Europei Pallavolo 2019-2021: DAZN si aggiudica i diritti pay.

DAZN ha messo a segno un colpo importante: la piattaforma di streaming live e on-demand, infatti, si è assicurata l’acquisizione dei diritti pay in esclusiva in Italia degli Europei Pallavolo sia del 2019 che del 2021. Dunque sia l’edizione del torneo che partirà tra pochi giorni per la sezione femminile e tra qualche settimana per quella maschile, sia quella successiva saranno visibili aderendo al pacchetto che propone l’azienda di proprietà di Perform Group.

I vertici di DAZN hanno già comunicato che trasmetteranno sul web le gare più importanti del CEV EuroVolley sia maschile che femminile, e ovviamente tutti i match che avranno come protagonista la Nazionale italiana. Dunque con quest’importante acquisto, il servizio a pagamento online va ad arricchire ulteriormente la proposta sportiva da offrire ai propri clienti.

Gli Europei di Pallavolo 2019-2021 su DAZN.

Ricordiamo che la piattaforma consente ai nuovi utenti di usufruire di un mese di prova completamente gratuito. Per aderire a quest’offerta bisogna accedere al sito ufficiale di streaming e registrarsi inserendo nome, cognome e indirizzo e-mail, quindi sarà necessario generare una password per l’accesso. Fatto ciò, si dovrà indicare la modalità di pagamento preferita, che naturalmente verrà attivata solo se si dovesse decidere di continuare ad utilizzare il servizio dopo il periodo di visione gratis.

Infatti nel corso dei primi 30 giorni non verrà addebitato nulla al cliente che avrà piena facoltà di disdire a proprio piacimento l’abbonamento senza alcun vincolo. Terminata la fase di prova, per continuare a seguire sul web i propri sport preferiti, bisognerà versare una quota di 9,99 euro mensili, ma comunque sarà sempre attiva l’opzione di cancellazione in qualunque momento.

Europei Pallavolo 2019: le sfide dell’Italia femminile e maschile

Il debutto di DAZN nella trasmissione online degli Europei Pallavolo avverrà a breve. Infatti il primo appuntamento sarà con il campionato femminile che si disputerà dal 23 agosto all’8 settembre, e si tratterà di un torneo che per la prima volta nella storia verrà ospitato da ben quattro Paesi, ovvero Polonia, Ungheria, Slovacchia e Turchia. Quest’ultima è stata prescelta anche per le semifinali e le finali.

CEV EuroVolley 2019: le partite dell’Italia.

Per quanto riguarda l’Italia femminile, dopo aver ottenuto il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020 a Catania, è stata inserita nel Pool B insieme a Polonia, Slovenia, Portogallo, Belgio e Ucraina. L’esordio è atteso per venerdì 23 agosto alle 17:30 contro il Portogallo. La seconda gara invece si disputerà domenica 25 agosto alle ore 21 contro l’Ucraina, mentre lunedì 26 agosto alle ore 18 le ragazze del CT Davide Mazzanti affronteranno il Belgio. Il giorno successivo (martedì 27 agosto) l’avversaria di turno sarà la Slovenia alle ore 21, quindi sarà la volta della conclusione della prima fase a gironi giovedì 29 agosto alle ore 20:30 quando le azzurre si misureranno con la Polonia. Tutti match della Nazionale di volley femminile si giocheranno a Lodz.

Bisognerà attendere un pochino di più per vedere all’opera agli Europei Pallavolo 2019 l’Italia del volley maschile. Il torneo si dipanerà tra Francia, Slovenia, Belgio e Paesi Bassi dal 12 al 29 settembre. Gli azzurri faranno parte del Pool A insieme a Francia, Bulgaria, Grecia, Portogallo e Romania.

ItalVolley: il ritorno di Velasco

L’esordio degli uomini di Gianlorenzo Blengini cadrà il 12 settembre alle ore 17:15 contro il Portogallo. Il giorno dopo, 13 settembre, alle 20:45 sarà la volta del match con la Grecia. Invece il 15 settembre l’avversaria di turno sarà la Romania alle ore 14, mentre il 17 settembre alle 19:30 si giocherà Italia-Bulgaria. L’ultima sfida degli azzurri sarà contro i temibili padroni di casa della Francia alle 20:45. Tutte le gare di questa prima parte del CEV EuroVolley vedranno la squadra italiana di scena a Montpellier.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.