L’ex capo della Ferrari, Jean Todt, e grande amico di Micheal Schumacher, nel corso di una lunga intervista al Maily, ha dichiarato di aver fatto visita al campione tedesco nella sua casa di Ginevra dove sembra si stia riprendendo dalle lesioni cerebrali seguite allo spaventoso incidente sugli sci avvenuto sette anni fa a Meribel: “Ho visto Michael la settimana scorso – ha detto il francese- Sta combattendo. Spero che il mondo possa rivederlo. Questo è ciò per cui lui e la sua famiglia stanno lavorando”

Si è poi soffermato dell’attualità e sul possibile erede di Schumacher: “Amo Micheal, ma è impossibile dire chi sia il migliore di sempre. Ci sono Juan Manuel Fangio, Jim Clark, Ayrton Senna e Micheal”. Lewis Hamilton potrebbe eguagliare il record di Schumacher di titoli vinti, ma per Todt sarebbe poco importante: “So che può succedere che Lewis batta il record di micheal come pilota più titolato della storia. Con la Mercedes ci sono tutti gli ingredienti per farlo. Onestamente non mi dispiace”.

Poi conclude con una considerazione: “Ricordo nel 2000 quando ero sul podio a Suzuka con Micheal dopo che aveva vinto il suo titolo con la Ferrari e gli dissi che la vita non sarebbe stata più la stessa. Avevamo ottenuto tutto quello che volevamo. Dopo un incidente come quello che ha avuto Micheal, importa che Lewis vinca di più?

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20