Non abbiamo la bacheca piena di trofei, è vero – lo stadio non è adeguato, ma in fatto di coreografie e passione non siamo secondi a nessuno…

Lo stadio pieno, la splendida coreografia – come d’abitudine contro la Juventus – sono la risposta al consueto atteggiamento della dirigenza bianconera che, forte della supremazia bianconera negli ultimi anni, anche in questa occasione si è esibita prima della partita nel rituale giro attorno al terreno di gioco, incurante dell’altrettanto consueta reazione della tifoseria incapace di interpretarlo, a torto o ragione, altro che come una sorta di provocazione.

Ma questa volta, Agnelli jr, Nedved e Paratici non hanno potuto opporre alla selva di fischi che li ha accompagnati al loro ingresso in campo la prestazione della propria squadra: una brutta Juventus, che non è mai stata pericolosa per la porta viola, meritando ampiamente ai punti la sconfitta, ma strappando un sofferto pareggio. Difficile capire dove iniziano i meriti della Fiorentina e i demeriti della squadra di Sarri. Certo è che i ritmi bassi hanno favorito il bel palleggio dei ragazzi di Montella, che già si erano espressi bene con il Napoli, ma avevano mostrato di soffrire la corsa del Genoa.   

La Fiorentina: il mister disegna un inedito 3-5-2 che permette ai due esterni di centrocampo – Lirola e Dalbert – di aiutare in copertura (da sinistra a destra) Caceres, Pezzella e Milenkovic, a fronte di un attacco che vede schierati contemporaneamente giocatori del calibro di Ronaldo, Higuain e Douglas Costa. Se il calcio fosse matematica, non ci sarebbe storia: la differenza di monte ingaggi tra le due squadre è di 6 a 1, un po’ come se in una corsa automobilistica si sfidassero un’auto con un motore da 50 cavalli contro uno di 300. Viene da chiedersi che senso abbia un campionato con valori economici (e di conseguenza tecnici) così distanti.

Nella squadra viola la differenza con la brutta prestazione della difesa a Genova sta nella possibilità concessa a Pezzella di giocare nel mezzo della difesa con a fianco due compagni di reparto, così da poter agire più da libero che da marcatore puro, contribuendo a rilanciare la manovra; nell’inserimento di Caceres, che ha dato solidità al reparto; nella crescita di condizione di Badelj, sempre in grado di dare ai compagni della difesa una soluzione per liberarsi della palla.

Segnatevi tre nomi: Gaetano Castrovilli da Minervino Murge, classe 1997, a breve centrocampista inamovibile della squadra azzurra che verrà: fantasia e corsa del centrocampo. Frank Ribery, 37 anni tra qualche mese: per molti acquisto legato ad esigenze di marketing più che tecniche, ma che ha dimostrato di poter ancora fare la differenza ed è uscito, esausto, tra i meritatissimi applausi. E quello di Vincenzo Montella, che oggi rischiava una porzione non trascurabile del suo incerto futuro sulla panchina viola, che è comunque ancora tutto da scrivere.

Resta l’amaro in bocca per non aver portato casa il risultato pieno, ma anche la soddisfazione per una prestazione che lascia ben sperare per il futuro; anche a dispetto della statistica, che restituisce il dato impietoso di una squadra che, nell’anno solare, non ha ancora mai vinto una partita in casa. I tifosi, con i loro 27.000 abbonamenti sottoscritti, hanno mostrato di credere al progetto del nuovo presidente Commisso: l’entusiasmo in città non manca, si aspettano solo i gol, magari del nuovo centravanti di cui si dice un gran bene, il brasiliano Pedro, che un infortunio ha dirottato la sua carriera dal Real Madrid a Firenze. A volte eventi sfortunati aprono la strada a nuove, inaspettate opportunità…

Please follow and like us:
Previous articleMondiali di Nuoto Paralimpico Londra 2019, l’Italia fa il pieno di medaglie
Next articleIl derby del Penzo è del Chievo
Sono nato a Firenze nel 1968. Dai 19 ai 35 anni ho speso le mie giornate in officine, caserme, uffici, alberghi, comunità – lavorando dove e come potevo e continuando a studiare senza un piano, accumulando titoli di studio senza mai sperare che un giorno servissero a qualcosa: la maturità scientifica, poi una laurea in “Scienze Politiche”, un diploma di specializzazione come “Operatore per le marginalità sociali”, un master in “Counseling e Formazione” ed uno in “Programmazione e valutazione delle politiche pubbliche”, un dottorato di ricerca in “Analisi dei conflitti nelle relazioni interpersonali e interculturali”. Dai 35 ai 51 mi sono convertito in educatore, progettista docente universitario, sociologo, ma non ho dimenticato tutto quello che è successo prima. È questa la peculiarità della mia formazione: aver vissuto contemporaneamente l’esperienza del lavoro e quella dello studio – due percorsi completamente diversi sul piano materiale ed emotivo, che trovano un punto di sintesi nell’acquisizione di una esperienze professionali e di vita e nella ricerca di strumenti in grado di analizzarle. Ho buttato via un’enormità di tempo, e pubblicato qualcosa: alcuni racconti e poesie (primo classificato premio letterario nazionale Apollo d’oro, Destinazione in corso, Città di Eleusi), ho esordito nel romanzo con "Le stelle sul soffitto" (La Strada, 1997), a cui è seguito il primo noir "Sotto gli occhi" (segnalazione d’onore Premio Mario Conti Città di Firenze, La Strada, 1998); ho vinto i premi Città di Firenze e Amori in corso/Città di Terni per la sceneggiatura del cortometraggio "Un’altra vacanza" (EmmeFilm, 2002), e pubblicato il racconto "Solitario" nell’antologia dei finalisti del premio Orme Gialle (2002). Finalista anche nel 2014 al festival letterario Grado Giallo, sono presente nell’antologia 2016 del premio Radio1 Plot Machine con il racconto "Storia di pugni e di gelosia" (RAI-ERI). Per i tipi di Delos Digital ho scritto gli apocrifi "Sherlock Holmes e l’avventura dell’uomo che non era lui" (2016), "Sherlock Holmes e il mistero del codice del Bardo" (2017), "Sherlock Holmes e l’avventura del pranzo di nozze" (2019) e il saggio "Vita di Sherlock Holmes" (2017). Sociologo, mi occupo di ricerca sui temi della politica, della comunicazione, della disabilità, della violenza di genere, e svolgo attività di docenza e formazione in ambito universitario. Tra i miei ultimi saggi: "Modelli sociali e aspettative" (Aracne, 2012), "Undermedia" (Aracne, 2013), "Deprivazione Relativa e mass media" (Cahiers di Scienze Sociali, 2016), "Scenari della postmodernità: valori emergenti, nuove forme di interazione e nuovi media" (et. al., MIR, 2017), Identità, ruoli, società (YCP, 2017), "UniDiversità: i percorsi universitari delgi studenti con svantaggio" (et. al., ANCI, 2018). Con "Linea Gotica" (Damster, 2019) ho vinto il primo premio per il romanzo inedito Garfagnana in giallo Barga noir. Il breve saggio "Resistere è fare la nostra parte" è stato pubblicato nel numero 59 della rivista monografica Prospektiva dal titolo “Oltre l’antifascismo” (2019). Dal 2015 curo il mio blog di analisi politica e sociale osservatorio7 (www.osservatorio7.com, oggi su www.periodicodaily.com). Tutto questo, tutto quello che ho fatto, l’ho fatto a modo mio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.