gp doha fp2 moto3

Scende la notte sul GP di Doha, e la FP2 della classe Moto3 fa risvegliare Darryn Binder. Il pilota Petronas s’issa in cima alla classifica ad inizio turno, con un bel 204″792. Sergio Garcia Dols si prende la seconda posizione alla bandiera a scacchi, scavalcando il forte argentino Gabriel Rodrigo. Sesta posizione finale per Jaume Masia, primatista della FP1. Lo spagnolo, vincitore dello scorso GP, ha davanti a sé John McPhee e Tatsuki Suzuki. Izan Guevara, Jeremy Alcoba, Pedro Acosta ed il nostro Romano Fenati chiudono la top ten.


GP Doha: la Moto3 riparte da Masia


GP Doha, Moto3: quali sono i temi della FP2?

Dai 59 gradi della FP1, nella FP2 l’asfalto passa ad appena 34 gradi. Sono tanti per una sessione in notturna, ma decisamente più normali rispetto al turno pomeridiano. E il risultato finale è che i tempi sul giro si sono velocizzati, anche se non più di tanto. Classifica alla mano, solo Binder ha girato più forte del primatista della scorsa settimana, Kaito Toba. E la differenza tra i due crono è solo di un decimo, dando l’impressione di una pista non tanto migliore rispetto alla volta precedente. Comunque, in condizioni di “fresco”, Binder e McPhee sono al top sul giro secco, e soprattutto, riescono ad ottenerli già dal primo giro veloce.

Il time attack di questa FP2 è decisivo per la zona Q2, essendo che le FP3 si correranno in pieno giorno, con l’asfalto bollente. Curiosamente, la grande maggioranza dei piloti escono in pista a poco più di due minuti dal termine, con il risultato che in tanti prendono la bandiera a scacchi. La classifica è rivoluzionata, con alcuni piloti che entrano ed altri che escono dalla top 14. Acosta, 22esimo fino all’ultimo, entra per il rotto della cuffia. Dennis Foggia, invece, ne esce fuori per appena 9 millesimi. Ed è dal romano che parte il nostro excursus tricolore.

La FP2 dei piloti italiani

Il “boia” di Dennis Foggia assume l’aspetto di Niccolò Antonelli, che con il 14esimo tempo è l’ultimo dei qualificati per la seconda qualifica. Romano Fenati e Stefano Nepa riescono a non prendere bandiera, e scalano la classifica al decimo e undicesimo posto rispettivamente. Disastro per Andrea Migno, 20esimo e mai in linea con i piloti di vertice. Stecca ance Riccardo Rossi, solitamente veloce sul giro secco, ed oggi 24esimo. Arrivederci a domani con la FP3.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20