gp brno aragon portogallo catalogna emilia romagna fp1 moto3 fp2 fp3 qualifiche prove libere teruel

Raul Fernandez è il re delle qualifiche della Moto3, e lo dimostra anche al GP di Teruel. Fin dal primo giro lanciato, lo spagnolo di casa KTM Ajo si mette in cima alla classifica dei tempi e non la molla più, grazie ad uno stratosferico 1’57″199. Un tempo già di per sé notevole, specie se si pensa che Raul lo ha ottenuto senza sfruttare nessuna scia.

Scia che invece permette a Tony Arbolino di artigliare la prima fila. Sfruttando abilmente il “gancio” involontario di Albert Arenas, il lombardo si piazza al secondo posto, a poco più di due decimi da Fernandez. Ottima prova anche per Celestino Vietti, il quale arriva a meno di un decimo da Arbolino, in terza piazza.

Ottima qualifica anche per Gabriel Rodrigo, che dalla Q1 arriva ad aprire la seconda fila. L’argentino del Gresini Racing conferma la sua capacità sul giro secco. Dietro di lui Arenas, il quale non riesce a trovare il traino giusto. Ci ha provato con il compagno di team Stefano Nepa, che però rallenta troppo rovinando il piano. Albert lo sgrida con la gamba destra.

Sesto tempo per Ayumu Sasaki, una delle sorprese della qualifica di questo weekend. Jaume Masia, Kaito Toba, Tatsuki Suzuki e Ai Ogura completano la top ten.

Delude Darryn Binder, il quale conferma le sue difficoltà nelle prove ufficiali: il sudafricano partirà dalla 15esima casella, ma aspettiamoci una delle sue grandi rimonte in gara. Ancora più indietro John McPhee, ancora in lizza per il mondiale seppur staccato. Lo scozzese del team Petronas partirà 17esimo, appena davanti a Deniz Oncu, che come Sasaki ha sorpreso nel weekend aragonese.

GP Teruel Moto3, che qualifica è stata per gli italiani?

Abbiamo detto di Arbolino e Vietti, che grazie alle tattiche giuste rendono onore all’Italia in questo sabato spagnolo, il resto della pattuglia tricolore è decisamente più appannato.

Dennis Foggia e Romano Fenati sono 12esimo e 13esimo rispettivamente. Il romano di casa Leopard sbaglia la strategia, rimanendo in pista troppo a lungo e rientrando per la gomma nuova solo a 3 minuti dal termine. Il marchigiano del Max Racing Team si ostina a girare da solo, nonostante il rettilineo da 1 Km suggerisca una tattica differente.

Buona prestazione per Stefano Nepa, capace di superare la Q1 all’ultimo momento. L’abruzzese non collabora molto con Arenas, al punto dal farlo arrabbiare, e non trova la spinta giusta per salire la classifica. Domani partirà 16esimo.

Gli altri nostrani non superano lo scoglio della Q1. Niccolò Antonelli si qualifica 18esimo mostrando una certa mancanza di velocità. Davide Pizzoli conferma il suo potenziale con il 24esimo tempo.

La vera, grande delusione del sabato italiano è Andrea Migno. Il romagnolo del VR46 passa i primi 13 minuti senza un giro cronometrato, riducendosi all’ultimo momento. Come Fenati, anche “Mig16” opta per girare da solo ma non si rivela la scelta migliore. Migno partirà domani dalla 26esima casella, ma la sensazione è che non abbia il passo buono per la gara di domani.

Griglia di partenza


Occhio agli orari! La Moto3 scatta domani alle 11.20.
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20