gp austria gara moto2
dal profilo Twitter della MotoGP

La gara Moto2 del GP d’Austria regala il quarto vincitore diverso in cinque gare. L’onore oggi spetta a Jorge Martin, al comando dall’inizio alla fine. Lo spagnolo del team KTM Ajo precede Luca Marini e Marcel Shrotter, in una corsa dalla distanza ridotta a 13 giri.

Infatti, nel corso del quarto giro, la caduta di Enea Bastianini ha innescato una reazione a catena, con molti piloti coinvolti. le conseguenze peggiori le ha avute Afizh Siyahrin, il quale ha centrato la moto di Enea in velocità. La conseguenza è un botto pauroso, che spedisce il malese del Team Aspar al centro medico. La buona notizia è che è cosciente, anche se si sospetta una frattura al bacino.

Sam Lowes finisce quarto, al termine di una lotta furibonda con Xavi Vierge e Marco Bezzecchi. Thomas Luthi, Augusto Fernandez, Aron Canet e Joe Roberts completano la top ten.

Buona 11esima posizione per Lorenzo Baldassarri, con la Kalex del Team Pons. Stefano Manzi è 15esimo con la MV, davanti a Nicolò Bulega. Diciannovesima piazza per Lorenzo Dalla Porta, al miglior risultato stagionale. Chiudono la classifica italiana Simone Corsi, 20esimo, e Fabio Di Giannantonio, 21esimo.

Con il secondo posto, e lo zero di Bastianini, Marini sale al comando del mondiale piloti, con cinque punti di vantaggio sul riminese del team Italtrans.

GP Austria, la cronaca della gara Moto2

Remy Gardner non sfrutta al meglio la pole da record di ieri, e si fa sfilare da Martin alla prima curva. Buona partenza per Luca Marini, che dopo i primi due giri passa l’australiano e sale terzo. Gardner perde un’altra posizione, a vantaggio di Bezzecchi.

All’inizio del quarto giro, Bastianini subisce un highside, e cade in curva 1. la sua Kalex rimane in mezzo alla pista, e viene evitata da molte moto. Siyahrin invece, la centra in pieno, cadendo rovinosamente a terra. I detriti colpiscono altri piloti, come Edgar Pons. Siyahrin rimane a terra, e i detriti sono sparsi ovunque. Inevitabile la bandiera rossa.

Dopo una quindicina di minuti di attesa, si riparte con una gara sprint di 13 giri. Bastianini ha la moto distrutta, e non può ripartire.

Al secondo via, Marini brucia Schrotter, ma subisce la staccata di Martin. Lo spagnolo e l’italiano hanno un ritmo molto simile per le prime tornate, poi Jorge allunga decisamente, staccando il “Maro” di più di due secondi.

Grande lotta nelle posizioni di rincalzo. Bezzecchi sbaglia due volte la staccata di curva 3, e precipita in 12esima posizione. Si risveglia Sam Lowes, che lotta con Vierge, Canet e lo stesso Bezzecchi per la quarta posizioni. Il quartetto si contende le posizioni a suon di sorpassi, con Canet che cede nel ritmo e viene staccato.

A due giri dalla fine, Lowes e Bezzecchi vanno in contatto in rettilineo, senza conseguenze. Una tornata più tardi, l’inglese approfitta di un lungo di Vierge all’ultima curva per rubargli il quarto posto.

Dopo la bandiera a scacchi, Lowes e Bezzecchi bisticciano lungo la pista per il contatto in gara.

Classifica

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20