F1-Domenicali

Il nuovo Ceo (Amministratore Delegato) della F1 Stefano Domenicali ha rilasciato delle dichiarazioni dove ha auspicato un ritorno della Ferrari in grado di competere e smuovere il campionato ormai fermo sullo strapotere della Mercedes e di Hamilton. Inoltre ha parlato anche del calendario e delle altre problematiche riguardo la ripartenza per concludere proprio sul rinnovo di Luis Hamilton. Andiamo subito a conoscere le parole del Ceo della F1-Domenicali.

F1-Domenicali: che cosa ha detto il Ceo?

Stefano Domenicali ha rilasciato a Sky Sport delle dichiarazioni molto importanti. Domenicali sulla Ferrari dice: “Rispetto a quanto successo lo scorso anno, abbiamo tutti bisogno di una Ferrari competitiva e che torni a giocarsi le proprie carte in un contesto non facile, me ne rendo conto. Io sono convinto che le cose miglioreranno, anche se non sarà facile con i regolamenti che sono stabili. Hanno potuto lavorare un po’ sulla power unit per recuperare il gap dello scorso anno. Mi aspetto una Ferrari che si avvicini all’obiettivo di poter tornare a lottare. Penso che se lo augurino anche team principal come Wolff (Mercedes) e Horner (Red Bull) per avere uno show che sia più attraente per tutti”. 


Test prestagionali F1: si correrà in Bahrain


F1-Domenicali: quali sono state le sue parole sul calendario?

Sul calendario Domenicali dichiara: “C’è un prudente ottimismo per questo calendario a 23 gare. Siamo in contatto con tutti gli organizzatori e, al di là delle restrizioni dei singoli paesi e dello slittamento della gara inaugurale in Australia a novembre, l’obiettivo è di correre tutti i GP”. Cambiano gli orari dei Gran Premi, su questo particolare Domenicali dice: “Posso anticipare al netto di una formalizzazione che deve ancora esserci, che le gare partiranno alle 14, alle 15 o alle 17. L’ora piena insomma, e non alle 14.10, 15.10… eccetera”. 

Sul rinnovo non ancora formalizzato tra Hamilton e la Mercedes Domenicali conclude dicendo: “Non sta a me dire se firmerà o non firmerà ma davanti a lui ha una grande opportunità cioè diventare coi numeri e con quello che ha da fare il più grande pilota del mondo. Inoltre ha la possibilità di esercitare un ruolo da protagonista che va al di là della dimensione sportiva. Lo potrà fare anche in futuro ma sappiamo che un conto è essere un campione operativo che si sta giocando un risultato storico, un conto è farlo in un’altra dimensione. Ma sono convinto e spero che possa essere annunciato in fretta”.

Pagina Twitter F1: https://twitter.com/f1

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20