Originariamente la gara era prevista allo Stadio Olimpico Atatürk di Istanbul. In seguito alla decisione del Regno Unito di inserire la Turchia nella lista rossa delle destinazioni Covid l’Uefa ha poi deciso di cambiare la sede della finale e andare a Oporto. La prima notizia positiva è che ci sarà il pubblico presente negli spalti. La gara si disputerà il 29 Maggio alle ore 21:00 e si sfideranno Manchester City e Chelsea.


Finale di Champions League 2020/2021: il governo inglese la vuole a Wembley

Champions League finale: ad Istanbul si parla Inglese


Finale Champions Oporto: quanti tifosi potranno assistere?

Il 29 maggio 2021 si sfideranno all’Estadio Do Dragao di Oporto il Manchester City e il Chelsea. Dalle fonti su dice che ci saranno circa 6.000 tifosi. L’Uefa attraverso un comunicato dice: “La capacità dello stadio per la partita sarà definita e confermata a  tempo debito in collaborazione con le autorità portoghesi e l’FPF. Tuttavia i fan delle squadre in gara potranno acquistare i biglietti attraverso i club nel solito modo, con i 6.000 biglietti per club in vendita il prima possibile da oggi. Gli accordi per la vendita dei  biglietti al pubblico inizieranno il 24 maggio 2021 alle ore 14:00. Il numero di tifosi di ogni squadra che potranno partecipare è lo stesso previsto a Istanbul.

il comunicato della Uefa

La Ufa precisa: “La finale di Champions League si trasferisce in Portogallo per consentire la partecipazione di 6.000 fan di ogni squadra. La finale era originariamente prevista allo Stadio Olimpico  Atatürk di Istanbul ma, in seguito alla decisione del governo del  Regno Unito di inserire la Turchia nella sua lista rossa delle destinazioni di viaggio Covid-19, organizzare la finale avrebbe significato che nessuno dei fan dei club sarebbe stato in grado di  viaggiare per vedere la sfida.

Dopo un anno in cui i tifosi sono  rimasti chiusi fuori dagli stadi, la Uefa ha pensato che fosse necessario fare di tutto per garantire la partecipazione dei tifosi delle due squadre finaliste. Inoltre la Uefa ha discusso lo spostamento della partita in Inghilterra ma, nonostante gli sforzi esaurienti da parte  della Federcalcio e delle autorità, non è stato possibile ottenere le  necessarie esenzioni dagli accordi di quarantena del Regno Unito”.

Finale Champions Oporto: i motivi del cambio sede

Infine la Uefa dichiara: “Le autorità portoghesi e la FPF sono intervenute e hanno collaborato  rapidamente e senza soluzione di continuità con la Uefa per offrire un luogo adatto per la finale e poiché il Portogallo è una destinazione della lista verde per l’Inghilterra, i tifosi e i giocatori che partecipano alla finale non dovranno entrare in quarantena al loro ritorno a casa.

La decisione non arriva senza grande rammarico per il  lavoro che le autorità calcistiche turche hanno svolto negli ultimi  due anni per garantire il buon esito della finale di Istanbul. La UEFA è grata anche per la loro continua collaborazione e spirito di  cooperazione, nonché per la comprensione che hanno dimostrato in  questa particolare circostanza e esaminerà con urgenza le opportunità  future per la città di Istanbul”.

Pagina Twitter Uefa: https://twitter.com/UEFAcom_it?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Eauthor

 

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20