giro-italia-103

Oggi 24 Ottobre 2020 si è corsa la 20 tappa della corsa rosa meglio conosciuta come il Giro-Italia-103. Il percorso ha attraversato Alba fino a Sestriere per un totale di 200 chilometri. Il vincitore della tappa è stato Geoghegan Hart, con una volata da sogno. Domani il Giro D’Italia si concluderà a Milano, con una strana nostalgia di tutte le emozioni che ci ha dato la corsa più affascinante di sempre.

Leggi anche: Giro D’Italia-2020: Josef Cerny vince la 19 tappa

Giro-Italia-103: la 20 tappa

Tao Geoghegan Hart vince la 19 tappa del Giro d’Italia a cronometro di domenica a Milano. Il 25enne scozzese nato a Londra è alla pari con il nuovo leader della corsa, Jai Hindley dell’Australia, in un clima teso e senza precedenti dopo oltre 85 ore di gara. Ha dato alla Gran Bretagna la sua seconda vittoria al Giro d’Italia in tre anni dopo l’ultima vittoria di Chris Froome nel 2018. Per un corridore che si aspettava di supportare Richard Carapaz o Geraint Thomas nel tentativo di ottenere la vittoria assoluta, è uno sbalorditivo colpo di fortuna. Dopo il modo in cui il team Ineos di Geoghegan Hart ha diviso la gara in pezzi sulla massiccia salita del Passo dello Stelvio di venerdì, non è stata una sorpresa vederli tentare qualcosa di simile al Sestriere, dove hanno dovuto rimuovere il leader notturno, Wilco Kelderman. Anche se Geoghegan Hart partiva 15 secondi dietro a Kelderman, l’olandese avrebbe avuto il vantaggio domenica, quindi doveva essere rimosso dall’equazione.

Giro-Italia-103: i cambi improvvisi della tappa

Dopo che le autorità francesi si sono rifiutate di consentire alla gara di utilizzare il Col d’Izoard e il Colle dell’Agnello, entrambi tra le salite più dure delle Alpi gli organizzatori della gara hanno improvvisato all’ultimo minuto un percorso più facile, con una prima salita al Sestriere seguito da due giri inclusa un’altra salita nel resort. Queste erano strade a bassa quota, più larghe e meno ripide e salite più brevi, ma Kelderman non ha tratto profitto dal cambiamento. Ineos ha organizzato un assalto frontale, con il loro ex campione del mondo a cronometro Rohan Dennis che ha messo in una massiccia iniezione di ritmo avvicinandosi alla penultima salita. Proprio come aveva fatto sullo Stelvio, ha fatto a pezzi il gruppo principale. Quando il field ha aumentato il ritmo con un giro di 27 km rimanenti, Kelderman era dietro Geoghegan Hart, Dennis e Hindley di 35 secondi.

Giro-Italia-103: una gara faticosa

La gara è stata perfettamente bilanciata. Se Kelderman sarebbe riuscito a trattenere Hindley, Dennis e Geoghegan Hart entro un minuto, poteva essere in grado di iniziare la cronometro con un minimo di speranza nel cuore. Come compagno di squadra di Kelderman nella squadra tedesca Sunweb, Hindley è stato obbligato semplicemente a seguire la coppia Ineos. Geoghegan Hart ha dovuto risparmiare le forze per domenica, quindi è toccato a Dennis fare il passo. L’australiano è stato prelevato dal Team Sky nel 2019 dopo aver lasciato il Tour de France di quell’anno a seguito di una bizzarra disputa con la squadra Bahrain-Merida e ha continuato a vincere il titolo mondiale a cronometro ad Harrogate in stile dominante. Se Geoghegan Hart vincerà il Giro, Dennis avrà giocato un ruolo fondamentale; in effetti, ci sono stati momenti in entrambe le tappe principali della montagna in cui sembrava più forte del suo leader.

Giro-Italia-103: la 21 tappa

 La ventunesima e ultima tappa sarà una cronometro di 15 chilometri da Cernusco sul Naviglio a Milano. Al traguardo sarà incoronato il vincitore di questa discussa e tormentata edizione. Quindici chilometri di cronometro, tutta sostanzialmente piatta e molto adatta agli specialisti. Si parte dal centro di Cernusco sul Naviglio, poi si uscirà dall’ex statale Padana Superiore su ampi rettilinei per arrivare all’inizio di via Palmanova. Al chilometro dieci, in via Padova, rilevamento cronometrico intermedio dopo una esse di novanta gradi. Da qui lungo rettilineo fino agli ultimi metri dove ci saranno in sequenza due curve di novanta gradi prima della retta di arrivo di 250 metri su lastricato.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20