Quattordici piloti si sono messi in ginocchio prima del Gran Premio d’Austria di apertura della stagione di Formula 1.

Charles Leclerc della Ferrari e Max Verstappen della Red Bull hanno dichiarato che non lo avrebbero fatto prima della gara, ma entrambi hanno sottolineato il loro sostegno alla lotta contro il razzismo.

Antonio Giovinazzi, Daniil Kvyat, Carlos Sainz e Kimi Raikkonen sono stati gli altri piloti a rimanere in piedi.

Lewis Hamilton indossava una maglietta con la scritta “Black Lives Matter”.

Tutti gli altri piloti indossavano magliette nere simili che riportavano le parole “End Racism”. 

Anche molti membri dello staff e del personale si sono messi in ginocchio.

“Fine del razzismo. Una causa. Un impegno”, ha detto la Formula 1.

“Come individui, scegliamo il nostro modo di sostenere la causa.

Come gruppo di piloti e una più ampia famiglia di F1, siamo uniti nel suo obiettivo.”

Leggi anche: F1: Vince Bottas; Leclerc è magico

Gran Premio D’Austria, 14 piloti si mettono in ginocchio

Leclerc e Verstappen sono stati i primi due piloti a dichiarare la propria posizione su un argomento che ha causato polemiche tra i piloti di F1.

Leclerc ha affermato che la sua decisione si basa sul fatto che prendere il ginocchio “potrebbe essere visto come controverso in alcuni paesi”, ma non ha approfondito questo punto.

Ha aggiunto: “Credo che ciò che conta siano fatti e comportamenti nella nostra vita quotidiana piuttosto che gesti formali.

“Non mi inginocchierò, ma questo non significa affatto che sono meno impegnato di altri nella lotta contro il razzismo”.

Verstappen ha dichiarato: “Sono molto impegnato nell’uguaglianza e nella lotta contro il razzismo.

Ma credo che ognuno abbia il diritto di esprimersi in un momento e nel modo che gli si addice.

“Oggi non mi metterò in ginocchio, ma rispetto e sosterrò le scelte personali che ogni pilota fa”.

La dichiarazione dei piloti di F1

I piloti hanno rilasciato una dichiarazione collettiva attraverso la Grand Prix Drivers ‘Association sabato dicendo che “sono uniti con le loro squadre contro il razzismo e il pregiudizio.

Abbracciando allo stesso tempo i principi di diversità, uguaglianza e inclusione e supportando l’impegno della F1 nei loro confronti.

“Insieme tutti i piloti mostreranno il loro sostegno pubblico per questa causa domenica prima della gara, riconoscendo e rispettando che ogni individuo ha la libertà di mostrare il proprio sostegno per porre fine al razzismo a modo suo e sarà libero di scegliere come farlo”.

Le dichiarazoni dei piloti

Ma alcuni sono a disagio nel mettersi in ginocchio.

Un gesto che ha avuto origine nella NFL negli Stati Uniti per richiamare l’attenzione su questioni riguardanti l’uguaglianza razziale e la brutalità della polizia.

Hamilton ha detto sabato che la riluttanza era dovuta alla mancanza di comprensione della questione del razzismo.

Il conducente della Mercedes ha dichiarato di aver espresso la sua opinione sui conducenti durante una riunione di venerdì.

“Ho appena descritto lo scenario secondo cui il silenzio è davvero un complimento.

C’è del silenzio in alcuni casi”, ha detto Hamilton, l’unico pilota nero della F1.

“Ma penso che sia parte di un dialogo di persone che cercano di capire perché ci sono ancora alcune persone che non comprendono appieno ciò che sta accadendo.

E sopratutto qual è la ragione di queste proteste e continuo a cercare di essere quel guidatore e provo a influenza il maggior numero di persone possibile”.

Le Opinioni del pilota Daniel Ricciardo

Il Daniel Ricciardo della Renault, che insieme a Leclerc è stato uno dei driver per parlare contro il razzismo sui social media il mese scorso, ha dichiarato: “Sicuramente sono stato favorevole al movimento Black Lives Matter.

Ho letto molto e ho cercato di imparare di più, è qualcosa che ha sicuramente attirato il mio interesse e qualcosa che 100% voglio sostenere.

“La chat con i piloti è stata essenzialmente questa: tutti noi siamo al 100% a bordo per sostenerlo e porre fine al razzismo. Nessuno di noi è” anti “questo. Quindi lo supportiamo tutti.

“Penso che ci fosse forse un po ‘di difficoltà forse con alcuni piloti e la loro nazionalità e che cosa forse rappresenterebbe qualcosa come mettersi in ginocchio.

“Ovviamente il motivo per cui lo faremo è semplicemente quello di sostenere Black Lives Matter; non è niente di politico o altro.

Ma c’è un po ‘di una linea sottile, penso, con alcuni driver e le loro nazionalità e come viene percepita.”

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20