fbpx
Settembre18 , 2021

Giro D’Italia 19 tappa: Simon Yates vince sprintando

Related

Real Betis vs Espanyol: pronostico e possibili formazioni

Il Real Betis cercherà di registrare la sua terza...

Angers vs Nantes: pronostico e possibili formazioni

L'Angers ospiterà il Nantes in Ligue 1 domenica 19...

Yamaha si prepara per lo sbarco in Moto2

Sottotraccia, i costruttori stanno tornando nella classe media del...

Superbike Barcellona: Sykes distrugge tutti in Superpole

Tra i due litiganti, il terzo gode. Con uno...

Nizza-Monaco: pronostico e possibili formazioni

L'Allianz Riviera ospita domenica 19 settembre un attesissimo Derby...

Share

Simon Yates (Team BikeExchange) è stato il migliore nella giornata che si è conclusa con una ripida salita all’Alpe di Mera nella 19 tappa del Giro d’Italia 2021. Yates ha pedalato ottimamente alla base della salita di 10 km e negli ultimi 2 km con un grado del 12 percento ha tenuto testa a Joao Almeida (Deceuninck-Quick-Step) e alla maglia rosa Egan Bernal (Ineos Grenadiers) che si è lasciato alle spalle. Questa è la prima vittoria di tappa per il Team BikeExhange in questa edizione del Giro.


Tappa 19 del Giro D’Italia 2021: mappe e altimetrie


Giro D’Italia 19 tappa: che cosa è successo?

Un break a sei di Andrea Pasqualon (Intermarché–Wanty–Gobert Matériaux), Mark Christian (Eolo-Kometa), Giovanni Aleotti (Bora-Hansgrohe), Nicola Venchiarutti (Androni Giocattoli-Sidermec), Quinten Hermans (Alpecin-Fenix), e l’americano Larry Warbasse (AG2R-Citroën), avevano quattro minuti a 83 km dalla fine. Deceuninck-Quick-Step ha preso il comando a 70 km dalla fine, su un tratto pianeggiante in riva al lago e stava forando il ritmo. Questo sforzo ha dimezzato il distacco dalla fuga nei successivi 10 km.

Una caduta nel gruppo principale a 51 km dalla fine ha visto Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo) e Luis León Sánchez (Astana-Premier Tech). A Brambilla è stata data una nuova moto dalla sua vettura del team, ma non è subito decollato per riprendere i rapporti con il gruppo principale. Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) è andato in testa per assumere il controllo del ritmo e per aiutare Bernal a essere in una buona posizione per gli ultimi 40 km. Alberto Bettiol (EF Education-Nippo), reduce dalla vittoria della tappa 18, stava scortando il compagno di squadra Hugh Carthy mentre il ritmo aumentava prima della penultima salita. Ma il gruppo in testa era determinato a stare lontano, anche se avevano solo 70 secondi di distacco con 30 km di gara rimanenti.

Giro d’Italia 19 tappa: Yates e la corsa alla testa della gara

Negli ultimi 20 km con la corsa in salita più impegnativa che doveva ancora venire Deceuninck-Quick-Step e Ineos Genadiers hanno continuamente esercitato pressione sul gruppo. Con 16 km da percorrere alla base relativamente poco profonda della salita il Team BikeExchange ha portato Yates in testa. La salita finale è stata di 10 km con un falso piano a 4 km dalla fine prima che la strada si inclinasse oltre il 12 percento.

Dai resti della fuga Mark Christian (Eolo Kometa) ha rifiutato di essere catturato e ha cercato di tenere a bada il gruppo che stava assorbendo i resti della fuga. Negli ultimi 10 km e nella salita finale il distacco dalla testa della corsa è stato di soli 19 secondi con Deceuninck-Quick-Step e Ineos Grenadiers ancora davant, in modalità inseguimento. Questo sforzo si è concluso a 7,5 km quando Christian è stato raggiunto da James Knox e João Almeida (entrambi Deceuninck-Quick-Step) in testa alla classifica generale mentre eliminava i corridori dal fondo del gruppo. Almeida che ha guidato la precedente edizione del Giro era senza una vittoria di tappa nel 2021 ha mantenuto la pressione su Bernal poiché i due erano vicini alla parte anteriore dell’inseguimento. Yates ha attaccato appena fuori dai 7 km.

Giro d’Italia: le fasi finali

Almeida, George Bennett (Jumbo-Visma) e Damiano Caruso (Bahrain-Victorius) sono stati pronti a seguirlo ma Bernal è rimasto calmo nel progetto dei suoi compagni di squadra. Aleksandr Vlasov (Astana-Premier Tech), Almeida, Yates, Caruso e Bennett stavano lavorando insieme per prendere tempo su Bernal, che è rimasto calmo. Yates è andato di nuovo allo sprint mentre dietro Bernal è rimasto tranquillamente sulla ruota di Castroviejo sulle pendenze del 12 percento. A 5 km dalla fine Yates aveva guadagnato un vantaggio di 25 secondi sul gruppo di Bernal ma era ancora indietro di 3:30 sul tempo complessivo.

Dietro Yates, Bennett è stato eliminato da un gruppo di inseguimento, lasciando solo Caruso, Almeida e Vlasov, e poi il gruppo di Bernal. Carthy ha attaccato il gruppo della maglia rosa e si è unito al gruppo di Caruso, tuttavia, Ineos Grenadiers ha continuato a seguire Bernal e lo ha riportato in testa a tutti tranne Yates. A 3 km dalla fine, Yates aveva 25 secondi ed era in radio da gara per informazioni sul divario e sulla salita rimanente. È stato in grado di vedere la concorrenza alle sue spalle, mentre concludeva i restanti tornanti. Bernal, senza i suoi compagni di squadra e con Almeida nella sua ombra, sembrava molto forte rispetto ai 2 km precedenti, poiché Caruso al secondo posto era distanziato. Yates ha resistito per la vittoria, mentre Almeida ha lasciato Bernal nell’ultimo 1 km.

Corsa Rosa: la 20 tappa

La penultima tappa di 164 km di sabato va da Verbania all’Alpe Morra. Il percorso collinare attraversa la Svizzera e, a metà tappa, affronta la salita di 23,7 km fino a San Bernardino prima di superare lo Splügenpass. L’arrivo è sopra Madesimo su una salita di 7,3 km con una pendenza media del 7,6 percento.

Pagina Twitter Giro d’Italia: https://twitter.com/giroditalia?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Eauthor

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20