fbpx
Novembre30 , 2021

Critérium du Dauphiné nell’Ardèche dopo 6 anni di assenza

Related

Miguel Oliveira: il racconto di una stagione altalenante

L'incidente a Spielberg che ha rovinato tutto. Dai sogni...

Quartararo e il rinnovo che tarda ad arrivare: parla Jarvis

La stagione 2021 di MotoGP, si è conclusa da...

Max Verstappen: motore nuovo si o no?

Motore nuovo o non motore nuovo: questo è il...

Gp Arabia Saudita: orari e dove vederlo

Il Gp d'Arabia Saudita è il penultimo appuntamento del...

Share

L’organizzatore della gara ASO lo ha annunciato qualche giorno fa. La prossima edizione del Critérium du Dauphiné inizierà nell’Ardèche per una prima tappa interamente in questo dipartimento il 5 giugno tra La Voulte-sur-Rhône e Beauchastel.

Pericoloso ritorno all’Ardèche per la prima tappa della Critérium du Dauphiné

Domenica 5 giugno, a poco meno di quattro settimane dal Grande Départ del Tour de France, il Critérium du Dauphiné 2022 partirà da La Voulte-sur-Rhône. Il gruppo prenderà parte a due cicli separati, con un primo passaggio sul traguardo dopo 130 km. Tra le altre difficoltà, i corridori affronteranno due volte la salita di Chambon de Bavas (4,8 km al 5,2%), che potrebbe ispirare i baroudeur, come Brent Van Moer, primo indossatore della maglia gialla e blu nel 2021. Ma il finale, con ampi rettilinei sulle rive del Rodano, potrebbe permettere al gruppo di organizzarsi per un arrivo in gruppo. Questa prima tappa terminerà nella vicina città di Beauchastel, dopo 192 km di corsa esclusivamente sulle strade dell’Ardèche.

Torna 6 anni dopo

Il Critérium du Dauphiné, la cui 73esima edizione è stata vinta la scorsa primavera dall’australiano Richie Porte, non arrivava in Ardèche dal 2016. Il dipartimento ospiterà ancora una volta un arrivo di tappa dell’evento di otto giorni, sei anni dopo la vittoria di Fabio Aru a Tournon-sur-Rhône. Nel 2020, Wout van Aert ha vinto il Tour a Privas, che sarà attraversato due volte in questa prima tappa del Critérium du Dauphiné 2022. La gara prenderà il via in un ambiente spettacolare prima di dirigersi verso le alte vette nel corso della settimana.

La corsa opta per la mobilità sostenibile

Organizzato dalla stessa società del Tour de France, il Critérium du Dauphiné si impegna a sostenere la mobilità sostenibile. Così, la flotta di veicoli dell’organizzazione si sta muovendo verso l’elettromobilità. L’intera flotta, cioè 50 veicoli, è alimentata da motori ibridi ricaricabili. In ogni tappa della corsa, i corridori beneficeranno di zone di raccolta dedicate al recupero dei loro rifiuti e pulite dall’organizzazione. Il numero di zone varia a seconda della lunghezza del palco (da 1 a 6 zone). Quest’anno, 36 zone saranno offerte ai corridori.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20