

Permettendo a Cori di prendere una pausa dopo un errore di tiro al volo di Venus.

Le parole di Cori Gauff

“Penso che mio padre non mi abbia parlato della vittoria fino a un paio d’ore o un giorno dopo”, ha detto Gauff.

“Ero eccitato e non sapevo cosa aspettarmi.

Sento che Wimbledon è uno di quegli Slam per cui non puoi prepararti perché è così unico e prestigioso.

Quindi siamo saliti su un aereo, e poi la prossima cosa che ho saputo , è che eravamo a Londra.

Stavo per cogliere l’occasione; Non avevo nulla da perdere e ho giocato così.

Penso che sia stato il momento perfetto per interpretare Venus, per il mio debutto nel sorteggio principale.

Avevamo fatto una passeggiata nel campo il giorno precedente, ma lo stadio era vuoto.

Mio padre mi aveva sempre baciato prima delle mie partite sin da quando ero piccolo, e dice sempre: “Ti amo” e divertiti “.

Non volevo che Venus pensasse che la sua presenza mi spaventasse.

In quel momento sapevo che non l’avrei intimidita.

Non volevo guardarla negli occhi al lancio della moneta, quindi stavo guardando l’arbitro tutto il tempo e mi stavo scuotendo i nervi.

Ma ho anche visto che stavo gareggiando con una delle più grandi giocatrici di tutti i tempi attraverso la rete.

Cori Guaff racconta la sfida di Wimbledon

Stavo solo cercando di liberarmi di tutti i nervi prima che iniziassimo a colpire.

Di solito, non sono così nervosa per il lancio della moneta, ma non ero mai stata in quella situazione.

Potresti dire che hai immaginato questo momento un centinaio di volte, che qualunque cosa tu stia facendo dovrai abituarti.

Stavo cercando di abituarmi all’ambiente perché era la mia prima volta su un palco così grande.

Ma non ti senti a tuo agio finché non vinci quella partita.

Non volevo toccare la prima palla.

Però mi sentivo bene ed era come “Non posso credere di servire per il primo set!” Mi sono immediatamente dimenticata del primo set perché mio padre mi dice sempre che il secondo set è il più importante.

Perché se lo vinci puoi rimanere nella partita o puoi finire il lavoro.

Volevo finire l’incontro e mi sono concentrata su quello.

Ma a causa di ciò che è accaduto nel primo set, sapevo che avrei dovuto puntare tutto sulla vittoria.

Sapevo che quando avrei avuto il secondo servizio, avrei dovuto approfittarne.

Cori Gauff racconta la vittoria di Wimbledon

Sapevo che se avessi avuto bisogno di andare a lottare con lei, avrei potuto, ma sapevo che non era il modo in cui avrei voluto giocare.

Ho dovuto cambiare la variazione perché lei era abituata all’erba e io no, e stavo per provare a usarla a mio vantaggio nel miglior modo possibile.

Sapevo che tagliare, portarla dentro e farla colpire con le palle ad altezze scomode sarebbe stato il modo per farla colpire alcuni errori.

Mi sentivo a mio agio con l’atmosfera, la superficie e il modo in cui stavo giocando, e sono stata anche contenta del fatto che se si fosse andati in tre set, sarei stata in grado di vincere.

Non mi ero nemmeno resa conto di quanto fosse grande la sfida fino a tre mesi dopo che è successo.

Ancora non capisco quanto sia grande questa vittoria, anche adesso, ma ricordo come stavo tremando dopo la partita.

Mi dissi che avrei festeggiato fino a mezzanotte quella sera, e poi che era un nuovo giorno e che dovevo prepararmi per la prossima partita.

Ho ancora molte sfide da fare per dimostrare alla gente che questa non sarà l’unica vittoria.

Ho sentito queste persone urlare il mio nome, ed è stato strano per me.

Vedi molti atleti diventare virali durante la notte, attraverso lo sport o un meme, e non pensi mai che sarai uno di loro.

Immaginavo di poter essere un giorno una di loro.

Anche mia mamma era una di loro, con la sua GIF sventolante che diventava virale.

È pazzesco come una cosa così possa cambiare la vita di qualcuno.

La vittoria di Wimbledon è stato l’inizio di tutto, e questa è la partita che ricorderò per il resto della mia vita. “

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20