La semifinale di Europa League del 17 agosto si avvicina sempre di più, e nell’avvicinarsi salgono tensione e concentrazione. L’Inter è l’unica squadra italiana ancora in corsa in questo finale di stagione di marca europea, e lunedì sera affronterà gli ucraini dello Shakhtar, con un obiettivo prestigioso come la finalissima di Europa League. Tutta la squadra rema dalla stessa parte, con il condottiero Antonio Conte che crede nei suoi ragazzi e che li spingerà a suon di urla per tutti e 90 i minuti di gioco. Anche Gagliardini vuole la finale; il centrocampista intervistato in queste ore ha espresso il desiderio comune di tutta la squadra, che ha un solo obiettivo: vincere per proseguire la marcia verso la conquista della coppa!

L’INTERVISTA A GAGLIARDINI:

L’AVVERSARIO:

In queste ora Sky Sport ha intervistato il centrocampista dell’Inter, chiedendogli cosa pensasse dei prossimi avversari in Europa League; l’ex atalantino ha risposto così: “È una partita importante, difficile. È una squadra forte, che stiamo studiando in questi giorni e che ha individualità importanti. Dobbiamo prepararla bene come stiamo facendo e mettere in campo quello che ci chiede il mister”. Lo Shakhtar infatti, sottovalutato da molti, non è nuovo a questi palcoscenici, e anche quest’anno sta dimostrando di esser una squadra di assoluto valore, con giocatori di grande talento che non vanno mai sottovalutati.

L’OBIETTIVO:

Come detto in precedenza i nerazzurri nella testa hanno solo una cosa, la finale, e il centrocampista dell’Inter ha espresso molto bene il pensiero di tutti dicendo: “Dal Getafe in poi erano già finali, sono tutte gare secche e bisogna viverle come tali. È tanto tempo che l’Inter non fa partite di questo genere e abbiamo tutte la carte in regola per giocarcela. Fatica? Diciamo che anche questa settimana di riposo ci sta aiutando a recuperare le energie. La stiamo preparando nel migliore dei modi e ci faremo trovare pronti”. Quindi Gagliardini vuole la finale, ad ogni costo, anche se siamo ad agosto e la stagione è stata lunga e travagliata; l’Inter non deve sprecare questa grande opportunità per tornare grande in Europa.

Battendo il Bayer 2-1 ai quarti all’Inter manca solo la semifinale per raggiungere nuovamente una finale europea dopo il triplete del 2010

IL CONDOTTIERO:

Nell’ultima parte dell’intervista Gagliardini ringrazia ed elogia il condottiere dell’Inter, Antonio Conte, artefice della rinascita nerazzurra in questa stagione. Le parole del centrocampista sono di grande stima, verso un allenatore che ha sempre creduto in lui:  “Il mister è importantissimo, mi sta dando fiducia e lo ringrazio per questo. In tutta la stagione tutti hanno avuto problemi, a volte purtroppo eravamo in tre contati, io ho avuto degli infortuni e per il mister è stato facile fare delle scelte. Adesso mi sta dando continuità e lo ringrazio: cerco di ripagarlo in campo. Il mister lo conoscete: è un osso duro e vive ogni partita come una finale, in maniera intensa. Anche questa la sta preparando con questa cattiveria”.

Tutta l’Inter dunque ci crede e vuole far tornare a parlare di sè per i titoli vinti e non per le sconfitte! Testa alla semifinale dunque, con vista sulla finalissima di Europa League!

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20