Dagli spalti è facile criticare: eppure tutti sono concordi nel non capire perché Montella si ostini a giocare senza un attaccante, anche di fronte all’evidenza (come mercoledì scorso con il Sassuolo) della necessità di una punta di riferimento per un centrocampo povero di idee. Boateng – lento e fuori ruolo – è il suo ultimo pallino, a spese dello scalpitante Vlahovic. Ma questa storia parte da lontano.

Montella è uomo di grande autostima; propenso ad adattare gli uomini agli schemi e non il contrario, come fanno i grandi allenatori, e forse anche compiaciuto dallo spiazzare la critica schierando formazioni a sorpresa o insistendo su giocatori che stima solo lui. Solo che non è nelle condizioni di Conte o Klopp, che chiedono – e soprattutto ottengono – top player in grado di far funzionare l’idea di calcio che hanno in testa. Togliete a Conte (che pure ha una rosa fortissima) Lukako e Lautaro e vediamo cosa succede al suo 3-5-2.

Ma Montella si sente manager, e non da adesso. Nella sua prima esperienza fiorentina, per due anni si avvale dell’altissimo rendimento di un centrocampo che, almeno sulla carta, nasce come scommessa: l’attempato Pizarro, il sempre-infortunato Aquilani e lo sconosciuto appena retrocesso Borca Valero, integrati dal libero con i piedi buoni Gonzalo Rodriguez, anche lui reduce da una stagione da dimenticare, e dalla verve di Juan Quadrado. Sono loro che fanno girare la squadra, esaltando due attaccanti atipici dal futuro breve (Liajic e Jovetic). Il 3-5-2 nasce da questa miscela indovinata di giocatori.

L’anno successivo Montella chiede e ottiene l’arrivo del centravanti tedesco Mario Gomez da affiancare a Giuseppe Rossi (ristabilito dai suoi problemi fisici) e Quadrado; dal 3-5-2 passa al più offensivo 4-3-3, ma le cose non vanno come sperato. Rossi si infortuna di nuovo e Gomez si rivela una delle più grandi delusioni della storia viola. Nonostante questo, la squadra centra nuovamente il quarto posto.

Il terzo anno di Montella a Firenze è salvato dall’arrivo a gennaio di Salah (parziale contropartita in prestito dalla cessione di Quadrado), che con i suoi gol tiene a galla la squadra sia in campionato che in coppa. Di nuovo quarto posto, poi è la rottura: lui vuole nuovi investimenti, i Della Valle hanno deciso di smobilitare, e le strade di dividono.

Seguono tre esperienze fallimentari alla Sampdoria, Milan e Siviglia. Poi il clamoroso ritorno a Firenze – uno score da brividi nelle partite che seguono l’esonero di Pioli, e finalmente Pradé gli allestisce una squadra adatta alle sue idee. Dopo l’arrivo di Ribéry, è di nuovo 3-5-2: modulo che permette buona copertura, ma a scapito di una certa prevedibilità nello sviluppo della manovra e in zona gol. Ma per qualche partita la differenza la fanno il vecchio campione francese e l’esplosività di Chiesa, capaci di inventarsi sempre qualcosa. Anche di mascherare il problema più grande, che questa squadra gioca sempre sotto ritmo. Così subiamo le squadre più forti, ma anche le meno forti, che, non avendo campioni a cui affidarsi, corrono e pressano a tutto campo.

Ma Montella, che non sembra curarsi di questo aspetto, anche senza Ribéry e con Chiesa sotto tono, persiste con le sue idee adattando i giocatori alla sua idea di calcio. Anche con il Parma rinuncia a schierare una vera punta, inverte di piede le due ali che non saltano mai l’uomo intasando le fasce, dove Dalbert, senza Ribéry che gli fa spazio e porta via sempre due difensori, non trova mai il fondo per crossare, e quando lo fa, al centro non c’è nessuno. Il falso 4-3-3 dell’allenatore viola è in realtà un 4-5-1, dove il falso nueve (Boateng) più che non dare punti di riferimento alla difesa del Parma, non riesce a darne all’attacco viola.

Ci vuole il gol del Parma, e altri venti minuti di riflessione per correre ai ripari inserendo Vlahovic e rimettendo Chiesa dalla sua parte: e non è un caso se la squadra di D’aversa finalmente comincia a soffrire e la Fiorentina trova il gol col suo nuovo golden boy Castrovilli. Una modifica tattica che ognuno dei trentamila presenti sugli spalti avrebbe fatto sin dal 1° minuto, ma non Montella.

