f1 gp francia
LE CASTELLET, FRANCE - JUNE 20: Red Bull Racing team members celebrate on the pitwall as Max Verstappen of the Netherlands driving the (33) Red Bull Racing RB16B Honda crosses the finish line to win during the F1 Grand Prix of France at Circuit Paul Ricard on June 20, 2021 in Le Castellet, France. (Photo by Peter Fox/Getty Images) // Getty Images / Red Bull Content Pool // SI202106200413 // Usage for editorial use only //

La F1 regala un grande show al GP di Francia, con Max Verstappen che tira fuori il proverbiale coniglio dal cilindro. Nonostante un piccolo errore in partenza, e la strategia pazzoide del box Red Bull, l’asso olandese conquista una vittoria favolosa, superando Lewis Hamilton a due giri dalla conclusione. Il sette volte iridato approfitta degli errori del rivale, ma non riesce a contrastarne la forza. Hamilton è lo specchio di una Mercedes un pochino in difficoltà al Paul Ricard, che perde il podio con Valtteri Bottas a vantaggio di Sergio Perez. Duetto McLaren con Lando Norris che conclude quarto davanti a Daniel Ricciardo quinto. La scuderia di Woking straccia la Ferrari nel confronto diretto: la Rossa al Ricard è in grave difficoltà, con entrambe le vetture fuori dai punti. Pierre Gasly, Fernando Alonso, Sebastian Vettel e Lance Stroll completano la top ten.

F1: cosa succede al GP di Francia?

Il poleman Verstappen regala la prima posizione ad Hamilton con un lungo alla prima variante. La situazione sembra a favore della Mercedes, ma subito emerge il problema gomme. L’usura delle coperture medie è più elevata del previsto, spingendo in tanti ad anticipare la prima sosta. “Super Max” è il primo a pittare, al 19esimo giro, con Lewis che rientra la tornata dopo. Grazie all’undercut, l’olandese ripassa in testa. Entrambi passano alle gomme dura, ma dopo arriva il colpo di scena: Verstappen si ferma di nuovo, al giro 33. E monta le gomme gialle!



Qualifiche Gp Francia: Verstappen in pole, Hamilton secondo


Strategia suicida?

Nessuno sa il motivo della scelta Red Bull, comunque Max si ritrova con 15 secondi da recuperare ad Hamilton. La gara sembra segnata, con le Mercedes che vanno fino alla fine, e con l’orange che ha molta strada da fare. Ma anche qui, è l’usura a fare la differenza. Sia l’inglese che Bottas sono in affanno con delle gomme bianche attaglianate dal graining, mentre il duo Red Bull si avvicina. Con le coperture più fresche (e più morbide), Verstappen recupera lo svantaggio, superando più di un secondo al giro. Dopo aver fulminato Bottas al giro 44, si lancia all’inseguimento di Hamilton, che ha un vantaggio di 5 secondi. Sembra un’impresa impossibile, ma ci riesce. Max sorpassa Lewis a due tornate dalla conclusione, conquistando una vittoria pesante. Ora accenna ad un allungo nel mondiale piloti, portando il vantaggio a 12 punti.

F1: un GP di Francia da dimenticare per la Ferrari

Se la Red Bull sorride, la Ferrari piange lacrime amare. I problemi di graining sono cronici sulle SF21, tanto da compromettere la prestazione di Charles Leclerc e Carlos Sainz. Il monegasco ha gravi problemi di tenuta con le gomme hard, a tal punto da dover effettuare una seconda sosta per poter continuare. Il madrileno cerca di evitare un nuovo stop, ma perde terreno. Alla fine della fiera, le due Rosse sono fuori dai punti: 11esimo Carlito, 16esimo Charles. Un disastro. Per contro, la McLaren piazza due monoposto in zona punti, ritrova Daniel Ricciardo e ricava il massimo da un Lando Norris al top. Ottime anche le prestazioni di Fernando Alonso e Pierre Gasly, che al Ricard gioca in casa. Punti anche per il duo Aston Martin, con Vettel davanti a Stroll. La strategia iniziale di partire con il compound più duro si rivela valida. Zero punti anche per Alfa Romeo, con Antonio Giovinazzi che si toglie la soddisfazione di finire davanti a Leclerc, in 15esima posizione. Tanto peggio di così…

Immagine in evidenza di Red Bull Content Pool, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20