Buona la prima ad Euro 2019

(di Marco Tulli) – Sono del colore del bronzo le fate azzurrine della ginnastica artistica. Alla prima apparizione ad Euro 2019, le italiane si aggiudicano un ottimo terzo posto e, portano a casa una medaglia dopo cinque anni di vuoto. Complici di ciò le sorelle D’Amato.

La nazionale ha registrato: una medaglia di bronzo, un quarto ed un sesto posto nel concorso generale individuale e, ben tre finali di specialità. Numeri importanti dunque quelli visti dalla nazionale italiana agli Europei 2019 di ginnastica artistica. Importanti perché dopo cinque anni si è tornati a salire sul podio, l’ultimo precedente risale al 2014, quando, a salire sul podio fu Vanessa Ferrari. Aveva 24 anni Vanessa quando nella sua specialità, il corpo libero, conquista l’oro agli europei disputati a Sofia.

Alice D’amato medaglia di bronzo agli Europei 2019

A rendere così positivo il risultato delle azzurrine agli europei, è l’ottima prova della 16enne Alice D’amato, classe 2003. Alice nasce a Genova il 7 febbraio del 2003, sorella gemella di Asia, anche lei ginnasta. Alice gareggia insieme alla gemella per la Brixia di Brescia. Proprio all’esordio nel circuito maggiore, Alice sfodera un’incredibile prova in una delle sue specialità, le parallele asimmetriche. Prova dal punteggio di 14.466 che le vale, a soli 16 anni, il gradino più basso del podio. Alice arriva dal circuito Under 16 che ha dominato grazie al suo talento e alla sua passione, le stesse qualità che le hanno permesso di arrivare fino al podio di Polonia 2019. Alice ha così dimostrato di avere la stoffa per diventare una campionessa a livello internazionale.

Asia D’amato classe 2003

Ottima la prova anche di Asia, gemella di Alice che, nel volteggio sfoggia un’ottima prova ma, purtroppo, per soli 8 centesimi rimane fuori dal podio. Prestazione comunque di spessore la sua che, si aggiunge a quella di Alice e permette alla Nazionale, di festeggiare quello che si prospetta un roseo futuro.

Meno brillanti sono state le prove di Villa e Iorio.

la futura stella della ginnastica artistica Giorgia Villa

Giorgia Villa, nasce a Ponte San Pietro in provincia di Bergamo anche lei come le compagne di squadra nel 2003. Gareggia proprio con le gemelle D’amato per la Brixia di Brescia. Giorgia viene da un 2018 indimenticabile dove, conquista agli Europei di Glasgow, categoria juniores, 3 medaglie d’oro. Una nella prova individuale, una nella prova a squadre e una nella trave e, due argenti, nel corpo libero e nel volteggio. A soli 16 anni, la campionessa juniores, era candidata alle pretendenti al titolo in questa competizione, purtroppo però, causa di alcuni problemini fisici e influenza, Giorgia non è riuscita a rispettare le aspettative. La giovane atleta di Bergamo, torna dunque a casa senza medaglia e con un sesto posto sulle spalle a causa di un paio di cadute nella fase finale. Un vero peccato se consideriamo il fatto che Giorgia, accede alla finale con il miglior punteggio.

Elisa Iorio

A chiudere il quartetto di Enrico Casella invece, una decisamente sottotono Elisa Iorio, 16 anni. Nasce a Modena il 21 marzo 2003. Un Elisa quella vista qui agli Europei 2019 molto “fallosa” in qualifica e una assai lontana dagli standard al quale aveva abituato il pubblico.

Non c’è però tempo per festeggiare troppo. Gli occhi delle nostre fate sono già proiettati ai campionati mondiali che, si svolgeranno ad ottobre a Stoccarda. Lì le ragazze della Nazionale, dovranno conquistare un biglietto degli ultimi nove posti a disposizione per i prossimi giochi Olimpici di Tokyo 2020. Sono già qualificate per i giochi di Tokyo invece, USA, Cina e Russia.

Non ci dovrebbero essere problemi per queste giovani atlete, che con le tre migliori prove hanno totalizzato un punteggio pari a 161.4, un punteggio che avrebbe permesso di lottare per il podio ai Mondiali di Doha 2018 e di conquistare l’argento nel team event agli Europei 2018.

Buona fortuna ragazze, l’Italia con voi avrà sicuramente tante soddisfazioni.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.