fbpx
Settembre19 , 2021

F1: il GP di Turchia è già a rischio

Related

Supercoppa Basket 2021: Venezia-Virtus e Brindisi-Milano le semifinali

Saranno Venezia-Milano e Brindisi-Virtus Bologna le semifinali della Supercoppa...

Il primo Campionato Italiano di Pump Track ha i suoi vincitori

Il primo Campionato Italiano di Pump Track ha i...

Raiola avvisa la Juve: “De Light può andare via”

Parla poco, ma quando lo fa non è mai...

Roma partenza da grande ma occhio all’Hellas

Una Roma compatta che concede poco, verso la trasferta...

Share

Il GP di Turchia non fa in tempo a rientrare nel calendario della F1 che già rischia di uscirne fuori. La pandemia potrebbe infatti mettere alla porta la gara dell’Istanbul Park, chiamata a sostituire la tappa del Canada già esclusa quasi per le stesse ragioni. Il circus sta studiando delle alternative: il GP è previsto per il 13 giugno, una settimana dopo il GP di Baku che per ora è confermato. Tra le ipotesi vagliate c’è anche quella di anticipare di una settimana il GP di Francia (dal 27 al 20 giugno) con l’aggiunta di un doubleheader, che potrebbe svolgersi in Francia oppure in Austria, al Red Bull Ring.

F1: perché il GP di Turchia rischia di saltare?

La pandemia non è ancora finita, e bisogna farci i conti. Sembra che le cose in Turchia non vadano tanto bene, a tal punto che le autorità del Regno Unito (dove hanno sede quasi tutti i team) vuole inserire il paese nella “lista rossa” dei posti a rischio. Il provvedimento prevede una quarantena obbligatoria di 10 giorni per chi viene da tali zone, da scontare in un hotel selezionato dalle autorità sanitare. È un bel problema logistico per i team, di difficile soluzione. Di solito, la Turchia viene raggiunta via nave, per motivi di costi, ma se la tappa dovesse saltare, le squadre dovranno organizzarsi diversamente. A quel punto, dopo la trasferta di Baku, il personale rientrerebbe direttamente in sede, per via aerea.

Al momento, la F1 non ha ancora deciso il destino del GP di Turchia. Il provvedimento del governo di Londra entrerà in vigore il 12 maggio, e la dirigenza guidata da Stefano Domenicali dovrà prendere una decisione in fretta. Tra l’altro, ci sono ancora dubbi sulle trasferte asiatiche di fine anno, e sulle tappe di Messico e Brasile. Tra le ipotesi che circolano c’è un possibile prolungamento della stagione europea (non ideale per ragioni climatiche) e persino un doppio round negli USA, con un clamoroso ritorno a Indianapolis. Vi terremo aggiornati.


Gran Premio di Spagna: dove in tv e orari


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20