fbpx
Settembre18 , 2021

Dan Martin: vince la 17 tappa del Giro D’Italia

Related

Angers vs Nantes: pronostico e possibili formazioni

L'Angers ospiterà il Nantes in Ligue 1 domenica 19...

Yamaha si prepara per lo sbarco in Moto2

Sottotraccia, i costruttori stanno tornando nella classe media del...

Superbike Barcellona: Sykes distrugge tutti in Superpole

Tra i due litiganti, il terzo gode. Con uno...

Nizza-Monaco: pronostico e possibili formazioni

L'Allianz Riviera ospita domenica 19 settembre un attesissimo Derby...

Belenenses-Gil Vicente: pronostico e possibili formazioni

Cercando di risalire dal fondo della classifica, il Belenenses...

Share

Il corridore Dan Martin vince in salita la spettacolare 17 tappa del Giro d’Italia a Sega di Ala in provincia di Verona. Egan Bernal continua a guidare la gara ma ha perso tempo contro Simon Yates negli ultimi tre chilometri. Quella di Martin è stata una vittoria in solitaria, una volata degna di un velocista che ha tolto il fiato e il passo agli avversari.  Il ciclista ha vittorie di tappa in tutti e tre i grandi giri e ha dimostrato una forza incredibile.


Tappa 17 del Giro D’Italia: percorso e altimetrie


Dan Martin: cosa ha detto il pilota dopo la vittoria?

Il corridore Dan Martin (Israel Start-Up Nation) ha ottenuto la brutale vittoria della 17 tappa in salita al Giro d’Italia 2021. “Non riesco ancora a credere che stia accadendo” ha detto Martin. “Avevamo un piano per mettermi in fuga e tutti hanno lavorato per questo. Non pensavo che sarebbe successo perché avevamo un forte vento. Ma in qualche modo sono riuscito a resistere”. La tappa di 194 km da Canazei a Sega di Ala ha portato il gruppo in una lunga discesa e alcune pianure prima di aggredire il Passo San Valentino cat 1 e poi la ripida salita cat 1 fino al traguardo.

Bernal: l’impresa non gli è riuscita

Egan Bernal (Ineos Grenadiers) ha perso tempo negli ultimi tre chilometri della tappa quando non è riuscito a trattenere un attacco iniziato da Simon Yates (Team BikeExchange). Il colombiano ha segnato il secondo posto assoluto Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) a 3 km dalla fine e ha dovuto scavare in profondità per lottare per arrivare al traguardo. “Oggi è stata una giornata difficile per me, di sicuro. Gli ultimi chilometri sono stati davvero ripidi e ho provato a seguire Yates ma oggi era più forte di me. Ho solo provato ad arrivare con Caruso che è il più vicino in classifica generale. Non volevo correre rischi. Sicuramente, Yates è stato impressionante oggi e ho solo cercato di fare del mio meglio” ha detto Bernal.

Giro D’Italia 17 tappa: cosa è successo?

Conn due salite significative in arrivo nella seconda metà della tappa, una sosta sembrava determinata a colmare il divario concesso dal gruppo della maglia rosa. Circa 19 corridori erano via a 70 km dalla fine e avevano quasi quattro minuti di vantaggio sul gruppo di Bernal. Team BikeExchange, Trek-Segafredo, Astana-Premier Tech e Bahrain-Victorious erano in testa all’inseguimento, sapendo che la salita sarebbe arrivata e avrebbe riunito la gara. Sulla prima grande salita del Passo San Valentino il Team BikeExchange ha preso il comando e ha impostato un ritmo aggressivo per il capitano della strada Simon Yates. Questo ha eliminato Felix Großschartner (Bora-Hansgrohe) dal gruppo e gli sforzi del team australiano hanno ridotto il divario in testa alla gara di 60 secondi a 2:30 a 43 km dalla fine.

