gp brno gara motogp
Immagine dal profilo Twitter della MotoGP

Risultato a sorpresa per la gara MotoGP del GP di Brno. E che sorpresa! Brad Binder sorpassa Franco Morbidelli, e conquista la prima vittoria in carriera. Il sudafricano, alla sua quarta gara in classe regina, regala il primo trionfo per la KTM.

Morbidelli finisce secondo, e si aggiudica il primo podio in carriera. Grande battaglia per la terza posizione, che vede prevalere Johann Zarco. Autore della pole, il francese prevale su una penalità, inflittagli per un contatto con Aleix Espargaro. Quinta posizione per Valentino Rossi, appena dietro alla Suzuki di Alex Rins.

Va invece male a Fabio Quartararo. Il leader del mondiale soffre probabilmente per la tenuta delle gomme, e precipita fino al settimo posto. Va ancora peggio Maverick Vinales, addirittura 14esimo al traguardo. Undicesimo, e mai in gara, Andrea Dovizioso.

GP Brno, la cronaca della gara MotoGP

Morbidelli è davanti a tutti allo spegnersi del semaforo. Fabio Quartararo riesce a stargli davanti per un po’, ma allarga e lascia sfilare il compagno. Ne approfitta anche Aleix Espargaro, che sale in seconda posizione.

Parte invece male Zarco, che riesce a compensare in parte alla prima staccata. E’ quarto dopo la prima curva.

Quartararo impiega più di due giri per passare Aleix. Alla fine ci riesce, ma ha oltre un secondo e mezzo da recuperare sul compagno di squadra. Comincia un duello “in famiglia” a suon di giri veloci.

Al quinto giro, Iker Lecuona perde l’anteriore e stende Joan Mir. Il valenciano del Team Tech3 è stato trasportato al centro medico per accertamenti.

Valentino Rossi passa davanti a Maverick Vinales, risalendo in nona posizione. Le sue gomme medie tengono, mentre il catalano va subito in crisi.

La parte centrale della gara è appannaggio della KTM. Brad Binder e Pol Espargaro sono più veloci sia di Zarco che di Quartararo, il quale non riesce a colmare il gap con Morbidelli. Brad e Polyccio sorpassano il francese, ma le sue staccate sono imprecise. Al decimo giro, Espargaro è davanti, ma va largo in curva 1. Johann lo affianca, Pol chiude. I due si toccano, il 44 finisce a terra.

La manovra costa a Zarco un discutibile Long lap Penalty. Il pilota Avintia lo sconta al giro 14, decisamente al limite. Riesce a mantenere la terza posizione, ma ha Quartararo alle calcagna.

Un giro prima, avviene l’impensabile. Dopo aver preso il secondo posto da Quartararo, Binder mangia tutto il distacco che lo separa da Morbidelli. Il sudafricano sorpassa il romano, e lo distanzia quasi subito.

Quartararo è in crisi di aderenza, ed i sui tempi sul giro salgono. In breve, viene superato da Alex Rins, Valentino Rossi e Miguel Oliveira, scalando fino al settimo posto. Il trio va poi a raggiungere Zarco, ma solo Rins sembra in grado di mettergli il sale sulla coda.

Gli ultimi due giri sono spettacolari. Zarco chiude tutte le porte a Rins, il quale cerca di sfruttare la scorrevolezza della sua Suzuki. Ma Johann fa valere la sua determinazione, e la velocità di punta della sua Ducati.

Dopo una buona partenza, Andrea Dovizioso passa da 18esimo a 11esimo, ma da lì non si muove. Passa decimo per un po’ di tempo, per poi subire il sorpasso da Aleix Espargaro.

Classifiche

In campionato, Quartararo allunga su Vinales, portando il vantaggio a 17 punti.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20