Con la ripresa delle gare della Extreme E, il rally elettrico, nel 2021, arriva una interessante e rivoluzionaria novità. Durante le corse verranno schierati al volante un pilota donna e un pilota uomo. Dovranno alternarsi uno alla guida e uno come navigatore in ognuna delle prove. Si intende così accendere un riflettore sulla parità di genere e sulle pari condizioni in diversi aspetti del motorsport.

Non è questa l’unica iniziativa al femminile della FIA, l’organo di governo del Motorsport. Diverse sono state le iniziative volte ad aumentare la partecipazione femminile a vari livelli. La sfida karting “Girls on Track” ne è un esempio.

Entusiasta si è dimostrata la pilota di auto sportive Katherine Legge che ha dichiarato: “È un passo da gigante. Non vedo l’ora di fare qualcosa mai accaduta in tutta la mia carriera agonistica“.

Il fondatore Alejandro Agag ha confermato la volontà di porre l’attenzione sull’uguaglianza: “Stiamo lottando per l’eguaglianza” ha dichiarato “e questo formato sportivo non è altro che l’effetto della nostra volontà di raggiungere quell’obiettivo”

Sulla stessa linea Michele Mouton, presidente della Commissione Donne Fia: “Alejandro e il suo team continuano veramente a supportare l’eguaglianza di genere nel nostro sport con azioni concrete. Questa è davvero una grande opportunità per uomini e donne“.

La serie fuoristrada completamente elettrica è destinata a correre in località remote in tutto il mondo. Lo scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sui cambiamenti climatici. Avrà visibilità mediatica attraverso la trasmissione streaming dai canali della BBC.

Al momento sono sei le squadre che disputeranno il campionato, ma presto potrebbero aggiungersene almeno due, arrivando ad otto. 5 saranno gli appuntamenti sempre che non ci saranno ritardi dovuti all’emergenza coronavirus

Calendario provvisorio di Extreme E Stagione 1 (2021)

23-24 gennaio: Lac Rose, Dakar, Senegal

5-6 marzo: Al-‘Ula, Arabia Saudita

14-15 maggio: Kali Gandaki Valley, distretto di Mustang, Nepal

28-29 agosto: Kangerlussuaq, Groenlandia

30-31 ottobre: ​​Santarem, Para, Brasile

Il futuro del calcio femminile, tutti ne parlano

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20