franco morbidelli yamaha wrc ufficiale

Con il 2021, Franco Morbidelli arriva al terzo anno di attività con il Team Petronas. Il romano, arrivato in seno alla Yamaha dalla porta di servizio, è diventato uno dei riferimenti della casa di Iwata, specie in un anno difficile come il 2020. All’indomani della presentazione di team con base in Malesia, riteniamo interessante ascoltare le sue parole, dalle quali emerge il legame che il pilota ha costruito con la squadra. una squadra speciale, come dice lo stesso “Morbido”.


Yamaha Petronas inaugura l’era Rossi


Franco Morbidelli, cos’ha di speciale il team Petronas?

Secondo Morbidelli, il segreto del suo team sta nei membri che ci lavorano. “Mi piacciono tante cose del team a cui appartengo“, ha detto ai microfoni di Sky, “Riconosco in tutti una grande professionalità, il livello è davvero molto alto, mi piace lavorare con questi ingegneri, meccanici, prima di tutto proprio per la loro ‘anima’, al di là del lato puramente tecnico, delle loro competenze. Questo sarà il mio terzo anno in Petronas, sono molto contento di rimanere qua, avrò modo di conoscere sempre di più le persone del team“.

Morbido ha speso anche due parole sulla livrea, che però non è cambiata rispetto ai due anni precedenti. Ma non è la verniciatura che fa andare più forte: serve una combinazione di fattore umano e fattore tecnico, e questo Franco lo sa bene. Così come sa bene quale obiettivo raggiungere quest’anno. “Nel 2021 sarà importante migliorarsi“, ha proseguito. “Cercheremo di fare un lavoro migliore rispetto al 2020: sarà difficile perché nell’ultimo Mondiale abbiamo raccolto ottimi risultati, ma ci proveremo“. Quest’anno Morbidelli avrà la stessa moto dell’anno scorso, una Yamaha M1 Spec-A.


Franco Morbidelli ed il caso della Yamaha proibita


Il rapporto con Rossi

Nel corso della chiacchierata con Sky, Morbidelli ha anche affrontato la questione Valentino Rossi, il suo amico e maestro con cui quest’anno dividerà il box. Come vanno le cose tra loro due? “Nella prossima stagione dividerò il box con Valentino, sarà un anno bello, spero possa essere un anno fantastico per entrambi“, ha detto. “Lui è un mio grande amico, ora sarà anche il mio compagno di squadra. Impareremo l’uno dall’altro“. Sicuramente, da uno come Rossi c’è sempre da imparare, ma se dovessero lottare per un qualcosa d’importante, quanto tempo ancora durerà l’idillio? Lo scopriremo dal 28 marzo, data del primo GP della stagione in Qatar.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20