Domani domenica 23 settembre, appuntamento in Via della Conciliazione a Roma per la seconda edizione della mezza maratona “Via Pacis”

Partenza prevista alle ore 9,00 da Via della Conciliazione per la seconda edizione di quella che la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha definito:

“ un evento che vuole trasmettere un messaggio di pace al mondo intero”.

Realizzata attraverso un sodalizio tra Roma Capitale e il Pontificio Consiglio della Cultura, in collaborazione con la Federazione Italiana di Atletica Leggera, sarà affiancata da una seconda competizione non competitiva. Una corsa amatoriale di 5 km che vedrà la partecipazione di diverse comunità religiose, associazioni e scuole.

Il tracciato della mezza maratona, sulla classica distanza di 21, 097 Km, attraverserà i luoghi simbolo della Capitale. Partenza da Via della Conciliazione per proseguire attraverso Via San Pio X, il lungotevere fino a Piazza di Montesavello e poi Piazza della Bocca della Verità e Via dei Cerchi ,a lambire il Circo Massimo, fino al Colosseo, Via dei Fori Imperiali, Piazza Venezia, Via del Corso, Viale Parioli, Piazza Mazzini, Via Crescenzio e arrivo nuovamente a Via della Conciliazione.

Sono già oltre 2500 le iscrizioni arrivate agli organizzatori, superiore del 50% rispetto a quelle della prima edizione svolta lo scorso anno che si erano fermate a 1650. 42 le nazioni rappresentate tra cui l’Italia con il maggior numero di atleti iscritti, 2.226. Cinque i paesi più rappresentati dopo il nostro, Gran Bretagna con 23, Polonia con 21, Filippine con 15, Norvegia e Olanda con 12.
I veterani in gara saranno Antonio Rao, 83 anni, tra gli uomini e Patrizia Cardinale, 66 anni tra le donne. Mentre i più giovani tra i maschi sono due gemelli di 18 anni, Lorenzo e Franco Bianconi, la slovacca Nada Daabousova, 21 anni, tra le femmine.

La gara non competitiva

“Run for Peace” la 5 Km non competitiva, partirà invece alle 9,20 sempre da Via della Conciliazione snodandosi su un percorso ridotto ma altrettanto affascinante. Da lungotevere dei Fiorentini ai quello dei Pierleoni, da via del Teatro Marcello, a Piazza Venezia, poi Piazza del Gesu’, Largo di Torre Argentina, Corso Vittorio Emanuele II, via San Pio X per tornare all’arrivo di via della Conciliazione.
Per questa edizione della gara non competitiva sono attese al via circa 5000 persone. Le premiazioni si svolgeranno.
Le iscrizioni potranno essere effettuate fino a oggi pomeriggio alle ore 18 direttamente presso  il Villaggio Rome Half Marathon Via Pacis. Il costo di iscrizione è fissato in € 10,00

Corri nei musei

Una interessante iniziativa parallela, grazie al Ministero per i beni e le attività culturali, consente a tutti gli iscritti alla Rome Half Marathon Via Pacis di riservare sconti speciali e ingressi gratuiti nei principali musei della Capitale.
Dallo scorso venerdì e fino a domani esponendo una cartolina che viene consegnata con il pacco gara si può entrare gratuitamente e con un accompagnatore escluso l’apertura straordinaria notturna, al  Museo Nazionale Romano, al Polo Museale del Lazio, alle Gallerie Nazionali di Arte Antica, al Museo delle Civiltà, al Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia e alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea. 

I maratoneti del Papa

Correranno insieme la Half Marathon “Via Pacis” e la “Run For Peace” per lanciare un messaggio di pace e di speranza e per proporre una testimonianza concreta di accoglienza, inclusione e integrazione i “maratoneti del Papa” tesserati per il team Athletica Vaticana e 100 migranti, ospiti della cooperativa Auxilium.
La competizione, oltre a toccare i luoghi simbolo di Roma, si affaccerà su significativi luoghi i culto come la Sinagoga, la Moschea e le Chiese ortodossa e valdese, oltre naturalmente a San Pietro.
ll card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, ha dichiarato che “ Il nostro tempo ha bisogno sempre più di ponti, e non di muri. Lo sport è un linguaggio universale, che unisce tutti, e possiede anche radici profondamente religiose. Lo sport, come l’arte e la cultura, ci aiuta a ritrovare la nostra comune umanità”.
Mentre Mons. Melchor Sánchez de Toca, sotto-segretario del dicastero e presidente di Athletica Vaticana, spiega che “ In particolare la “Via Pacis” 2018,si ispira molto alla figura di Nelson Mandela, un grande leader che ha saputo fare dello sport uno strumento di coesione nazionale. Famosa la sua citazione ‘lo sport ha il potere di cambiare il mondo’, ed è vero”.

La medaglia che sarà consegnata ai finisher della “Via Pacis” è stata dedicata appunto al centenario della nascita del leader Sudafricano. Lo stesso evento è inserito tra gli eventi internazionali commemorativi nell’ambito della “Nelson Mandela Foundation”.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.