fbpx
Settembre18 , 2021

Giro d’Italia 20 tappa: sventola il tricolore con Damiano Caruso

Related

Belenenses-Gil Vicente: pronostico e possibili formazioni

Cercando di risalire dal fondo della classifica, il Belenenses...

Real Sociedad-Siviglia: pronostico e probabili formazioni

La Real Sociedad e il Siviglia si affronteranno domenica...

Maiorca vs Villarreal: pronostico e possibili formazioni

Ancora alla ricerca della prima vittoria della stagione della...

GP Misano Moto3: Migno primo tra i brividi in FP3

Il sabato della Moto3 qui a Misano si apre...

Tottenham Hotspur-Chelsea: pronostico e possibili formazioni

Dopo aver avuto risultati contrastanti nei loro incontri europei...

Share

Oggi 29 Maggio 2021 si è corsa la 20 tappa del Giro d’Italia che si prende la tutta scena come un leone in mezzo alla foresta. Bernal limita le perdite mentre Caruso fa una mossa a lungo raggio che la porta alla vittoria. Ora ha il vantaggio di 1:59 in classifica con solo una tappa alla fine. Una vittoria che ha dimostrato il valore del corridore che grazie ad uno sprint efficace e sorprendente ha guadagnato la prima posizione.


Tappa 20 del Giro d’Italia 2021: il percorso del 29 maggio 2021


Giro d’Italia 20 tappa: Bernal ha avuto molte difficoltà

Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) ha fatto saltare in aria Romain Bardet (DSM) vincendo la tappa 20 del Giro d’Italia sabato. Egan Bernal è arrivato secondo sulla tappa dopo aver respinto una mossa pericolosa che aveva visto Caruso attaccare dal gruppo di classifica negli ultimi 50 km mentre cercava di risalire dal secondo in classifica. Caruso era riuscito a fare una spaccata nella parte anteriore della gara mentre cercava di recuperare più di due minuti su Bernal per tirare un’incredibile svolta. Bernal ha giocato con calma mentre il gruppo di fuga di Caruso ha guadagnato fino a un minuto alla fine del test multi-montagna e Ineos Grenadiers è stato messo sotto pressione.

Daniel Martínez ha giocato ancora una volta MVP sull’ultima salita della giornata masticando il vantaggio di Caruso mentre Bernal sedeva sulla sua ruota. Martínez ha lasciato cadere una manciata di rivali di Bernal durante la salita finale prima che la maglia rosa si liberasse nel chilometro finale per suggellare la sua vittoria assoluta, lasciando Martínez al terzo posto della giornata. Nonostante Caruso non abbia scalzato Bernal sabato la vittoria di tappa premia il pilota che aveva iniziato la gara come gregario del compagno di squadra Mikel Landa. La vittoria è stata la prima del siciliano nel gran tour di casa. “Ho pensato a mille cose negli ultimi metri prima del traguardo, a tutti i sacrifici, al mio allenamento e a tutto il lavoro svolto dai miei compagni di squadra” ha detto Caruso.

Cosa hanno detto Caruso e Bernal?

Caruso dopo la vittoria dice: “Oggi abbiamo pedalato in modo esemplare, Pello Bilbao in particolare ha fatto un lavoro incredibile e ha giocato un ruolo fondamentale in questa vittoria. Oggi ho realizzato un sogno, penso di essere l’uomo più felice del mondo”. Molti si aspettavano che il team BikeExchange facesse esplodere la giornata per conto d  Simon Yates ma è stato il team DSM ad illuminare l’azione mentre cercava di posizionare Bardet per una vittoria di tappa e un aumento della classifica. 

Invece Yates è caduto sull’ultima salita ed è arrivato sesto sulla tappa ma non ha perso posizioni in classifica generale. Le posizioni del podio ora sembrano fisse con solo 30 km di cronometro al termine della domenica. Bernal tiene 1:59 su Caruso e 3:23 su Yates. Il quarto posto Aleksandr Vlasov (Astana-Premier Tech) è tornato alle 7:07. “Sono soddisfatto del risultato” ha detto Bernal. “Abbiamo gestito bene la situazione finalmente abbiamo due minuti di vantaggio per domani, quindi siamo in una buona posizione. Non è il massimo avere il secondo posto in classifica davanti a te (sul palco della premiazione) con quasi un minuto di vantaggio. Ma per fortuna avevo ancora dei compagni di squadra quindi ho cercato di usarli e arrivare il più fresco possibile nell’ultima salita e anche per domani”.

Giro d’Italia 20 tappa: cosa è successo?

Sebbene BikeExchange avesse controllato il gruppo nella prima metà della tappa e avrebbe dovuto cercare di far saltare in aria la gara per Yates, è stato DSM a iniziare a fare danni sull’interminabile salita di Bernardino di 24 km. DSM si è ammassato in testa per tutta la seconda metà della salita, assottigliando il gruppo e mangiando il divario con i cinque corridori in fuga rimanenti. Tre membri del Team DSM hanno continuato ad accumularsi durante la lunga discesa, dividendo un piccolo gruppo dal gruppo che ha preso il break.

Il duo Bardet e Bahrain-Vittoria Caruso e Pello Bilbao sono entrati nel gruppetto in testa alla corsa, poiché Ineos Grenadiers è stato costretto a bruciare i corridori nell’inseguimento. Bernal non ha cercato di farsi prendere dal panico mentre il secondo posto Caruso ha percorso quasi un minuto la strada per la seconda salita della tappa mentre molti dei suoi compagni di squadra Ineos hanno iniziato a svanire. Il gruppo di testa è sceso solo a Caruso, Bilbao, Bardet e il suo compagno di squadra DSM Michael Storer mentre la gara ha colpito l’ultima salita all’Alpe Motta, con il gruppo di classifica di circa una dozzina di corridori che inseguono 40 secondi indietro.

Le fasi finali della gara

La salita di 8 km verso il traguardo si è trasformata in una battaglia diretta tra Caruso e Bardet, con Daniel Martínez che ha guidato l’inseguimento nel gruppo dei sei corridori della classifica dietro. Bardet sembrava cotto durante la salita dell’Alpe Motta e Caruso alla fine ha fatto saltare il francese dalla sua ruota prima di tentare ostinatamente il cronometro fino al traguardo per vincere la sua prima tappa della gara. Martínez ha guidato a tutta velocità lungo le pendici inferiori dell’arrivo in vetta mentre Bernal e João Almeida si sono aggrappati al volante. 

Sia Yates che Aleksandr Vlasov hanno faticato a tenere il ritmo, e il russo è stato il primo a spuntare sotto il ritmo inesorabile di Ineos Grenadiers. Martínez e Bernal hanno continuato a spingere fino all’ultimo chilometro, lasciando prima Yates e poi Almeida, raggiungendo Bardet in difficoltà. Bernal non è stato in grado di raggiungere Caruso, ma è stato in grado di limitare i danni al suo rivale in classifica a soli 24 secondi.

Ultima tappa Giro d’Italia

Il Giro si chiuderà domenica con un cronometro pianeggiante di 30 km a Milano. Caruso è il più veloce dei contendenti al podio su una bici da crono e ha preso sei e sette secondi rispettivamente su Yates e Bernal negli 8,6 km attraverso Torino in Grande Partenza all’inizio di questo mese. Tuttavia con i divari così ampi tra le posizioni del podio, è altamente improbabile che ci sarà un cambiamento nelle prime tre posizioni di domenica.

Pagina Twitter Giro d’Italia: https://twitter.com/giroditalia?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Eauthor

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20