gp teruel fp2 moto3

Dopo non aver brillato in FP1, Raul Fernandez si fa vedere nella FP2, in questa prima giornata della Moto3 nel GP di Teruel. Ma alla fine, il miglior tempo della sessione se lo prende Jeremy Alcoba, abile a strappare al connazionale il primato di classifica nel time attack. I due spagnoli si trovano così primo e secondo nella classifica parziale, replicando l’impresa anche nella combinata.

Rispetto al mattino ci sono piloti che fanno balzi in avanti e chi, invece, un po’ arranca. Al primo gruppo appartiene Darryn Binder, che dopo un primo turno lento fa segnare un incoraggiante quarto tempo, cosa che gli permette di entrare nelle 14 posizioni assolute che permettono, al momento, l’accesso in Q2.

Davanti al sudafricano troviamo Gabriel Rodrigo, autore di un episodio potenzialmente pericoloso. L’argentino del Gresini Racing cade durante l’ultimo tentativo, in curva 13. Gabi tocca involontariamente la ruota di Niccolò Antonelli e finisce nella via di fuga prima nel cambio di direzione. In traiettoria c’è la KTM di Jason Dupasquier, il quale finisce quasi contro le barriere di gomma per evitare l’avversario. Nessuna conseguenza, ma che paura!

Bel balzo in avanti per Ai Ogura, che dalla crisi del mattino passa al quinto tempo del pomeriggio. Il leader del mondiale Albert Arenas è solo decimo, ma è tranquillo in ottica qualifiche, così come Tastuki Suzuki (nono del turno) e Filip Salac. In zona Q2 anche Deniz Oncu, nonostante abbia terminato la sessione con il 23esimo tempo.

Diciannovesimo crono per Jaume Masia, il quale però mantiene la leadership nella combinata, grazie al tempo della sessione precedente.

GP Teruel Moto3, come sono andati gli italiani nelle FP2?

Bilancio in chiaroscuro per i piloti italiani nella seconda sessione di libere. Se guardiamo la classifica di fine turno, abbiamo Dennis Foggia in settima posizione, poi un filotto di nostri portacolori dall’undicesima alla sedicesima posizione. Nell’ordine: Tony Arbolino, il già citato Antonelli, Stefano Nepa, Davide Pizzoli, Romano Fenati e Celestino Vietti Ramus.

Di questo gruppo, solo Foggia, Arbolino e Fenati possono sorridere, essendo gli unici ad essere al momento qualificati per il Q2. Antonelli, ad esempio, nonostante abbia migliorato il crono della FP1, non è sufficiente per entrare in top 14 nella combinata, dov’è attualmente classificato 16esimo. Stesso discorso per Nepa e Pizzoli, mentre Vietti nella zona nobile c’era entrato in FP1, ma non è riuscito a scendere sotto il suo riferimento mattutino in FP2. Andrea Migno, infine, non si è nemmeno avvicinato alla zona Q2, siglando un deludente 23esimo tempo.

La classifica combinata

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20