Perché lui ha le sue idee, e non sembra curarsi delle critiche, anche contro l’evidenza di un gioco che non c’è e di risultati che non arrivano. Naturalmente il tempo potrebbe dare ragione a lui e non a tutti gli altri: anche questo tener duro è una posizione da grande manager, e saremmo contenti come non mai di essere noi dalla parte del torto.

Please follow and like us:
Previous articleWTA Finals: Barty impone la legge della n.1
Next articleNBA Night: Los Angeles batte San Antonio e vola al comando ad Ovest
Sono nato a Firenze nel 1968. Dai 19 ai 35 anni ho speso le mie giornate in officine, caserme, uffici, alberghi, comunità – lavorando dove e come potevo e continuando a studiare senza un piano, accumulando titoli di studio senza mai sperare che un giorno servissero a qualcosa: la maturità scientifica, poi una laurea in “Scienze Politiche”, un diploma di specializzazione come “Operatore per le marginalità sociali”, un master in “Counseling e Formazione” ed uno in “Programmazione e valutazione delle politiche pubbliche”, un dottorato di ricerca in “Analisi dei conflitti nelle relazioni interpersonali e interculturali”. Dai 35 ai 51 mi sono convertito in educatore, progettista docente universitario, sociologo, ma non ho dimenticato tutto quello che è successo prima. È questa la peculiarità della mia formazione: aver vissuto contemporaneamente l’esperienza del lavoro e quella dello studio – due percorsi completamente diversi sul piano materiale ed emotivo, che trovano un punto di sintesi nell’acquisizione di una esperienze professionali e di vita e nella ricerca di strumenti in grado di analizzarle. Ho buttato via un’enormità di tempo, e pubblicato qualcosa: alcuni racconti e poesie (primo classificato premio letterario nazionale Apollo d’oro, Destinazione in corso, Città di Eleusi), ho esordito nel romanzo con "Le stelle sul soffitto" (La Strada, 1997), a cui è seguito il primo noir "Sotto gli occhi" (segnalazione d’onore Premio Mario Conti Città di Firenze, La Strada, 1998); ho vinto i premi Città di Firenze e Amori in corso/Città di Terni per la sceneggiatura del cortometraggio "Un’altra vacanza" (EmmeFilm, 2002), e pubblicato il racconto "Solitario" nell’antologia dei finalisti del premio Orme Gialle (2002). Finalista anche nel 2014 al festival letterario Grado Giallo, sono presente nell’antologia 2016 del premio Radio1 Plot Machine con il racconto "Storia di pugni e di gelosia" (RAI-ERI). Per i tipi di Delos Digital ho scritto gli apocrifi "Sherlock Holmes e l’avventura dell’uomo che non era lui" (2016), "Sherlock Holmes e il mistero del codice del Bardo" (2017), "Sherlock Holmes e l’avventura del pranzo di nozze" (2019) e il saggio "Vita di Sherlock Holmes" (2017). Sociologo, mi occupo di ricerca sui temi della politica, della comunicazione, della disabilità, della violenza di genere, e svolgo attività di docenza e formazione in ambito universitario. Tra i miei ultimi saggi: "Modelli sociali e aspettative" (Aracne, 2012), "Undermedia" (Aracne, 2013), "Deprivazione Relativa e mass media" (Cahiers di Scienze Sociali, 2016), "Scenari della postmodernità: valori emergenti, nuove forme di interazione e nuovi media" (et. al., MIR, 2017), Identità, ruoli, società (YCP, 2017), "UniDiversità: i percorsi universitari delgi studenti con svantaggio" (et. al., ANCI, 2018). Con "Linea Gotica" (Damster, 2019) ho vinto il primo premio per il romanzo inedito Garfagnana in giallo Barga noir. Il breve saggio "Resistere è fare la nostra parte" è stato pubblicato nel numero 59 della rivista monografica Prospektiva dal titolo “Oltre l’antifascismo” (2019). Dal 2015 curo il mio blog di analisi politica e sociale osservatorio7 (www.osservatorio7.com, oggi su www.periodicodaily.com). Tutto questo, tutto quello che ho fatto, l’ho fatto a modo mio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.