Gara divertente quella andata in scena al Carlo Castellani. Il Venezia passa in vantaggio con Mazzocchi al 23′, nella ripresa Haas sigla la rete del definitivo 1-1 di Empoli-Venezia. I toscani confermano si in vetta alla classifica, il Venezia supera a pieni voti questo esame di maturità.

Quali sono le formazioni ufficiali?

Dionisi conferma il 4-3-1-2. Brignoli tra i pali, Romagnoli a far coppia con Nikolaou in mezzo alla difesa. Sulle corsie esterne ci sono Fiamozzi e Parisi. In cabina di regia non c’è Stulac, ma Damiani; ai suoi lati Haas e Ricci. Sulla trequarti c’è Bajrami, pronto ad accendere Mancuso e La Mantia.
Stesso modulo anche per Paolo Zanetti. C’è ancora Pomini in porta, mentre il pacchetto arretrato è formato da Felicioli, Ceccaroni, Modolo e Mazzocchi. Compiti di regia affidati a Taugourdeau, con Dezi e Fiordilino a completare il centrocampo ospite. Dietro le punte c’è Aramu, infine chiudono la formazione lagunare Johnsen e Forte.

Empoli-Venezia: sintesi

I primi venti minuti di gara non sono entusiasmanti, entrambe le squadre si studiano per trovare il modo di fare male. La gara non riserva grande emozioni fino al 23′, quando Mazzocchi sblocca il match con un tiro-cross che si infila in porta. L’Empoli si spinge in avanti, ma i lagunari difendono bene e si va a riposo con gli ospiti in vantaggio. Nella ripresa i toscani cambiano passo, ma faticano a trovare la rete nonostante lo sforzo. Alla fine però ci pensa Haas a a ristabilire la parità, ma poi i toscani non riescono ad andare oltre.

Considerazioni su Empoli-Venezia

L’Empoli pareggia per la quinta volta consecutiva, ma conferma la sua forza e il primo posto. Certamente la squadra di Dionisi merita la promozione in nel massimo campionato italiano. Dopo un primo tempo non di livello, la squadra di Dionisi ha alzato i ritmi, cominciando a macinare gioco e occasioni. Inoltre si conferma la squadra che segna di più nei secondi tempi: 29 su 45 totali. Una squadra che cambia decisamente passo nelle riprese.
Buona gara del Venezia, squadra arcigna e compatta, ma anche capace di giocare un calcio propositivo. La gara di stasera conferma l’ottimo lavoro svolto da Paolo Zanetti sulla panchina lagunare. Ma soprattutto dimostra di meritarsi quella posizione in classifica. I balbettii della stagione passata sono definitivamente alle spalle.

Monza-Cittadella

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20