fbpx

GP Giappone Moto3: Guevara si piega ma non si spezza

Date:

In Moto3 il GP del Giappone mostra quella che è la realtà dei fatti: niente e nessuno può fermare Izan Guevara. Nemmeno una rovinosa caduta nel warmup, che non gli tocca il fisico ma danneggia la sua moto. Il maiorchino non si scompone e stravince la gara con una Gas Gas…storta. Dennis Foggia si accontenta della piazza d’onore, mentre Ayumu Sasaki conquista il podio nella gara di casa. Sergio Garcia è in difficoltà: addio titolo?


Moto3, qualifiche GP Giappone: tanti auguri, Tatsuki Suzuki


GP Giappone Moto3: come va la gara?

Sotto un sole splendente, arriva il primo colpo di scena: un highside elimina il polesitter Tastuki Suzuki. Il “giappo-riccionese” non è l’unica vittima delle cadute, dato che anche Daniel Holgado ed il nostro Nicola Carraro sono out per un ruzzolone non richiesto. Lo spagnolo finisce al centro medico, ma è “fit”. Il gruppo di testa, quello che si gioca la vittoria, è composto da Guevara, Jaume Masia, Foggia e Sasaki. Izan corre con un telaio storto, figlio della rovinosa caduta subita nel warmup. I meccanici del Team Aspar fanno un mezzo miracolo a ricostruire la Gas Gas demolita, ma quando inciderà quell’impatto sull’economia di gara? La risposta avviene negli ultimi giri, quando Masia si autoelimina con un brutto highside, che gli costa un biglietto per il centro medico (dal quale esce quasi subito, per fortuna). Foggia e Sasaki provano ad attaccare il maiorchino, ma non c’è verso: Izan è troppo forte anche per loro. Il numero 28 è alla sua seconda vittoria consecutiva, e mette una piccola ipoteca sul titolo mondiale. Ora il suo vantaggio in campionato è di 45 punti, contro quel Sergio Garcia che fa solo quarto qui a Motegi. David Munoz, Diogo Moreira, John McPhee, Ryusei Yamanaka, Andrea Migno e Riccardo Rossi completano la top ten. Bella la prova degli altri italiani, con Stefano Nepa 12esimo ed Elia Bartolini 16esimo, ad un passo dalla zona punti. Scott Ogden perde l’occasione della vita per un’infrazione in gara che gli costa una penalità: l’inglese, secondo ieri nelle qualifiche, termina in 20esima posizione.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
Riccardo Trullo
Aspirante giornalista sportivo e membro orgoglioso della famiglia Periodicodaily. La mia specialità è il motorsport, in particolare la MotoGP ed il panorama americano di NASCAR, IndyCar, IMSA. Non disdegno la F1, campionato che seguo da una vita. E già che ci sono, butto un occhio nel settore delle auto di serie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Addio a Davide Rebellin, l’ex corridore muore travolto da un camion

È un giorno triste per il ciclismo che dice...

Cosa sono le Hypercar di Le Mans?

La gara di resistenza di 24 ore che si...

Logan Sargeant rivela la scelta del numero di F1

Nel 2014 la F1 ha modificato le regole relative...

DATE E AREA DI GARA CONFERMATE PER LA 37ª COPPA AMERICA

L'area di regata sia per la Challenger Selection Series...