Determinante per mister Marcoli & CO. per aggiudicarsi il derby, è l’espulsione di Aramu al 4 minuto di gioco del primo tempo. Causa dell’espulsione, un colpo a palla lontana su Esposito, ingenuità che costa caro ai padroni di casa. Giaccherini la sblocca prima dell’intervallo e, Djordjevic la chiude nella ripresa. Il Chievo conquista in primi tre punti stagionali sale a quota 4 in classifica, uno in più del Venezia appena sconfitto.

(di Marco Tulli) – Il Chievo alla terza giornata di Serie B, si aggiudica tre punti importanti e la prima vittoria stagionale dopo la retrocessione dal massimo campionato. In un derby che mancava dalla stagione 2000/2001, la squadra di Marcolini imporsi per 0:2 sugli avversari. . Un derby subito in discesa per il Chievo che si vede in vantaggio di un uomo dopo solo 4′ minuti di gioco e di due gol dopo il triplice fischio con  Giaccherini e Djordjevic che timbrano il cartellino, quest’ultimo al 2° gol di fila in campionato

LA PARTITA

Primo tempo

Dopo aver scelto dei moduli speculari di gioco, allo stadio Pier Luigi Penzo di Venezia alle ore 18 inizia il match. Stessi moduli, ma scelte diverse quelle degli allenatori: Dionisi cambia solo Capello, dentro al suo posto Montalto rispetto al successo di Trapani, tre invece le novità di mister Marcolini a caccia della prima vittoria in campionato. In difesa trovano spazio Dickmann e Cesar oltre ad Obi sulla mediana, inserimento quest’ultimo che permette a Giaccherini di spostarsi in avanti sulla trequarti di campo. Pronti via, dopo 4 minuti un ingenuo Aramu si fa cacciare dall’arbitro Ros. Per il direttore di gara non c’è dubbio e tira fuori dal taschino un rosso diretto per un colpo a palla lontana su Esposito, un’ingenuità che sposta tutta in salita la gara del Venezia.

Il derby del Penzo è del Chievo
Il mattatore del match, Giaccherini
Il mattatore del match, Giaccherini

I padroni di casa che nonostante iniziano praticamente in inferiorità numerica, tengono bene il campo e sfiorano il vantaggio al 10’ con Zuculini che, di piatto si vede negare la gioia del gol da Semper. Un match decisamente spigoloso e avaro di chance: di poco conto le conclusioni di Segre ed Esposito. Il Chievo non sfrutta la superiorità numerica ma riesce comunque a passare in vantaggio prima dell’intervallo. Determinante il liscio in fase di impostazione da parte di Cremonesi, defaillance sfruttata a pieno da Meggiorini che fornisce l’assist dell’1-0 a Giaccherini.

Secondo tempo

Proprio il numero 17 gialloblù si deve arrendere ad un infortunio muscolare ad inizio ripresa. Mister Marcolini deve disporre subito un cambio e sostituisce Giaccherini con Vignato. Un allenatore voglioso di trascinare dalla panchina il suo Chievo fino alla vittoria tanto da applaudire il raddoppio della sua squadra con Djordjevic: secondo gol consecutivo per l’attaccante serbo, puntuale sull’invito di Dickmann. Il Chievo legittima la propria superiorità pur senza sfruttare le occasioni targate Meggiorini, Cesar e Vignato, opportunità che non macchiano il 2-0 finale e il successo gialloblù.

Tabellino

VENEZIA (4-3-1-2): Lezzerini; Fiordaliso, Modolo, Cremonesi, Felicioli; Zuculini (70′ Di Mariano), Fiordilino, Maleh (79′ Lollo); Aramu; Montalto (70′ Capello), Bocalon. All. Dionisi

CHIEVO (4-3-1-2): Semper; Dickmann, Cesar, Vaisanen, Brivio; Segre, Esposito (46′ Garritano), Obi; Giaccherini (56′ Vignato); Meggiorini, Djordjevic (91′ Rodriguez). All. Marcolini

AmmonitiEsposito (C), Garritano (C), Maleh (V), Zuculini (V), Obi (C)

EspulsoAramu (V) al 4′

Stadio: Pier Luigi Penzo

Arbitro: Riccardo Ros sezione di Pordenone

Per leggere di altri articoli di sport, clicca qui

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.