Dan Martin: a metà del percorso va in testa

A metà della salita solo nove corridori sono rimasti dei 19 iniziali. Martin è andato in testa all’intervallo per cercare di limitare le perdite di tempo agli inseguitori e solo Gianni Moscon (Ineos Grenadiers) e Antonio Pedrero (Movistar tyeam) potrebbero andare con la mossa dell’irlandese. In cima la rottura era esplosa ma la discesa ha permesso a diversi corridori di ricongiungersi con Martin. A 32 km dalla fine una corridore ha fatto cadere i favoriti Remco Evenepoel (Deceuninck-Quick-Step) e Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), e ha lasciato a bocca aperta il suo compagno di squadra Vincenzo Nibali. Evenepoel ha tardato ad alzarsi ma il giovane belga ha ricevuto cure mediche e poi è stato scortato dai compagni di squadra all’inseguimento del gruppo principale. Ciccone sesto ha ottenuto un cambio bici diversi chilometri dopo in preparazione della salita finale.

Dan Martin: lo sprint esplosivo nel finale

Il gruppo principale guidato da Ineos Grenadiers ha recuperato enormi quantità di tempo alla base della salita della Sega di Ala e il distacco dal fronte è sceso a soli 80 secondi. Martin ha attaccato a 10 km dalla fine con solo Antonio Pedrero (Movistar Team) che ha tentato senza successo di andare con questa accelerazione ma si è ritirato rapidamente. Dietro la testa della gara Luis Leon Sanchez è andato all’attacco dal gruppo principale insieme a Hugh Carthy e Alberto Bettiol (entrambi EF Eduction-Nippo), e Aleksandr Vlasov (Astana-Premier Tech) ma questa mossa si sarebbe poi rivelata essere molto costosa per il capitano EF Education-Nippo. Ciccone è apparso soffrire sulla salita finale a causa di una caduta e ha dovuto fare molto lavoro per rientrare nel gruppo principale.

Bernal: la difesa della maglia rosa

A 6km dall’arrivo nel gruppo principale, Hugh Carthy (EF Education-Nippo) ha poi lottato con il ritmo di Ineos Grenadiers, che si era portato al fronte per inseguire i resti della sosta. João Almeida (Deceuninck-Quick-Step) ha attaccato il gruppo di Bernal a 4,5 km dalla fine. Ma quando Simon Yates (Team BikeExchange) si è mosso, Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) e Bernal lo hanno inseguito, e Bernal ha lottato. Almeida ha mantenuto la pressione, con Yates e Bernal che inseguivano perché erano a un minuto di distanza da Martin. Il ritmo si rivela troppo alto per Bernal, che nella tappa precedente aveva indicato di essere a conoscenza di qualche fastidio alla schiena.

La lotta di Bernal e Yates

Bernal è rimasto a corto di 3,5 km per andare sotto pressione da Yates e Almeida. Il compagno di squadra Dani Martínez è tornato a scortare la maglia rosa negli ultimi chilometri. Yates intuendo che Bernal era in difficoltà, ha continuato a martellare sulla parte anteriore del gruppo di inseguitori con solo Almeida e Pedrero in grado di accompagnarlo. Martínez è stato rimandato indietro per scortare Bernal ma la maglia rosa non è riuscita a tenere il volante del suo compagno di squadra.

Il ritmo di Yates ha ridotto il divario a solo mezzo minuto dietro Martin a 1,5 km dalla fine. Pedrero è stato eliminato da Yates e Almeida negli ultimi 1,5 km. Almeida ha poi preso il comando momentaneo ma Yates alla fine è arrivando secondo mentre Almeida che vestiva di rosa nella precedente edizione del Giro è arrivato terzo. Bernal è entrato con Caruso, chiaramente in difficoltà nel chilometro finale, relativamente piatto. “È per questo che sono venuto qui, per cercare di vincere una tappa, e sapevo che quella di oggi era una delle mie ultime opportunità. Con il tempo in più che ho perso il giorno prima della fuga è stato possibile andare in fuga. Farlo è incredibile” ha aggiunto Martin.

Giro D’Italia 18 tappa

La 18a tappa giovedì (231 km) da Rovereto a Stradella è un’altra giornata di lungo raggio con alcune ondulazioni nei primi 80 km, 80 km centrali per lo più pianeggianti e quattro dossi molto brevi ma ripidi negli ultimi 40 km.

Pagina Twitter Giro d’Italia: https://twitter.com/giroditalia?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Eauthor

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20