Lebron James in merito al Coronavirus ha scherzosamente affermato che “non stringerà più mai la mano a nessuno”. L’ex Cleveland Cavaliers, attuale stella dei Los Angeles Lakers, fu uno dei tanti sportivi a voler scartare, prima dell’esplosione definitiva del virus negli Stati Uniti, la possibilità di voler giocare nei palazzetti vuoti a causa del divieto dell’assembramento imposto dai governi. La mancanza del pubblico, secondo Lebron, è un peso insopportabile per un atleta che vive dell’adrenalina o degli sfottò che il pubblico gli concede.

Che cosa significa la parola sport senza spettatori? Non c’è emozione, non c’è pianto, non c’è gioia, non c’è avanti e indietro”. Una delle cose che mantiene un atleta motivato “è l’ambiente ostile” che si trova sui campi rivali. Non dirò alla gente di stare a casa, perchè penseranno che per me è facile dirlo“.

Ma il campiona di basket cerca di trovare il meglio di questa situazione assurda, che vede gran parte della popolazione mondiale chiusa a causa della rapida espansione del Covid-19.

Poter passare più tempo con la famiglia, cosa abbastanza complicata durante l’anno per i viaggi, gli allenamenti e le tante partite da giocare. Lo stop di questi giorni mi dà l’opportunità di divertirmi con i miei figli e mia moglie”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20